LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. «Il modello-Auditorium? La cultura senza i debiti»
Claudio Marincola
Il Messaggero, Roma, 18/10/2005

«Questo luogo è diventato quell'enciclopedia che volevamo fosse, una struttura che cresce come numero di eventi e di spettatori e anche come qualità, un luogo in cui tutte le cose belle possono trovare ospitalità». Elogio dell'Auditorium. Parole che forse sanno di autocelebrazione, ma che il sindaco Veltroni può pronunciare con un certo sollievo: la città della Musica non pesa sull'altra "città", sui cittadini. Ha un bilancio sano, nel giro di tre anni è diventata un modello da imitare. «Sia chiaro, i tagli del governo pesano, e li ritengo di una gravità inaudita - si affretta a chiarire Goffredo Bettini, presidente della Fondazione Musica per Roma - giacché la cultura è una delle risorse fondamentali di questo Paese. È come se i paesi arabi chiudessero i pozzi di petrolio o risparmiassero sulle trivellazioni».
Altre Fondazioni nel 2004 hanno denunciato deficit per milioni di euro. L'incidenza degli introiti dei biglietti rappresenta in questi casi appena il 25% delle entrate (lo ha scritto sul Messaggero qualche giorno fa Oscar Giannino) e ora si trovano a fare i conti con una situazione inedita: un governo che non ha intenzione di ripianare i loro "buchi". «Noi non dipendiamo dai flussi governativi - rivendica Bettini - abbiamo diversificato i soggetti che ci sostengono ma soprattutto abbiamo aumentato la nostra capacità di autofinanziamento portandola al 55%, il doppio di altre strutture europee, come, ad esempio, la Cité de la Musique di Parigi. Abbiamo raggiunto con sei anni di anticipo gli obiettivi del nostro business plan. Parliamo di capacità di utilizzo delle sale, affittanza, sponsorizzazioni. E abbiamo esternalizzato tutti i servizi, i nostri dipendenti arrivano a malapena a 30».
Auditorium vuol dire musica, certo. Ma soprattutto un grande contenitore di eventi, un modello di prosperità urbana, un centro di economia immateriale.
Andrea Mondello, presidente della Camera di commercio di Roma è stato tra i primi a imboccare questa strada. «Ci abbiamo creduto, abbiamo investito 25 milioni di euro, ma non solo nella Fondazione Musica per Roma, anche nella Casa del jazz. E altri ne investiremo nella Festa del Cinema».
I ricavi delle vendite dei biglietti hanno raggiunto quota 10 milioni e 700 mila euro, inferiore al contributo del Comune di Roma, 8 milioni e 700 mila euro, pari al 40,30% delle entrate al quale si aggiungono gli 850 mila euro della Provincia (3,94%). Dal gennaio del 2006 anche la Regione Lazio farà la sua parte contribuendo con 2 milioni di euro.
Per numero di spettatori paganti, 700 mila, l'Auditorium di Renzo Piano nel 2004 è risultato secondo solo al Burlington memorial di Londra. Ma la forza della gestione sta anche nella capacità di coinvolgimento dei privati. Carlo Fuortes, amministratore delegato di Musica per Roma spiega: «Se pensiamo ai privati come a Mecenati che regalano quattrini a destra e a manca è sbagliato. Noi offriamo biglietti, servizi di quantità e qualità, locazioni, comarketing. In questo modo siamo riusciti ad andare controtendenza: gli spettacoli della Fondazione sono passati nell'arco di un anno da 110 a 160, gli spettatori da 100 mila a 150 mila, i ricavi delle sponsorizzazioni sono aumentati di un milione di euro».
Tutto bene? No. Qualcosa che non va c'è. Ad esempio, il Fondo di dotazione è fermo a 20 milioni di euro. Presto verrà portato a 30 ma è ancora poco se l'obbiettivo, come avviene per altre strutture europee, è farne nel tempo la principale risorsa e finanziarsi con gli interessi. E il progetto-Flaminio, la cosiddetta "fase2" volta a integrare l'Auditorium nel quartiere è fermo, bloccato da tempo in Consiglio comunale. Vecchia musica, note stonate da sfumare piano, non troppo lentamente si spera.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news