LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ventisette «ammazzabellezze» contro Sgarbi: fai solo teatrino
Maurizio Lupo
Stampa – Torino, 20/10/2005

«Non siamo "burocrati ammazzabellezze", ma tecnici seri e responsabili». E' la ferma quanto indignata risposta che tutti i funzionari tecnici delle Soprintendenze del Piemonte danno al quotidiano «II Giornale», che il 17 ottobre ha così intitolato un commento di Vittorio Sgarbi.
Nell'articolo il direttore regionale ai Beni Culturali Mario Turetta e i Soprintendenti Francesco Pernice e Marina Sapelli Ragni sono considerati «insensibili, senza passione», «tutti insieme, con diverse responsabilità». Secondo Sgarbi «hanno acconsentito l'abbattimento del Politeama Garibaldi ad Acqui Terme, un teatro della fine dell'Ottocento ritenuto di nessun pregio. Inutili le grida di parlamentari di ogni parte politica, Biondi, Rava, Patria, Pistone, inutili le sollecitazioni del sottosegretario Bono. Due ispettori, come oracoli, hanno firmato la sentenza di morte».
E' una ricostruzione dei fatti che 27 tecnici delle Soprintendenze contestano con una lettera: «Respingiamo le accuse che vengono rivolte ai nostri uffici - scrivono - per riaffermare la nostra posizione di tecnici seri e capaci, qualità che ci sono ampiamente riconosciute sul territorio in cui da anni operiamo».
«Siamo stati descritti - come nel caso degli scavi nelle piazze torinesi - come archeologi capaci di far radere al suolo ville romane, mentre nel caso del Politeama di Acqui Terme ci hanno dipinto come architetti che sostituiscono senza batter ciglio parcheggi ad antichi teatri. Nulla di questo è vero. Ve ne è la prova obiettiva nel fatto che i comitati tecnico-scientifici, massima autorità voluta dalla legge in materia di beni culturali, in entrambi i casi hanno confermato che né i resti romani delle piazze di Torino, né il Politeama di Acqui possiedono quel requisito d'"interesse particolarmente importante" che ne avrebbe imposto la conservazione, riconoscendo in tal modo la correttezza delle valutazioni da noi espresse, con imparzialità e rigore».
Sull'ex Politeama, che diventerà un autosilos, interviene la funzionaria Carla Maria Visconti, della Soprintendenza ai Beni architettonici: «Si è sollevato un polverone, ma nessun politico pare conoscere la realtà dei fatti. Il Politeama di Acqui fu inaugurato nel 1894. Ma nel 1940 venne in gran parte rimodellato, con opere che cancellarono la sua identità ottocentesca. Dell'epoca Liberty sopravvissero alcune parti e il foyer, che lo sviluppo successivo dell'attiguo palazzo Papis ha incorporato e che sono tutt'ora esistenti. Noi siamo stati chiamati a pronunciarci in merito al valore del palcoscenico e della cavea, realizzati nel 1940 e poi mutati in cinema. Venne chiuso nel 1982 e da allora patì grave degrado».
«Non abbiamo riconosciuto a quelle strutture - prosegue Visconti - l'interesse "particolarmente importante" che la legge richiede per vincolare una proprietà priva-
ta. Della stessa opinione è stato il comitato tecnico scientifico del Ministero». «Posso capire interviene l'architetto Luisa Papotti - che qualcuno preferisca un teatro a un autosilos. Ma la cosa non riguarda i nostri uffici, che osservano le norme vigenti e hanno il diritto di chiedere rispetto sul loro operato».
«Ogni giorno - scrivono i tecnici delle Soprintendenze -affrontiamo la difficile scelta d'interpretare il cambiamento della città. In questo lavoro ci confrontiamo con l'equilibrato giudizio suggerito dalle norme, che non deve essere distratto dalle luci di occasionali palcoscenici o dal fascino di facile ribalte».
«Facciamo tutela non teatrini politici» taglia corto l'architetto Papotti. «Siamo stufi di sentirci aggredire per mezzo stampa da certa classe politica. Troppo spesso qualcuno ci giudica in base a conoscenze limitate dei fatti che denuncia. Per non parlare di coloro che non sanno nemmeno bene quali sono le nostre funzioni e le norme che le disciplinano».
«Nel caso di Acqui - ricorda Visconti - gli animi sono stati eccitati dalla diffusione di foto che ritraevano il teatro nell'allestimento precedente il 1940». Un errore? «Spero che non sia il frutto di cattiva o malevola informazione».
«Comprendo molto bene il disagio dei miei funzionari» nota Mario Turetta. «Sono pochi, sotto organico, ma lavorano con passione, a tutela del nostro patrimonio . Li capisco se si sentono denigrati vengono definiti ".burocrati ammazza bellezze", soprattutto quando sanno che le loro scelte hanno avuto conferma nei superiori comitati tecnico-scientifici del Ministero».
I politici questo lo sanno o fingono di non saperlo? «Diciamo che dovrebbero fidarsi di più. dei tecnici, di chi dedica la vita a questo mestiere».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news