LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Buttiglione minaccia «Più fondi o vado via»
[a.ba.]
LA STAMPA 20/10/2005



ROMA «The Windows is there and thè wear too». All'ora di cena Rocco Buttiglione è in vena di battute. I tecnici del suo dicastero gli hanno appena spiegato che gli effetti della manovra correttiva non saranno drammatici. Ma non per questo la minaccia della mattina resta meno valida. Da Francoforte, dove era volato per inaugurare il padiglione italiano della Fiera del Libro, il ministro cattolico aveva lanciato uno dei suoi aut aut corredato di rima. «I tagli devono rientrare o il ministro dovrà cambiare». Buttiglione vuole assolutamente recuperare parte dei tagli (quelli pesanti) che Tremonti gli ha riservato per il 2006. «Posso dirla papale papale? Voglio vedere rientrare 300 milioni sui tagli previsti». Per cosa? «Archivi e biblioteche, musei, Fondo unico per lo spettacolo. In una parola tutto».
Quella di Buttiglione non sembra una minaccia incombente: «L'unica cosa che mi potrebbe indurre a non rassegnare le dimissioni è il modo volgare in cui alcuni hanno protestato-per i tagli». Il ministro filosofo non la cita, ma lui pensa all'intellighenzia scesa in piazza in questi giorni. «Tende a dare l'impressione di appartenere a una sola parte politica, e quindi non si capisce perché dovrebbe essere finanziata anche dai contribuenti di altre idee».
Ma quelle proteste hanno scalfito comunque le certezze di un uomo che con quel mondo non ha mai avuto granché a che fare. Scioperi, sit-in, sale aperte, teatri chiusi. I nemici di un tempo si potrebbero trasformare in insospettabili alleati. «Invece di protestare con chi protesta, Buttiglione combatta contro Tremonti», gli consigliava ieri l'assessore laziale alla Cultura, la diesse Giulia Rodano.
E poi ci sono i santuari della Cultura che con la protesta della sinistra hanno poco a che fare: dalla Scala agli Uffizi. «So che il Paese vive un momento difficile. Ma il settore ha già dato, e un taglio di questa entità non è sostenibile». C'è la vetrina ma c'è pure il suo contenuto. La cultura è «un corpo vivo», diceva qualche giorno fa a Repubblica. «E poi non è di parte, appartiene a tutti».
Buttiglione è convinto che l'industria della cultura debba ricorrere di più ai privati, ma che questo non può avvenire da un giorno all'altro. «Prenda il settore del cinema», spiega. «Io sono perché si autofinanzi di più, e infatti propongo una
tassa di scopo sul modello francese: il cinema per il cinema». Ma «non si può fare rivoluzioni da un giorno all'altro. Un cinema parcellizzato come il nostro ha bisogno di sostegno». Ecco perché i tagli devono rientrare .
Dunque Buttiglione rivuole indietro 300 milioni. E per questo ha inaugurato una sorta di minaccia permanente di dimissioni. «Il percorso della manovra è lungo. Tempo a disposizione per rimettere a posto le cose c'è, ma io non scherzo per niente». Tremonti qualche aggiustamento per il settore in realtà lo ha già promesso.
Però tra professori è bene intendersi. E siccome iltributa-rista è un mago nello spostare poste da un anno all'altro, l'altro professore (il filosofo) mette le mani avanti. «Sia chiaro», dice. «Partite di giro non ne voglio». La tabella del decreto che taglia le spese del 2005 costa ai Beni Culturali più di 180 milioni, parte dei quali sono soldi che arriveranno comunque nel 2006. «I tagli che accettiamo ora per senso dello Stato non possono diventare la compensazione per il 2006». Buttiglione ricorda al collega universitario che «spesso i filosofi masticano bene la matematica. Farò bene i conti». Il tributarista filosofo è avvertito.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news