LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gennargentu: Cambiamo il sistema Parco
Luca Clemente
La Nuova Sardegna 14/10/2005

CAGLIARI. «La sospensione dei vincoli esistenti sul Parco del Gennargentu farà scattare automaticamente le misure di tutela generale che contengono dei divieti molto più severi». Gaetano Benedetto, segretario nazionale del Wwf, lancia un messaggio che è allo stesso tempo un avvertimento per chi, tra gli oppositori del Parco, crede di aver segnato un punto a suo favore ed un invito ad iniziare un confronto serio sul futuro di tutta l'area del Gennargentu, non solo della porzione destinata al Parco.
Secondo gli esponenti del Wwf, infatti, si alimentano tra la popolazione delle speranze che, con le leggi oggi in vigore, sono irrealizzabili. L'opinione degli ambientalisti è che la sospensione delle misure di salvaguardia attualmente in vigore lascerebbe il posto ai divieti fissati dalla legge quadro nazionale che, all'interno delle aree protette, impedisce qualsiasi intervento volto a mutare lo stato dei luoghi: in pratica il Parco del Gennargentu diventerebbe una riserva indisponibile per le popolazioni locali. «Il Parco non è la panacea di tutti i mali — ha affermato Benedetto — ma è inutile chiedere modifiche irrealizzabili o dannose».
La posizione degli ambientalisti è aperta a soluzioni che prendano in considerazione sia le ragioni della tutela ambientale sia gli interessi legittimi delle popolazioni che abitano nell'area del Parco, ma chiedono che vengano usati gli strumenti legislativi vigenti per modificare il perimetro del parco e disciplinare le attività ammesse al suo interno. «Si può pensare ad un piccolo parco nazionale che abbia intorno un parco regionale più ampio — ha continuato Benedetto — e si deve varare il regolamento del Parco che è lo strumento con cui si può far coincidere la tutela dell'ambien-tecon l'esigenza della popolazione di disporre del proprio territorio». Il conflitto sociale e istituzionale che ha impedito l'attuazione del Parco ha prodotto anche un notevole danno economico.
Il Wwf, usando come riferimento il parco della Majella, ha stimato che dal 1998, anno di istituzione del parco, sono stati persi 14milioni di euro di trasferimenti dallo Stato per la gestione ordinaria del Parco e si è persa la possibilità di creare almeno 35 nuovi posti di lavoro — «senza contare gli effetti positivi per le comunità locali che derivano dall'acceso ai fondi destinati alle aree protette ed alla promozione dei prodotti tipici con il marchio del parco».
Secondo il Wwf, però, bisogna integrare lo sviluppo del parco con tutta l'area del Gennargentu, non si può pensare ad una crescita a due velocità — «Il Parco rappresenta certamente una delle potenzialità di sviluppo di quel territorio ma non è l'unica». Ecco perché il movimento ambientalista ha accolto con favore la presa di posizione del presidente della Regione, Renato Soru, di riproporre l'ipotesi del parco regionale che, limitando la porzione di territorio da destinare a parco nazionale, consentirebbe alla Regione di riprendere in mano la gestione del territorio.
Secondo Benedetto si può ancora creare un parco che risponda positivamente alle obiezioni che in tutti questi anni sono state avanzate per impedirne la nascita «abbiamo dimostrato — ha concluso il segretario del Wwf — che il parco è compatibile anche con l'attività venatoria e con l'uso dei terreni per il pascolo, purché svolte secondo le limitazioni fissate dalle norme vigenti. Quello che bisogna fare ora è aprire una riflessione che, con il pieno coinvolgimento delle comunità locali, dia delle risposte alle esigenze di sviluppo del territorio».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news