LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Intervista a Gianfranco Imperatori: "Facciamo della cultura il grande detonatore di un ciclo di sviluppo"
Marco Panara
la Repubblica affari finanza, 17 ottobre 2005

"Usiamola cultura come una leva per la crescita"
II patrimonio lo abbiamo: dobbiamo solo decidere di usarlo per lo sviluppo
«Dobbiamo salvaguardare e innovare il settore manifatturiero, ma lo sviluppo e l'occupazione verranno dalle produzioni immateriali»

GIANFRANCO Imperatori è un banchiere di lungo corso. Dopo un periodo in Banca d'Italia, alla vigilanza, è stato presidente di Sofipa e poi per molti anni del Mediocredito Centrale, vice presidente e amministratore delegato del Banco di Sicilia e della società di rating Fitch spa. Oggi è presidente di Fineco Asset Management e di Banca di Roma International. Accanto all'attività di banchiere Imperatori da molti anni è impegnato anche netto promozione culturale, nella sua qualità di segretario generale di Civita e di presidente dell'Accademia di Belle Arti di Roma. Nel 2001 è stato nominato Cavaliere del Lavoro dal Presidente della Repubblica e nel 2003, per meriti culturali, è stato nominato Cavaliere di Gran Croce. Ha pubblicato numerosi volumi sul project financing e l'innovazione.

La globalizzazione sta dividendo il pianeta tra coloro che possono portare avanti un modello di crescita di tipo quantitativo e coloro, tra cui l'Italia, che invece devono adottare un modello di crescita qualitativo La domanda di cultura è diventata collettiva ed è una domanda enorme, di cultura in generale e di cultura italiana in particolare. Dobbiamo solo chiederci se vogliamo rispondere a questa domanda

