LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«Ecco l'oro del Polluce» Inizia alla grande il recupero nel piroscafo affondato nel 1841 : trovate migliaia di monete
Antonio Fulvi
NAZIONE - Carlino GIORNO, 17 ottobre 2005

Entusiasta il sindaco di Porto Azzurro; «Al primo colpo abbiamo ripescato più di quanto saccheggiato dai pirati quattro anni fa»
Ma c'è il rischio maltempo


PORTO AZZURRO (Livorno) — Eccolo, il tesoro del Polluce, c'è davvero e sta facendo impazzire tutta la spedizione, la gente e le autorità dell'Elba che pur con qualche scetticismo hanno appoggiato la caccia. Nella prima immersione esplorativa dei sub, ieri mattina, ha cominciato ben presto a salire alla superficie una grandinata di monete d'oro e d'argento come nemmeno nei sogni più sognati. Dopo 164 anni dì oblio, rotto soltanto dall'incursione piratesca del febbraio del 2000 con una benna che sfasciò una parte del relitto, agli specialisti della Marine Consùlt si è presentata sul fondo di 103 metri una realtà incredibile. Bastava raspare nel fango intorno alle ferite del relitto per trovarsi tra le dita colonnati spagnoli d'argento e franchi francesi d'oro. Quando la prima coffa d'acciaic riempita sul fondale è arrivata su] pontone Meloria, c'è chi è cadute in ginocchio e chi s'è messo a ballare.
«Le campane di Porto Azzurro suonano a distesa», hanno riferito per telefono agli increduli redattori di una tv inglese gli addetti stampa dell'operazione, i notissimi subacquei Nini Cafiero ed Enrico Cappelletti. Lo stesso sindaco di Porto Azzurro, Maurizio Papi balbettava: «Solo nella prima mezza giornata di esplorazione — ha detto commosso — abbiamo recuperato più monete di tutte quelle pescate dai pirati quattro anni fa in un mese di saccheggi».
Il conteggio del recupero di ieri ancora non è esatto, ma si parla di parecchie migliaia di pezzi, in gran parte pesanti colonnati spagnoli d'argento sudamericano e decine di monete da venti franchi francesi d'oro purissimo. E poi una forchetta e un cucchiaio d'argento, un calamaio di vetro nero, un vaso di terracotta in perfette condizioni. I tre esperti che controllano le operazioni dal pontone Meloria, il dottor Claudio Marcheggiani del ministero dei Beni culturali, la dottoressa Pamela Gambogi della Soprintendenza di Firenze e il professor Sergio Bargagliotti, consulente scientifico dell'associazione Hds Italia, concordano nel ritenere che il raccolto dei sub siano solo le briciole di quanto ancora giace nel fondo. Si tratta adesso di capire se quello di ieri è stato un primo, fortunatis-simo colpo destinato poi a ridimensionare le aspettative subito insorte, o se le prossime fasi daranno altrettante soddisfazioni. Nessuno nasconde che il recupero del Polluce ha molte variabili. La prima è il tempo limitato concesso alla squadra dei subacquei sul fondo: tra compressione in miscela speciale, permanenza a 103 metri al lavoro e indispensabili tempi di decompressione non si possono superare i dieci giorni senza rischiare vite umane. Poi c'è la variabile meteo: se il tempo peggiora è impossibile tenere il pontone sulla verticale del relitto, il che significa spostare anche la 'campana' che è la casa dei sub sul fondo e quindi sospendere tutto. Infine c'è la variabile macchinali: in teoria le sorbone sono il meglio, ma spesso il mare se ne infischia delle teorie e decide altrimenti. Per oggi però si fa festa, in una pioggia d'oro e d'argento. E giù sul fondo gli uomini stanno continuando a vendemmiare monete antiche, alcune bottiglie di profumo e altri reperti, testimoni di una tragedia che, a 164 anni di distanza, si sta trasformando in un successo di tecnologia e coraggio.



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news