LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Uno show a cielo aperto contro i tagli alla cultura
Simona Totino
Torino Cronaca 21-OTT-2005

Insolita protesta degli artisti: il 12 novembre tutti in mazza Castello tra musica e teatro, Gratis

I tagli al Fondo unico per lo spettacolo (Fus) da parte della nuova finanziaria hanno gettato anche Torino nel caos. E a farne le spese, per ora, è soltanto il pubblico. La penseranno sicuramente così i 1.650 spettatori del Regio che stasera dovranno rinunciare all'Aida" per via dello sciopero indetto dalla Fials (Federazione italiana autonoma lavoratori spettacolo). Uno sciopero che non vede per niente favorevoli il sovrintendente Valter Vergnano e il direttore artistico Marco Tutino decisamente contro l'agitazione definita «un attacco contro il pubblico voluto solo dalla Fials che arrecherà un grave danno al Regio, tutto esaurito per questa recita da tempo. Non è in questo modo che si fa del bene allo spettacolo. Le soluzioni devono essere altre».
E proprio di questo, delle soluzioni, si è discusso ieri pomeriggio in un incontro organizzato alla Maison
Musique di Rivoli dove lo stesso Vergnano, l'assessore alla Cultura della Regione, Giovanni Oliva, hanno accettato con entusiasmo l'iniziativa di Luca di portare in piazza un'intera giornata di spettacoli per protestare contro i tagli. La data fissata è il 12 novembre, luogo dell'appuntamento: piazza Castello.
«Si tratta di un'iniziativa che mi trova pienamente d'accordo - ha commentato l'assessore Oliva - e alla quale la Regione parteciperà attivamente. Sono invitati tutti i protagonisti del mondo del teatro, del cinema, della musica che desiderano partecipare e la protesta avverrà nel solo modo in cui gli artisti sanno fare: attraverso le esibizioni».
«Bisogna essere compatti - ha aggiunto Vergnano - in questa battaglia e fare breccia intorno al ministro Buttiglione che sta cercando con ogni mezzo di recuperare i finanziamenti necessari per farci sopravvivere. Al teatro Regio sono impiegate trecento persone e se i tagli avverranno per noi sarà un disastro».
Dal canto suo l'assessore Oliva, che proprio all'inizio del suo mandato aveva annunciato tagli al settore cultura ha ribadito che il suo piano di ottimizzazione delle risorse è iniziato attraverso un progetto che vuole sviluppare al massimo le potenzialità del circuito Sabaudo.
«La maggior parte dei finanziamenti è destinato alle Regge Sabaude, secondo me possono diventare come i castelli della Loira francesi che attraggano ogni anno migliaia di turisti e un buon introito finanziario. Certo la spesa è stata alta, solo il restauro di Venaria è costato milioni di euro. Adesso stiamo lavorando per organizzare al suo interno eventi e rendere vivo culturalmente quel patrimonio».



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news