Roma
Gianfranco Imperatori è un banchiere con il pallino dello sviluppo. Per questa ragione si è occupato di finanza innovativa per le imprese, di project financing, di rating e, negli ultimi anni, di cultura. Non solo da amatore. Nel 1987 insieme ad Antonio Maccanico e ad un altro gruppo di economisti fondò Civita, una associazione che prese il nome da Civita di Bagnoregio, un borgo bellissimo e abbandonato nell'alto Lazio che l'associazione si mise in testa di riportare alla vita. Oggi Civita con la sua partecipata Zètema ha più di 500 dipendenti, gestisce servìzi in oltre sessanta musei (tra i quali il Cenacolo Vinciano a Milano, i Musei Capitolini a Roma, il Museo Capodimonte a Napoli, tutti i Musei di Venezia) organizza mostre (tra le ultime Canaletto e Caravaggio, la prossima su Gentile da Fabriano a Fabriano), e si è fatta promotrice dei distretti turistici e culturali.
Cosa c'entra la cultura con l'economia?
«Può esserne un motore, e un motore potente per chi, come l'Italia, ha un patrimonio culturale immenso».
Facciamo la Disneyland della cultura?
«No, facciamo della cultura una leva per lo sviluppo».
Ambizioso.
«Ci dobbiamo rendere conto che il mondo è cambiato. La globalizzazione sta dividendo il pianeta tra coloro che possono portare avanti un modello di crescita di tipo quantitativo, e coloro che invece devono adottare un modello di sviluppo qualitativo».
L'Italia da quale parte sta?
«Inequivocabilmente nella seconda. L'Italia e l'Europa: Lisbona ha sancito con chiarezza che la nostra sfida è il passaggio da una economia prevalentemente materiale ad una prevalentemente immateriale».
Per scendere dalla filosofia alla realtà, cosa vuoi dire 'un ' modello di sviluppo qualitativo'?
«Vuoi dire puntare non solo sulla produzione di beni materiali, gli oggetti fisici, ma anche e sempre di più su quelli immateriali, che sono beni anch'essi e spesso si possono configurare come prodotti».
Per esempio?
«La salute, è un bene dietro il quale c'è una attività economica qualitativa, tanta occupazione, tanto sapere, tante tecnologie e tanta ricerca. La sicurezza è un altro settore, oggi più che mai importante, dietro il quale ci sono attività economi-che, occupazione, ricerca, imprese. L'ambiente è un bene che può essere organizzato e valorizzato. La cultura è un bene che grazie alle capacità organizzative, tecnologiche e di marketing può essere un nuovo made in Italy. La Cultura e i Beni Culturali sono oggi infatti un valore per sviluppare una filiera produttiva che ne garantisce la tutela e ne favorisce una migliore fruizione creando imprese ed occupazione nei settori del restauro, della multumedialità, dell'informatica, dell'editoria e della accoglienza».
E dell'industria cosa ne facciamo?
«Non credo e non mi auguro che scompaia. Come tanti altri sono convinto che aumenterà la produttività, ridurrà il suo peso sul prodotto lordo e si internazionalizzerà, nel senso che porterà altrove buona parte della produzione di beni fisici e manterrà in Italia direzione, ricerca, design e marketing strategico».
Torniamo alla cultura, in che modo possiamo metterla in moto?
«La cultura fino a qualche tempo fa era una questione individuale, ciascuno se la costruiva e se la arricchiva per conto proprio. Ora la domanda individuale è diventata una domanda collettiva, e stiamo parlando di una domanda enorme, nel mondo, di cultura in generale e di cultura italiana in particolare. Noi dobbiamo chiederci come possiamo rispondere a questa domanda, e darci delle risposte in fretta, per almeno due ragioni: la prima è che l'Italia è ferma, e se la sua capacità manifatturiera deve rimanere importante e anzi essere rilanciata con una buona iniezione di innovazione, non possiamo però pensare che in quell'area si possa creare nuovo lavoro; la seconda è che noi abbiamo poche risorse in generale con l'unica eccezione della cultura, di cui l'Italia è il deposito più ricco del mondo. La domanda c'è, il patrimonio lo abbiamo, dobbiamo solo decidere dì farne il deto-natore di un nuovo ciclo di sviluppo».
Da dove partiamo?
«Io parto dall'esperienza di Ci vita, che da tempo è uno dei soggetti d'impresa che si è incamminato su questa strada. Abbiamo un numero importante di soci privati ( 150) e ci siamo mossi mettendoci al servizio delle strutture culturali esistenti, altre ne abbiamo avviate noi, come per esempio i distretti culturali, e ad altre ancora stiamo lavorando. Se in Italia il turismo' in generale cala mentrs-cTev sce quello verso le città d'arte, è un po' anche perché ci sono musei aperti, mostre, marketing, servizi aggiuntivi, che Civita offre».
Quali sono questi servizi aggiuntivi?
«Dal merchandising ai bookshop alle caffetterie, alle guide con supporto tecnologico, alla sicurezza, alla biglietteria elettronica. Ma è solo l'inizio, la nostra idea è di passare dal 'museo tempio' al 'museo officina', utilizzando la tecnologia per aumentare le informazioni e rendere più articolata e ricca l'offerta. Tutto ciò fa nascere nuove imprese, da spazio a nuove professionalità, crea nuovi prodotti vendibili in loco e a distanza. Guardi a cosa sta facendo l'ibm».
Cosa sta facendo?
«Ha collaborato con l'Ermitage alla digitalizzazione di oltre 1500 opere e alla creazione di motori di ricerca utilizzati da oltre 200 mila persone al giorno. Ha sviluppato il sito Eternai Egypt che ospita tutti i più importanti siti archeologici, manufatti, personaggi e le storie collegate. Al Moma di New York sta lavorando alla digitalizzazione di tutte le opere. In Italia ha portato avanti il progetto Neapolis con l'archiviazione di tutto il patrimonio di Pompei, e via elencando».
Finirà come con il calcio, tutti davanti al video e più nessuno allo stadio.
«Le esperienze fatte ci dicono il contrario. I musei che si sono attrezzati con attività multitask e con tecnologie digitali, come il Louvre e il British Museum hanno sei milioni di visitatori l'anno. I Musei Vaticani e gli Uffizi, che sono tra i più importanti Musei italiani, accolgono tre milioni di visitatori il primo e un milione e mezzo il secondo».
Ma l'economia come se ne giova?
«Perché si mettono in moto tante cose . in tanti settori. Price Waterhouse in un suo studio parla di tre milioni di occupati in più se si valorizzano le attività culturali e di circa 800 nuove imprese in pochi anni. Io mi limito a dire che puntando sulla cultura si hanno ricadute nelle imprese tecnologiche, nelle attività di restauro e conservazione, dove I’Italia ha le migliori competenze, nell'artigianato di qualità, nelle attività multimediali ed editoriali. E poi ci sono gli alberghi».
Punto delicato, l'ospitalità italiana non brilla.
«L'ospitalità italiana pur qualitativamente di buon li vello non è sufficiente ad accogliere il turismo diffuso proveniente dalla Cina, dall'India e dai Paesi dell'Est. A questo riguardo Civita e Ance hanno fatto uno studio dal quale emerge che entro i prossimi dieci anni ci sarà bisogno di almeno 800 nuovi alberghi da 50-60 stanze ciascuno, e ora stiamo lavorando a un progetto abbastanza originale, che ha convinto anche i ministeri delle Infrastrutture e dei Beni Culturali».
Di che si tratta?
«Di definire un format con determinati standard di servizio e di qualità e di costituire una società consortile che vegli su questi standard, fornisca una serie di servizi e faccia il marketing per tutti gli 800 alberghi, che potrebbero essere collegati in una forma di franchising. L'ideale sarebbe utilizzare edifici già esistenti, e gli enti locali ne hanno molti, anche già ristrutturati, che non sanno come utilizzare. Cia-scun albergo potrebbe essere gestito da una piccola impresa, anche familiare, ed essere caratterizzato secondo le specificità non solo eno-gastronomiche ma anche culturali del posto. Ciascun albergo potrebbe diventare esso stesso un piccolo centro di organizzazione culturale, con iniziati ve per presentare, spiegare e valorizzare quello che ha intorno».
Basta questo a rilanciare l'Italia?
«Queste sono iniziative, piccole e meno piccole, che però vanno nella direzione giusta. Noi stiamo lavorando anche ai distretti culturali, per creare sistemi integrati nei quali l'offerta turistica e culturale possa venire integrata e promossa. E poi ci sono le città. L'Italia non lo sa, ma se ha una cosa straordinaria da offrire nell'epoca dell'economia immateriale questa sono le città. La manifattura va fuori dalle città e le trasforma in dormitori, l'e-conomia immateriale invece va nel centro delle città, lo rianima. Noi dobbiamo ripensare all'uso che facciamo delle città, che devono diventare il contenitore delle nuove attività, da quelle tecnologiche al design a quelle culturali e turisti-che, per le quali le città d'arte, e noi ne abbiamo tante, sono una leva fortissima».
Tutti guide e camerieri?
«No, tanti turisti italiani e soprattutto internazionali, tanti creativi, tanti talenti attratti dalla fertilizzazione e dalla suscettività culturale delle nostre città e dal nostro stile di vita. L'accoglienza e le tecnologie debbono trasformare questa grande domanda in una offerta capace di aumentare valore e competitività».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news