LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Deve essere il mercato a governare "l'industria" culturale
Gabriella Carlucci
Libero, 19-OTT-2005





II sistema dei finanziamenti allo spettacolo fallito e va riformato completamente. Una riforma da fare bene e subito, pena mettere inginocchio un settore che conta 200.000 addetti, pi le loro famiglie, la stragrande maggioranza dei quali non sono star superpagate, ma oscuri ed indispensabili attrezzisti, elettricisti, sarti, falegnami, meccanici, autisti, musicisti, e via elencando. Governi di sinistra e di destra si sono comportati nello stesso modo: finanziamenti a pioggia, qualche volta clientelari, con un deprimente rito in cui si assisteva al tira e molla tra le associazioni di settore sull'entit del Fondo Unico per lo Spettacolo (circa 500 milioni di euro l'anno da distribuire tra cinema, prosa, lirica, danza e circhi). Questa ritualit, spero diventi un ricordo del passato. Il settore ha bisogno s di robuste iniezioni di risorse e non certo la dotazione del Fus che pu consentirne il salto di qualit.
Nessuno sembra curarsi di finanziamenti a film "invisibili" (talvolta "invedibili") e pubblico inesistente, o tra messe in scena liriche faraoniche e la quasi totalit dei cittadini che non avr mai il piacere di vederle. Siamo sicuri che l'ampio mantello della cultura debba coprire tutto indistintamente? Credo di no.
Il pur apprezzabile tentativo del Ministro Urbani nei confronti del cinema sicuramente andato nella direzione della liberalizzazione dai lacci e lacciuoli che appesantivano la nostra cinematografia, ma non ha introdotto quei meccanismi fiscali in grado di attrarre capitali, agevolare investimenti stranieri in Italia, creare un rapporto virtuoso tra cinema e turismo. L'intervento dello Stato nella cultura deve privilegiare la ricerca, ma deve anche promuovere una maggiore partecipazione del pubblico.
E torniamo all'ampio mantello di cui sopra con in aggiunta una nota paradossale e cio, come hanno sostenuto alcuni intellettuali, la bocciatura degli spettatori garanzia di artisticit. Ammetto che anch'io spesso fatico a capire gli artisti.
Allora bisogna trovare rimedi e nuove risorse. Per farlo occorre superare la vecchia visione dirigista dello Stato. Deve essere il mercato a governare "l'industria" culturale. I settori che lo Stato sostiene stanno diventando sempre pi elitari, per questo mi chiedo se giusto che lo Stato destini agli Enti Lirici oltre 400 miliardi delle vecchie lire per meno di tre milioni di spettatori l'anno. Di fatto lo Stato contribuisce con 80 euro per ogni biglietto emesso per rappresentazione lirica! Non sarebbe meglio che la tv pubblica dedicasse pi spazi ad una sana attivit di promozione della cultura lirica attivando un circuito fatto di tv, scuola, teatri che riporti gli spettatori all'Opera? Lo stesso discorso vale per i teatri di prosa.
Perch, agendo sul prezzo dei biglietti, non si favoriscono quelle classi sociali che non possono permettersi di dirottare parte del loro reddito sulla cultura? Lo Stato deve stimolare la ricerca, la sperimentazione, i giovani, tutelare il pluralismo, l'insegnamento della cultura, ed invogliare attraverso iniziative di sensibilizzazione e promozione, l'accesso alle cosiddette forme di cultura "alte". Lo Stato deve fare tutto questo ed anche conservare la cultura nazionale: deve, per, lasciare ai privati il ruolo di decisori dell' "industria" culturale. Lo Stato produttore di cultura, tanto amato dalla sinistra italiana, ha ampiamente dimostrato come troppo discrezionali fossero (e purtroppo lo sono tutt'ora) i criteri in base ai quali lo Stato decide di finanziare il tal film o la tal compagnia teatrale.
Stati Uniti, Germania, Francia, utilizzando la leva fiscale hanno creato un mercato competitivo, non certo a discapito della qualit. Allora bisogna rimboccarsi le maniche e fare crollare qualche mito. E crollato il muro di Berlino e le mura di Gerico, ma non crolla la convinzione che qualunque stupidaggine possa essere contrabbandata per cultura e come tale osannata e remunerata. E no! ognuno libero di fare e dire quello che gli pare, al cinema come a teatro, alla radio e all'Opera, e l'unico giudizio che conta quello del pubblico, non quello della sovvenzione Statale. E rieccoci al famoso mantello culturale gi evocato e pi ci penso e pi mi viene di fronte l'immagine di San Martino che taglio il suo mantello per coprire chi non aveva nulla. Il mantello, per, era suo.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news