LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"Il traffico sta uccidendo i monumenti"
Sara Scarafia
Repubblica - Palermo, 20/10/2005

I MONUMENTI di corso Vittorio Emanuele stanno soffocando: lo smog, l'inquinamento acustico e le vibrazioni causate dal passaggio di macchine, autobus e tir mettono a rischio l'incolumità di pezzi di storia della città, dalla Biblioteca centrale, a Porta Nuova, a Porta Felice, fino ai Quattro Canti. Un dato allarmante emerso ieri durante la presentazione dei primi risultati raccolti nell'ambito di "Salvalarte, respira pulito", un progetto ideato da Legambiente in collaborazione con l'Arpa, con l'Università e con il centro regionale per la Progettazione e il Restauro. L'associazione ambientalista lancia un sos: «Bisogna chiudere al traffico corso Vittorio Emanuele».
Il degrado non è solo una paura. E i Quattro Canti ne sono una conferma. In dodici anni
11 viso della statua che raffigura la Santa Oliva, che si trova nel canto dell'Autunno, ha subito danni enormi: lo smog ha provocato la perdita di entrambe le narici e di tutta la metà destra del labbro. L'opera d'arte, secondo i dati snocciolati dall'architetto Giuditta Fanelli che ha pubblicato un volume su "L'intervento conservativo sui fronti dei Quattro canti", ha perduto
1,5 centimetri cubi di materiale lapideo, circa 125 millimetri cubi all'anno. La corrosione ha intaccato anche lo stemma centrale del Canto dell'Autunno: in un punto il marmo è forato.
«Ho visto il volto di Sant'Oliva nel 1988 — racconta l'architetto — il naso e la bocca mostravano alterazioni recenti. Sono tornata ai Quattro Canti nel 2000, dodici anni dopo, e le condizioni del viso della statua erano notevolmente peggiorate. Anche la mano destra della santa, che nel 1989 mostrava la presenza di croste nere sul dito medio, era gravemente compromessa: le croste nel tempo avevano raggiunto anche il mignolo e l'anulare». I danni non sono finiti: «Ai piedi della statua — continua la Fanelli — sono stati ritrovati due frammenti che appartenevano ai lembi inferiori della veste. Solo per un caso il distacco avvenuto lungo l'arco dei dodici anni non ha comportato danni alla pubblica incolumità». L'architetto non ha dubbi: «La causa del degrado è da ricercare nel mix micidiale di agenti inquinanti che attaccano i monumenti, primi fra tutti i gas di scarico. Basta un esempio per far capire la gravita della situazione: durante i lavori di restauro abbiamo steso un telo bianco, dopo cinque mesi era completamente ricoperto di grasso. L'unica soluzione è limitare il traffico. Tutte le città d'arte lo fanno».
Gli altri monumenti di corso Vittorio Emanuele non godono di miglior fortuna, anche se si vede meno. Secondo i dati raccolti dall'Arpa, l'agenzia regionale per la protezione dell'ambiente, i livelli di inquinamento sono alti in tutto l'asse viario. I monumenti più a rischio, secondo le prime stime raccolte, sono tre: la Biblioteca regionale, Porta Nuova e Porta Felice a causa del traffico intenso su via Crispi, dove secondo i dati dell'Università transitano in media35 mila veicoli al giorno. Anche sull'inquinamento che sta corrodendo la Biblioteca ci sono dati significativi: solo in questo tratto di corso Vittorio Emanuele, in media tra le 6 e le 8 del mattino, passano 1.110 automobili, 198 ciclomotori, 108 furgoni, 12 Tir e 30 autobus. La massima concentrazione di macchine si registra tra le 19 e le 20: ne passano in media 720. «Il numero di macchine crea anche un forte inquinamento acustico — spiega Salvatore Barbaro, professore alla facoltà d'Ingegneria — I valori dovrebbero assestarsi tra i 65 decibel di giorno e i 55 decibel di notte, mentre in corso Vittorio Emanuele superano i 75 decibel». L'Università ha portato avanti anche uno studio sulla corrosività degli ambienti: le rilevazioni sono state effettuate posizionando sui monumenti per un mese un coupon di corrosione, una piastrina in argento e rame che reagisce agli agenti inquinanti. I monumenti mo-nitorati sono stati Porta Felice, Porta Nuova, la Biblioteca centrale, la Cattedrale e la chiesa di San Giuseppe dei Teatini. In tutti i casi il coupon ha rilevato un ambiente non adatto alla conservazione di beni architettonici per la forte presenza nell'aria di gas acidi. La più alta concentrazione di corrosività investe la Biblioteca e le due Porte.
«L'unica soluzione — dice Gianfranco Zanna, responsabile per i beni culturali di Legambiente — è impedire almeno ai mezzi pesanti di transitare lungo l'asse viario. L'obiettivo del nostro progetto è quello di coinvolgere nelle rilevazioni gli altri monumenti della città. I nostri studi, ancora all'inizio, devono portare all'individuazione di una soglia di rischio per il nostro patrimonio architettonico e ad una conseguente politica di conservazione».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news