LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dismissioni 2005 da 7,1 a 2,5 miliardi. Entro fine anno la cessione delle caserme e il via a PatrimonioUno - Slitta Scip3
Isabella Bufacchi
Il Sole 24 Ore, 20 novembre 2005

ROMA. Le dismissioni immobiliari programmate dalla Finanziaria 2005 per un totale di poco superiore ai 7 miliardi di euro e realizzate finora per soli 600 milioni, come denunciato nei giorni scorsi dal presidente della Corte dei Conti Francesco Staderini e dal Governatore della Banca d'Italia Antonio Fazio, sono destinate a sgonfiarsi a soli 2,5 miliardi. Questo drastico ridimensionamento dell'ambizioso programma immobiliare disegnato dall'ex-ministro dell'Economia Domenico Siniscalco infatti compatibile, secondo fonti vicine al ministero dell'Economia, con il nuovo obiettivo del deficit/Pil al 4,3%: sempre che il Governo riesca a rinviare all'anno prossimo gli aumenti contrattuali agli statali.
Entro la fine di quest'anno, e deficit/Pil permettendo, il Tesoro intende limitarsi a portare in porto due operazioni: la vendita di 240 caserme da parte dell'Agenzia del Demanio (fino a 1,3 miliardi) e il lancio del fondo PatrimonioUno (fino a 1 miliardo) in aggiunta ai 600 milioni gi incassati in virt dell'extra prezzo realizzato con il fondo Fip (su uffici ceduti e riaffittati). In base a questa nuova tabella di marcia, non vedr la luce nel 2005 n la cessione di 1.500 chilometri di reti stradali dell'Anas - che avrebbe dovuto fruttare 3 miliardi -, n la cartolarizzazione Scip3 sulle propriet residenziali della Difesa (1 miliardo circa).
Questa sforbiciata alle cessioni immobiliari pubbliche per il 2005, dovuta anche alle difficolt tecniche incontrate nell'esecuzione delle operazioni Anas e Scip3, consente al Mef di impostare i lavori per il 2006 con una sorta di rete di sicurezza. Il Tesoro non dovr cercare troppo lontano per iniziare ad alimentare il Fondo di Lisbona, per il quale sono previsti 3 miliardi di dismissioni immobiliari: Scip3, se tutto andr bene, potrebbe infine decollare proprio entro il primo trimestre 2006. E il "dialogo" avviato con la Difesa potrebbe portare nelle casse dello Stato gi l'anno prossimo un'altra tranche di caserme in vendita per un importo tra 1 e 1,5 miliardi: la ricerca di queste nuove unit immobiliari, ritenute non di interesse istituzionale, risulta gi avviata.
Sempre in previsione di un 2006 impegnativo sul fronte dei conti pubblici, al Tesoro a tutt'oggi non si esclude la possibilit di utilizzare a partire dall'anno prossimo gli incassi provenienti dalle dismissioni immobiliari per abbattere il debito: come previsto dal Dpef 2006-2009 (modificando il funzionamento del fondo di ammortamento per i titoli di Stato) e come dato per scontato nella relazione del Governatore Antonio Fazio presentata mercoled alle commissioni riunite del Senato e della Camera: Con l'ausilio di dismissioni e privatizzazioni il debito verrebbe ricondotto al 107,4% del prodotto dal 108,2 previsto per quest'anno, ha affermato il numero uno di Via Nazionale in Parlamento, riferendosi al 2006.
Per evitare di surriscaldare i motori della macchina immobiliare dello Stato, il Mef ha cos deciso di scalare marcia passando da 7,1 a 2,5 miliardi di vendite di immobili entro la fine dell'anno. Un'impresa comunque impegnativa. Ai 600 milioni gi incassati si dovranno aggiungere "almeno" altri 2 miliardi in un arco temporale ristretto: l'aleatoriet della cifra dovuta al fatto che gli immobili sono un asso nella manica, sempre pronto all'uso, utilissimo per correggere il deficit/Pil in corsa e riportarlo sull'obiettivo del 4,3 per cento. Proprio per velocizzare i progetti imbastiti finora, il decreto legge varato dal Consiglio dei ministri lo scorso venerd ha ampliato poteri e libert d'azione del Demanio, con la possibilit di procedere alla vendita a trattativa privata, anche in blocco, degli immobili dello Stato. Secondo fonti bene informate, una prima applicazione di questa nuova norma riguarder per l'appunto la vendita delle 240 caserme messa in cantiere quest'anno. Finora la Cdp ha anticipato 1 miliardo circa alla Difesa: ma si tratta di un prestito che non va a beneficio del deficit fino a quando le caserme non saranno uscite dal perimetro della pubblica amministrazione. Risulta sempre in rampa di lancio infine il fondo PatrimonioUno: la lista degli immobili stata scritta e riscritta innumerevoli volte negli ultimi due anni ma sar definitiva entro il 31 dicembre.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news