LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

E per tutte le attività culturali del 2006 restano soltanto cinque milioni di euro
Claudio Baccarin
Nuova Venezia - Mattino di Padova -Tribuna di Treviso, 18/10/2005

«Se escludiamo le due Fondazioni liriche, ovvero la Fenice di Venezia e l'Arena di Verona, che pure risulteranno pesantemente penalizzate, 216 soggetti dovranno spartirsi appena 5 milioni 100 mila euro. Ovvero 10 miliardi di lire». A lanciare l'allarme in ordine al taglio del 34,4% che la Finanziaria 2006 intende apportare al Fondo Unico per lo spettacolo (Fus) è l'onorevole Andrea Colasio, componente della commissione Cultura di Montecitorio.

Il deputato ha illustrato ieri a Padova le proiezioni relative ai singoli comparti e alle diverse attività. Alla nostra regione, nel 2005, sono toccati 40 milioni 335 mila euro, che si ridurranno, l'anno prossimo, a 26 milioni 460 mila euro, con un colpo di scure complessivo di 13 milioni 875 mila euro. Saranno ancora le Fondazioni lirico-sinfoniche a fare la parte del leone con 21 milioni 348 mila euro: 11 milioni 465 mila euro alla Fenice (con un taglio di 6 milioni 12 mila euro) e 9 milioni 882 mila all'Arena (meno 5 milioni 182 mila).
«Proprio il fatto di avere in Veneto due istituzioni tanto prestigiose — commenta l'onorevole Colasio — determina, paradossalmente, un massacro di tutte le altre attività. La musica dovrà accontentarsi di 2 milioni 254 mila euro; alla danza andranno 225 mila euro; il teatro potrà contare su 1 milione 977 mila; le attività cinematografiche riceveranno dallo Stato 218 mila euro; il circo e lo spettacolo viaggiante 435 mila euro. Ecco perché, nella discussione sulla legge quadro sullo spettacolo, mi batterò per una vera regionalizzazione del Fus, che a livello nazionale passerà da 464 a 300 milioni». Una prima proiezione elaborata dal deputato della Margherita quantifica inoltre in 3,6 milioni di euro (da 5,6 a 2 milioni di euro), i tagli che verrebbero apportati al Festival del cinema di Venezia, mentre la Biennale vedrebbe ridotti i contributi statali di 1 milione 899 mila euro (da 5 milioni 520 mila a 3 milioni 621 mila).
Ancor più sconsolante il dettaglio delle sforbiciate che stanno agitando il sonno degli amministratori di compagnie e teatri. Qualche esempio? I Solisti Veneti del maestro Claudio Scimone, che nel 2005 potevano contare su 210 mila euro, ne potranno riscuotere 137 mila per i concerti e 53 mila 792 per l'attività all'estero.
Gli Amici della Musica di Asolo dovranno farsi bastare 98 mila 400 euro per le attività concertistiche (meno 51 mila 600) e 17 mila 712 per i corsi (meno 9 mila 288). La Settimana musicale al Teatro Olimpico di Vicenza, che nel 2005 ha incamerato un Fus di 10 mila euro, potrebbe diventare un week-end, visto che, dopo i tagli, il budget si riduce a 6 mila 560 euro.
«Ho parlato dei tagli — conclude l'onorevole Colasio — con il ministro Rocco Buttiglione e lui mi ha detto che sono "inammissibili". A questo punto lo invito a trarne le conseguenze politiche».



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news