LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Carrozzoni. Scoppia il caso Scala. «Tempio degli sprechi».
Giorgio Carbone
Libero, 19-OTT-2005





Il premier accusa: stipendi a chi non lavora e 1000 dipendenti quando ne bastano 400.

MILANO Nei giorni scorsi c'è stato, come tanti spettatori tv non possono ignorare, il muro del pianto. Hanno pianto tutti. Attrici (Mariangela Melato) che i singhiozzi li ha sempre elargiti per professione, e autori (Monicelli) che ha sempre saputo come farli elargire. La ragione la sapete: i tagli della finanziaria allo spettacolo italiano. Tagli omicidi, assicurano i piangenti. Anche se molti di loro omettono di rivelare a quanto ammontano i rispettivi cachet di attori nei teatri a pubblica gestione.
Ma in mezzo al coro c'è stato qualche dissenso: non è che lo spettacolo si sta uccidendo da solo? Non è che lo show business nostrano più che mal finanziato (dallo stato) è malissimo amministrato? E qualcuno ha citato gli enti lirici di Roma, che sono in attivo (segno che non è impossibile). Mentre al contrario la Scala di Milano ha una voragine di debiti. Posto che la Scala ha sempre goduto di maggiori finanziamenti e di sponsor più munifici rispetto agli altri teatri, di chi la colpa : Silvio Berlusconi non ha dubbi: la Scala è malissimo gestita. Nel corso dell'assemblea costituente del partito unitario della Casa delle Libertà ha fornito persino i numeri: «La Scala di Milano è un orrende carrozzone. Ha mille persona che ci lavorano, quando invece ne basterebbero 400. Tutti dipendenti godono di stipendi da artisti e un ballerino che finisce di lavorare a 40 anni percepisce i pagamenti fino a 65». «Macché tagli alla cultura» ha rincarato Berlusconi «la sinistra (e tutti i media le sono andati dietro) parla di tagli e invece sono stati proprio loro, le amministrazioni precedenti a metterci in una situazione di impossibilità operativa totale». Berlusconi forse s'è basato sul "J'accuse" di Mauro Meli, sovrintendente del teatro lirico milanese per due mesi dal febbraio all'aprile 2005.
Dopo di che via lui e via Ricccardo Muti, il direttore d'orchestra più prestigioso d'Italia, l'uomo che aveva portato il tempio della lirica a vette artistiche mai toccate dall'epoca di Toscanini. Muti però era entrato in rotta di collisione colla Cgil scaligera, e allora: fuori dai piedi, come mai si oserebbe fare nemmeno con l'ultimo dei commessi. Meli, attualmente al Regio di Parma, è tornato a esternare in occasione dell'annuncio della diretta gestione da parte del Comune del Teatro della Bicocca. E ha esternato senza peli sulla lingua. «Chi decide sui destini della Scala è una ventina di persone, sindacalisti o ex sindacalisti. Hanno un potere enorme, ma dubito che abbiano come primo interesse il bene del Teatro. Sulla Scala sono stati investiti 250 milioni di euro. Tutti messi in mano a persone dalle idee confuse. Ogni cosa è regolata da accordi sindacali, che non sono scritti, ma che tutti sono tenuti a sapere. Quando c'è un concerto c'è bisogno che uno dei proiettori sopra l'orchestra guardi la sala. Ma non si può. Perché c'è un accordo sindacale che dice: quando un proiettore guarda il pubblico non è più competenza degli elettricisti, e quindi serve un contratto a parte. Insomma per due mesi mi sono trovato in un mondo all'incontrario. Ero venuto per dirigere e sono stato diretto. Da che esiste la Scala è il sovrintendente che occupa l'ultimo piano del Teatro. Invece ora, nelle stanze del sesto piano con vista sul Duomo ci stanno i tecnici. A loro piaceva alloggiare lì, la Cgil li ha accontentati. E nessuno trova il coraggio di dire no alla Cgil».
Ieri, in serata, è arrivata anche la risposta della Direzione della Scala a proposito delle dichiarazioni del presidente del consiglio. Poche righe per specificare che «L'organico del Teatro è di 800 dipendenti. E che di questi, più della metà sono masse artistiche. E infine che, per i ballerini, il Sovrintendente Lissner ha presentato richiesta per una modifica di legge che anticiperebbe il limite pensionabile a 42 anni (rispetto agli attuali 47) per le donne e a 52 per gli uomini».



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news