LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Se accanto ai dipinti c'è uno sposalizio, ne guadagnano l'arte e la cassa
F.F.
Il Foglio, 20/10/2005

Possono i palazzi artistici essere adibiti a circoli ricreativi e a banchetti nuziali? Ed è possibile farlo quando siano anche adibiti a Musei? I due quesiti riguardano un curioso fenomeno che si presenta a Palazzo Barberini. Sembra uno di quei casi di scuola di diseconomie esterne, che vengono utilizzati da economisti come Ronald Coase (The Federal Communication Commission e The Problem of Social Cost, 1960, quest'ultimo in Italiano nel volume di Coase Impresa, Mercato e Diritto edito dal Mulino) e da filosofi come Brian Barry ("Theories of Justice", 1989) per i loro teoremi sull'ottimo allocativo e i costi delle transazioni. E sulla teoria della giustizia in termini di equilibrio di gioco di contrattazione. Solo che al posto del dentista del secondo piano che con il rumore del trapano disturba le meditazioni dello studioso del terzo piano, e di Matteo suonatore di tromba che disturba il pianista Luca dell'appartamento contiguo nell'ora di tempo libero in cui i due possono suonare, ci sono la Galleria Nazionale di Arte Antica, che ospita quadri di grandi autori come Raffaello, Tiziano, Caravaggio, El Greco, Reni e Hans Holbein (antichi?!), e il Circolo Ufficiali delle Forze Armate, subaffittato, soprattutto nei giorni festivi, per cerimonie nuziali e feste. In una convivenza fatta di tele straordinarie, odore di cucina, con prevalenza di patatine fritte, e ritmi da discomusic.
Ne hanno scritto sulle pagine di cronaca di Roma del Corriere della Sera, Paolo Conti ed Edoardo Sassi, deprecando il fatto, e suggerendo che il Circolo Ufficiali sloggi al più presto in una prestigiosa e non lontana sede già predisposta allo scopo.
Lo sdegno è comprensibile. Ma il fatto va analizzato. Primo tema: la proprietà. Una dimora storica, come Palazzo Barberini, va tutelata, ma anche valorizzata. A questo fine è essenziale la "sostenibilità" dei valori culturali tramite quella economica. A entrambi si connette la fruibilità, non solo di tipo museale. Molte Ville Venete (un esempio che Roma e il Lazio dovrebbero meditare)
sono adibite a uffici, circoli culturali, ricreativi. Molte di quelle adibite a residenze sono anche utilizzate per banchetti, ricevimenti ed eventi nuziali. Molte sono adibite a scopi turistico-alberghieri. Ciò avviene con criteri di sostenibilità e incremento dei valori architettonici e delle arti figurative e plastiche e dei valori storici. La proprietà delle dimore storiche, in una nazione in cui sono molto numerose, non si può reggere solo a spese dello Stato, tramite gli esoneri fiscali e le sovvenzioni per i restauri. Occorre un po' di mercato. Quindi bisogna cercare di renderle utili, in modo sostenibile, e quelli che le usano devono pagare canoni. I musei vanno gestiti come aziende, per evitare che le opere d'arte degradino per mancanza di fondi, e per far capire a chi vi entra che i beni artistici hanno un valore. Certo, chi fruisce di questi beni non va "molestato". Ma i turisti che visitano i musei, per essere incoraggiati a farlo, non devono avere l'impressione di entrare in un luogo morto, devono sentir vivere le opere, gli artisti, i personaggi, gli oggetti, come parte della città, nei diversi secoli. Se accanto al museo c'è la gente che si sposa, i dipinti dei grandi artisti hanno più vita. I circoli ricreativi e culturali devono cercare la propria economicità, tramite quote sociali, prezzi per i servizi, servizi a terzi per ridurre l'onere dei soci. La cultura, come bene pubblico, in una società giusta non è un fatto elitario: è bene che i circoli ricreativi "abitino" nei beni culturali. Ed è bene anche che i militari abbiano il circolo in una sede artistica e storica, per capire quali sono i valori che sono chiamati a difendere. Lo stesso vale per chi si sposa. Coase e Barry insegnano in modi diversi che il gioco fra diversi interessi e valori non è (quasi) mai a somma zero, che l'accordo efficiente e vantaggioso per tutti è possibile. Ci sono vari sistemi per la coesistenza civile di diverse attività e gruppi sociali. Lo spostamento in altra dimora storica del circolo ufficiali è auspicabile e benvenuta, purché non si riproducano i rumori e odori molesti. E che ciascuno paghi l'affitto.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news