LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Palazzo Barberini, militari sotto attacco
Edoardo Sassi
Corriere della Sera, 18/10/2005

Strinati: «Sono indignato, ho avvertito Buttiglione»
Il sottosegretario Ventucci: museo da liberare, i patti vanno rispettati

«Indignazione». «Vergogna». «Mancanza di dignità». Nessuna cautela, il giorno dopo, nel criticare aspramente la paradossale storia raccontata ieri dal Corriere: l'odore di fritto, la disco music e le grida di «viva gli sposi» che invadono le sale della Galleria nazionale d'arte antica, dove sono esposti, tra i tanti, anche i capolavori di Raffaello e Caravaggio. Con i turisti infuriati che chiedono il rimborso del biglietto. Il tutto perché quel museo convive, suo malgrado, con il Circolo ufficiali delle Forze Armate. Che quel palazzo lo affitta per compleanni e matrimoni. E che da quel Palazzo non trasloca nonostante gli accordi sottoscritti e i milioni di euro (15) stanziati dal precedente governo (anche per restaurare la nuova sede del circolo).
«La situazione descritta dal vostro giornale corrisponde, purtroppo, alla realtà. Del caso è stato informato in questi giorni il ministro Buttiglione. Da parte nostra c'è tutta la volontà di risolvere questa defatigante vicenda. Ma le assicuro, non è facile»: Claudio Strinati, soprintendente al Polo Museale romano e responsabile di Palazzo Barberini per la parte artistica è scoraggiato: «Musica, odori..., sì, so tutto. E denuncio la gravissima mancanza di dignità e rispetto da parte dei responsabili di questa assurda situazione. Che non siamo noi. Una mancanza di rispetto degna di critiche molto, molto severe». La sensazione, negli ultimi tempi, è che i militari si siano arroccati. A chieder loro di andarsene, ora, c'è infatti anche una parte del centrodestra: «Arroccati non so, di certo irrigiditi - dice Strinati - ma perché ci siamo irrigiditi, giustamente, anche noi. L'impegno preso da Veltroni e Andreatta nel 1997 va rispettato. Non siamo disposti a ulteriori sconti». Uno sconticino, a dire il vero, i Beni Culturali erano disposti a concederlo. Lo rivela il direttore regionale Luciano Marchetti: «Io personalmente ero contrario, ma si era comunque disposti a cedere la Sala del Trono per necessità di rappresentanza del ministero della Difesa. Badi bene, del Ministero. Non del circolo. Se insomma fosse venuta qualche personalità, potevano usare la sala e avremmo anche aperto loro il museo per visite private. Non è bastato». «E' vero - conferma Strinati - si stava studiando un codicillo in tal senso. Noi ci saremmo tirati dietro anche molte critiche, ma l'obiettivo era riavere il Palazzo nella sua interezza. Niente da fare».
Bottiglione, comunque, non molla. E proprio in questi giorni è tornato a farsi sentire con il collega Antonio Martino (Forza Italia), titolare della Difesa. «Nessuno al ministero ha intenzione di mollare, lo può tranquillamente scrivere», dice Strinati. E sulla querelle Palazzo Barberini non molla neanche la politica. La questione giovedì scorso è stata all'ordine del giorno in Senato, con la risposta del governo all'interpellanza del senatore (Udc) Amedeo Ciccanti. Una denuncia, la sua, dai toni aspri e fuori dal politichese: «Mi sono recato personalmente a visitare la Galleria e mi sono vergognato perché nelle sale si percepiva, in modo offensivo, il lezzo delle attigue cucine, peraltro neppure a norma». Ciccanti cita anche il caso disco-music e i milioni di euro di danni provocati all'erario dal fatto che i militari non permettono la prosecuzione dei lavori previsti nell'ala da loro ancora occupata. Il governo in carica ha risposto nell'aula di Palazzo Madama, tramite il sottosegretario Cosimo Ventucci, Forza Italia, stesso partito di Martino: «Le finalità da realizzare (il grande museo e il trasferimento dei militari, n.d.r.) che sono state alla base di investimenti così ingenti non possono essere in alcun modo disattese».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news