LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Maddalena. L'Ue impone lo stop all'ecomostro Usa
Piero Mannironi
La Nuova Sardegna 20/10/2005

BRUXELLES. L'Europa intima lo stop ai lavori di ampliamento della base della Us Navy nell'arcipelago della Maddalena. L'altro ieri, infatti, il governo comunitario ha inviato una lettera di "costituzione in mora" all'Italia per la violazione dell'articolo 10 del trattato Ue. E ci per non aver risposto alle richieste di spiegazioni poste da Bruxelles, dopo le interrogazioni parlamentari della verde Monica Frassoni e gli esposti presentati dagli ecologisti del "Gruppo d'Intervento giuridico" e degli "Amici della Terra". Un silenzio che equivale a una caduta di stile istituzionale.
Cosa accadr adesso? Il governo italiano dovrebbe bloccare i lavori in corso a Santo Stefano e procedere a quella valutazione di incidenza ambientale che avrebbe dovuto invece precedere l'attuazione del progetto della Marina americana. Nella lettera spedita da Bruxelles si legge: L'intervento suscettibile di avere un impatto ambientale significativo sulla zona di conservazione dell'arcipelago della Maddalena, che l'Italia ha proposto come sito da includere nella rete Natura 2000 di siti di conservazione istituita dalla direttiva Habitat.
Una posizione che era stata gi espressa addirittura il dieci dicembre 2003 dall'ex commissario all'Ambiente Wallstrm nella risposta alla prima interrogazione della Frassoni. Linea ribadita recentemente anche dall'attuale commissario, il greco Dimas, il quale, rispondendo agli ecologisti, aveva scritto che i lavori sarebbero dovuti essere preceduti perlomeno dalla vincolante procedura di valutazione di incidenza ambientale. Da Roma, silenzio.
In buona sostanza, ora si arrivati a questo punto: dalla fase preliminare di accertamento, si passati alla messa in mora per l'Italia, secondo l'articolo 226 del trattato Ue. Implicita la richiesta di blocco dei lavori. E' importante precisare che l'offensiva di Bruxelles si riferisce al primo progetto presentato dalla Sesta Flotta. Siamo quindi ancora a quell'intervento definito di ristrutturazione per migliorare le condizioni di vita del personale (volumetria dichiarata: 52 mila metri cubi e un investimento da 37 milioni di dollari, cio poco pi di 71 miliardi di vecchie lirette). Non quindi il devastante progetto che gli americani avevano tenuto segreto, ma che, nelle scorse settimane, finito nelle mani del presidente della giunta regionale Renato Soru.
Per capire meglio di cosa si sta parlando, basti pensare che a Santo Stefano si passerebbe da una superfice coperta di circa tremila metri quadri ad addirittura 38 mila metri quadrati. L'espansione dell'area a stelle e strisce dovrebbe avvenire soprattutto nell'area Nato e in quella italiana. Dall'attuale ettaro e mezzo, la Us Navy alla fine arriverebbe a occupare circa dodici ettari.
Dopo avere saputo della lettera di Bruxelles, gli ecologisti sardi hanno ribadito la loro linea: E' semplicemente scandaloso che una base militare non in disponibilit delle forze armate nazionali n rientrante nel dispositivo di difesa della Nato e, per giunta, situata in un parco nazionale venga ampliata senza che nemmeno si conoscano pubblicamente i termini della sua legittima installazione, risalente a un accordo del 1972, mai ratificato dal Parlamento.
Non pu non colpire il silenzio colpevole del nostro governo. Sordo agli allarmi e ai timori di un incidente nucleare, ma anche al fatto che si sta costruendo un "ecomostro" con le stellette in un parco.
E poi c' un altro silenzio assordante: quello che ha seguito la denuncia di Soru sulle reali intenzioni della marina Usa nella Sardegna nord orientale. Dal comando della Sesta Flotta e dal ministro della Difesa Antonio Martino, neppure una parola.
Intanto, ieri il sindaco della Maddalena, Angelo Comiti, con una lettera inviata a Romano Prodi ha chiesto che il problema della base Usa di Santo Stefano venga inserito nel programma dell'Unione. Nella stesura del suo programma per le prossime elezioni politiche, mi auguro che possa essere evidenziato il problema della Maddalena. Come Lei sa - ha scritto Comiti a Prodi - l'Arcipelago della Maddalena ospita da circa 33 anni un punto di approdo per sottomarini a propulsione nucleare sull'isola di Santo Stefano. Tale servit stata imposta ai sardi e alla collettivit nazionale sulla base di un accordo segreto bilaterale fra i governi dei due Paesi senza nessuna ratifica parlamentare.
L'inopportunit di tale presenza, oltre a essere sancita dagli enormi mutamenti dello scenario internazionale intervenuti con la caduta del muro di Berlino, evidenziata dall'istituzione da circa 10 anni del Parco Nazionale dell'Arcipelago della Maddalena.



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news