LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Telefonini, stop ad antenna selvaggia
Fabio Manca
L'Unione Sarda 12/10/2005

Emilio Floris dice stop all'installazione di antenne per la telefonia mobile nelle aree comunali e blocca gli interventi annunciati a Mulinu Becciu e al Quartiere del sole. Ieri mattina il sindaco ha inviato una lettera al direttore generale al quale ha chiesto di avviare le procedure per il blocco dei lavori in corso e la ricerca, d'intesa con la Tim, di siti alternativi. Ed ha annunciato che domani formalizzer la moratoria con una delibera di giunta. Questo tipo di procedure amministrative passano per gli uffici senza che n sindaco n assessori sappiano nulla. Ma non posso pi tollerare che si piazzino antenne a due passi dai palazzi o negli spazi usati da bambini o anziani.
La decisione, comunicata in serata al comitato di via Ghibli, stata assunta dopo le ultime assemblee pubbliche e le migliaia di firme (consegnate ieri al sindaco) raccolte contro l'installazione di due stazioni radio base della Tim in via Crespellani e in via Ghibli, a ridosso di giardini e scuole.
L'iniziativa precede una nuova regolamentazione della materia, sollecitata nei giorni scorsi da Chicco Porcu, consigliere regionale di Porgetto Sardegna e da esponenti di tutti i partiti.
una selva di antenne. Attualmente a Cagliari sono installate 71 antenne della Tim, 28 di Vodafone-Omnitel, 38 di Wind e 17 di H3G, insufficienti per far funzionare al meglio i nuovi videofonini Umts. Ecco perch sulle piazze, sui cortili dei palazzi, sui lastrici solari, continuano a spuntare pali alti sino a trenta metri che suscitano allarme nella popolazione.
Nel 2004 la Conferenza dei servizi dello Sportello unico per le attivit produttive, che autorizza le aziende telefoniche a installare le antenne, ha istruito circa 100 pratiche.
come funziona. Alla confe-renza partecipano, oltre ai rappresentanti dei richiedenti, i dirigenti di vari settori del Comune (urbanistica, verde pubblico, ambiente, patrimonio), il Servizio antinquinamento elettromagnetico dell'assessorato regionale all'Ambiente e il presidio multizonale di prevenzione della Asl 8. Ciascuno d una valutazione per la propria competenza: il Comune attesta la conformit con le norme urbanistiche, la Asl il rispetto dei limiti delle emissioni elettromagnetiche (non devono essere superiori a 6 volt/metro), la Regione segue la Asl.
IL PIANO DELLA TELEFONIA.La conferenza non valuta progetti estemporanei ma quelli inseriti nel Piano pluriennale degli impianti 2001-2006 custodito al Catasto regionale, all'assessorato all'Ambiente.
NESSUNA OSSERVAZIONE. Ogni conferenza viene convocata con l'affissione all'albo pretorio comunale, i cittadini sono invitati a presentare osservazioni o a partecipare alla conferenza per un contradditorio. Nessuno - comunicano allo Sportello unico - lo ha mai fatto.
I CASI. Nel 2005 sono stati presentati 23 progetti. Uno di questi riguarda un'antenna Vodafone-Omnitel da installare sul colle di Monte Claro, un'altra, stessa azienda alla stazione Fs. Bocciata, per ora. La Regione ha sempre espresso pareri favorevoli mentre il Comune spesso ha detto no. Qualche esempio: il 21 giugno 2005 si esamina una richiesta della Tim di installare un'antenna in piazza Is Maglias. Il Comune esprime parere negativo perch l'antenna comprometterebbe la fruibilit a verde dell'area.
LE BOCCIATURE. Non tutto passa. Pochi mesi fa stata bocciata la prima richiesta della Wind per un impianto in via Mulas, a Pirri, perch, si legge nella motivazione, il manufatto appare sovradimensionato e non compatibile con il contesto urbano di riferimento. L'ultimo no risale al 28 settembre. La Vodafone chiede l'autorizzazione a installare una "stazione radio base" alla stazione ferroviaria.
IL BUSINESS. Il Comune guadagna mediamente 15 mila euro all'anno sull'affitto dell'area. Ma le antenne sono diventate un business anche per i condomini o i proprietari degli attici. Per installare un'antenna i gestori pagano anche 20 mila euro all'anno a seconda della posizione, spiega Stefano Tolu, presidente dell'App, l'Associazione dei piccoli proprietari di case. La controindicazione che se c' un'antenna vicina cala il valore degli immobili.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news