LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Punta Perotti, caso europeo
Nicola Pepe
La Gazzetta del Mezzogiorno, 18/10/2005

La Corte europea dei diritti dell'uomo ammette il ricorso di Matarrese: chiesti chiarimenti e documenti

Sì dei giudici di Strasburgo al processo. La giunta: si abbatte
Punta Perotti sarà «processata» anche dai giudici europei. Il caso dell'ecomostro costruito sul lungomare sud della città approderà nell'aula della Corte europea dei diritti dell'uomo alla quale si sono rivolti i costruttori che lamentano quella che sarebbe una ingiustizia, cioè la confisca dei suoli. Si tratta del «ritornello» che ormai va avanti da oltre quattro anni, e precisamente dal 29 gennaio del 2001 quando la Corte di Cassazione ha assolto i Matarrese (oltre ai costruttori Quistelli e Andidero) ma ha disposto la confisca dei palazzi e dei suoli. Una sentenza che ha fatto discutere e che, adesso, sarà oggetto di un attento esame da parte dei «supergiudici di Strasburgo». La novità sta nel fatto che la Corte ha deciso di ammettere, o meglio, di dichiarare ricevibile il ricorso di Matarrese. Tale aspetto può non significare nulla, ma diventa di fondamentale importanza perché solo il 10-12 per cento dei ricorsi riesce a superare lo scoglio dell'ammissione. La Corte europea dei diritti dell'uomo può essere considerato il grado di appello della nostra Cassazione: ma alla base di tutto ci deve essere una precisa violazione della convenzione dei diritti dell'uomo. In questo caso si tratterebbe del diritto alla proprietà di un bene.
E che i giudici di Strasburgo vogliano vederci chiaro sull'intera vicenda, lo dimostra il fatto che al Governo italiano sono già pervenute le richieste della Corte che, su sei o sette punti, ha formulato specifiche richieste di documentazioni. Cioè, il giudice istruttore, prima di passare alla fase successiva, cioè l'udienza di merito, intende acquisire qualche dato in più.
Per questo si attende da un momento all'altro la data di fissazione dell'udienza di merito in cui sia i costruttori (che hanno fatto ricorso), sia lo Stato italiano presenteranno memorie e discuteranno le loro tesi. La sentenza della Corte una volta che diventa definitiva dopo tre mesi dalla sua pronuncia, è vincolante. In teoria, se la Corte dovesse dare ragione ai Matarrese, potrebbe riconoscere la legittimità ad ottenere il risarcimento danni. Diversamente, si metterebbe definitivamente la parola fine sulla vicenda.
Intanto, ieri sera, la giunta ha deciso di dare il via libera politico all'abbattimento. Tale necessità è emersa dopo la sentenza del giudice Di Lalla che ha da un lato sancito l'obbligo di demolizione, dall'altro ha consentito a Matarrese di proseguire la procedura di pignoramento sulla «porzione di area» su cui sono stati realizzati gli immobili abusivi.
La dirigente del settore lavori pubblici dottoressa Marzia, che materialmente dovrebbe firmate l'atto di aggiudicazione definitiva della gara di demolizione, ha preso tempo proprio in virtù della «non esecutività» della sentenza. Un dato, questo, ininfluente per alcuni ma per altri vincolante soprattutto per la presenza, nel bando di demolizione, della facoltà per l’amministrazione di procedere o meno all'abbatimento pur in presenza della procedura di pignoramento.
Da qui la lettera della dottoressa Marzia al sindaco Emiliano con la quale chiede due cose: prima di tutto se la sentenza del dott. Di Lalla ha modificato qualcosa rispetto all'orientamento del sindaco; seconda cosa, la clausola del bando di demolizione che prevede, a questo punto, un atto politico alla giunta. Iniziativa, a dire il vero, sollecitata nei giorni scorsi dal Polo che aveva puntato l'indice contro quello che è stato definito «comportamento da scarica-barile» del sindaco Emiliano.
Sull'aspetto dell'atto della giunta aveva espresso il suo parere favorevole anche l'avvocatura del Comune. Lo scopo? «Blindare» ulteriormente il provvedimento del dirigente dei lavori pubblici che potrebbe (ma è solo un'ipotesi) prestarsi a un'eventuale impugnativa.
La giunta, quindi, ha detto sì alla proposta di delibera formulata dall'assessore ai Lavori pubblici, Simonetta Lorusso, e ha rinunciato a quella facoltà di non procedere prevista dal bando di gara per la demolizione. La naturale conseguenza è che, già da oggi, la dirigente dei Lavori pubblici potrà firmare il provvedimento contando su un atto politico e non sulla lettera (sia pure impegnativa) del primo cittadino.
L'impresa di Novara che si è aggiudicata l'appalto, la General Smontaggi, ha dichiarato di essere in grado di demolire l'ecomostro in 40 giorni. Aspettano solo il pezzo di carta e la consegna dell'area per aprire il cantiere.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news