LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Maddalena. L'Ue impone lo stop all'ecomostro Usa
Piero Mannironi
La Nuova Sardegna 20/10/2005

BRUXELLES. L'Europa intima lo stop ai lavori di ampliamento della base della Us Navy nell'arcipelago della Maddalena. L'altro ieri, infatti, il governo comunitario ha inviato una lettera di "costituzione in mora" all'Italia per la violazione dell'articolo 10 del trattato Ue. E ci per non aver risposto alle richieste di spiegazioni poste da Bruxelles, dopo le interrogazioni parlamentari della verde Monica Frassoni e gli esposti presentati dagli ecologisti del "Gruppo d'Intervento giuridico" e degli "Amici della Terra". Un silenzio che equivale a una caduta di stile istituzionale.
Cosa accadr adesso? Il governo italiano dovrebbe bloccare i lavori in corso a Santo Stefano e procedere a quella valutazione di incidenza ambientale che avrebbe dovuto invece precedere l'attuazione del progetto della Marina americana. Nella lettera spedita da Bruxelles si legge: L'intervento suscettibile di avere un impatto ambientale significativo sulla zona di conservazione dell'arcipelago della Maddalena, che l'Italia ha proposto come sito da includere nella rete Natura 2000 di siti di conservazione istituita dalla direttiva Habitat.
Una posizione che era stata gi espressa addirittura il dieci dicembre 2003 dall'ex commissario all'Ambiente Wallstrm nella risposta alla prima interrogazione della Frassoni. Linea ribadita recentemente anche dall'attuale commissario, il greco Dimas, il quale, rispondendo agli ecologisti, aveva scritto che i lavori sarebbero dovuti essere preceduti perlomeno dalla vincolante procedura di valutazione di incidenza ambientale. Da Roma, silenzio.
In buona sostanza, ora si arrivati a questo punto: dalla fase preliminare di accertamento, si passati alla messa in mora per l'Italia, secondo l'articolo 226 del trattato Ue. Implicita la richiesta di blocco dei lavori. E' importante precisare che l'offensiva di Bruxelles si riferisce al primo progetto presentato dalla Sesta Flotta. Siamo quindi ancora a quell'intervento definito di ristrutturazione per migliorare le condizioni di vita del personale (volumetria dichiarata: 52 mila metri cubi e un investimento da 37 milioni di dollari, cio poco pi di 71 miliardi di vecchie lirette). Non quindi il devastante progetto che gli americani avevano tenuto segreto, ma che, nelle scorse settimane, finito nelle mani del presidente della giunta regionale Renato Soru.
Per capire meglio di cosa si sta parlando, basti pensare che a Santo Stefano si passerebbe da una superfice coperta di circa tremila metri quadri ad addirittura 38 mila metri quadrati. L'espansione dell'area a stelle e strisce dovrebbe avvenire soprattutto nell'area Nato e in quella italiana. Dall'attuale ettaro e mezzo, la Us Navy alla fine arriverebbe a occupare circa dodici ettari.
Dopo avere saputo della lettera di Bruxelles, gli ecologisti sardi hanno ribadito la loro linea: E' semplicemente scandaloso che una base militare non in disponibilit delle forze armate nazionali n rientrante nel dispositivo di difesa della Nato e, per giunta, situata in un parco nazionale venga ampliata senza che nemmeno si conoscano pubblicamente i termini della sua legittima installazione, risalente a un accordo del 1972, mai ratificato dal Parlamento.
Non pu non colpire il silenzio colpevole del nostro governo. Sordo agli allarmi e ai timori di un incidente nucleare, ma anche al fatto che si sta costruendo un "ecomostro" con le stellette in un parco.
E poi c' un altro silenzio assordante: quello che ha seguito la denuncia di Soru sulle reali intenzioni della marina Usa nella Sardegna nord orientale. Dal comando della Sesta Flotta e dal ministro della Difesa Antonio Martino, neppure una parola.
Intanto, ieri il sindaco della Maddalena, Angelo Comiti, con una lettera inviata a Romano Prodi ha chiesto che il problema della base Usa di Santo Stefano venga inserito nel programma dell'Unione. Nella stesura del suo programma per le prossime elezioni politiche, mi auguro che possa essere evidenziato il problema della Maddalena. Come Lei sa - ha scritto Comiti a Prodi - l'Arcipelago della Maddalena ospita da circa 33 anni un punto di approdo per sottomarini a propulsione nucleare sull'isola di Santo Stefano. Tale servit stata imposta ai sardi e alla collettivit nazionale sulla base di un accordo segreto bilaterale fra i governi dei due Paesi senza nessuna ratifica parlamentare.
L'inopportunit di tale presenza, oltre a essere sancita dagli enormi mutamenti dello scenario internazionale intervenuti con la caduta del muro di Berlino, evidenziata dall'istituzione da circa 10 anni del Parco Nazionale dell'Arcipelago della Maddalena.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news