LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SCIOPERO MAESTRO C'è Fassino, colpo di scena
GIANFRANCO CAPITTA
Il Manifesto, 15/10/2005



Gli elicotteri e i cordoni di polizia antisommossa erano lo spettacolo più grandioso e veritiero ieri, alla manifestazione nata spontanea dall'Assemblea dello spettacolo italiano. Forse per la prima volta ognuno ha indossato il suo ruolo giusto, il proprio personaggio. È una svolta storica, anche se conclusasi senza alcun trauma. Forse era dalle Giornate del cinema veneziano del `69 che lo scontro tra chi ha il potere e chi fa spettacolo non si rivelava così netto. La Dc o i governi della Prima repubblica o come si vogliano chiamare, sia detto senza alcun rimpianto, hanno sempre avuto un qualche rigurgito morale o edificatorio o di qualche altro tipo (e forse anche di gusto e formazione culturale) che con tutte le bordate andreottiane contro il neorealismo o la censura bernabeiana in Rai hanno permesso non certo una cultura laica e libertaria, ma almeno pluralista. E d'altra parte anche l'opposizione aveva un peso che le permetteva di poter fare resistenza, se non egemonia, rispetto al diluvio dc. Ora, dopo aver quasi «scherzato» o tirato la cinghia fino al limite della sopravvivenza, lo spettacolo italiano deve battere il muso contro chi il proprio potere lo vuole usare davvero. Certo, non sono tenuti ad avere o gradire cultura e spettacolo né i venditori di Arcore né i ragionieri che resuscitano dai laghi lombardi contro Lochness. A meno che non sia la loro cultura, il loro spettacolo nel senso proprio di roba «fatta in casa», a casa loro. Ovvero tv, cinema che sembri tv, intrattenimenti danzanti che attirino pubblico nel mega Manzoni di famiglia. È l'orizzonte culturale del premier fatto di vari piccoli circenses, anche se di panem non ce n'è più tanto in giro. Un orizzonte di barzellette ed equivoci ben governato dai suoi ministri: Buttiglione che da buon centrista gommoso continua a dire di sì a tutti senza spiegare da che parte sta; il suo predecessore Urbani, di cui restano solo i legami privatissimi col teatro (finiti sulla stampa rosa) e i colpi di machete dati con i sorrisi a 84 denti. E soprattutto Tremonti, il ministro del barometro, che col pallottoliere di Guzzanti svende le spiagge e sega lo spettacolo: con tutti i problemi che ha non deve frequentarlo molto. Chi lo frequenta è invece la signora Calderoli, appena lanciata da Chiambretti come opinionista. Da anni pontifica al ministero su chi finanziare. Su delega di chi? Del marito devoluzionista?

È un bene che lo spettacolo reagisca con durezza a tutto questo: il pubblico starà a casa a vedere solo tv ma gli scenari del Cavaliere vedranno spegnersi quelle lucine di insegne e ribalte che magari a lui fanno tanta allegria. È un bene che se lo spettacolo deve andare in scena, lo faccia non per le elemosine di ministri e sottosegretari. Non per sentirsi furbi di aver raccattato le briciole. Ma perché, tenendoli alla larga dal Cavaliere e dai suoi, possano dimostrare non solo la meraviglia di quello che fanno ma anche i suoi vantaggi e utilità per l'economia nazionale. Un'ultima ombra da dissipare, in questa bella giornata, anche se la sala era piccola e tutti sono rimasti fuori. Come il giorno prima all'Argentina anche al Capranica c'era Fassino in persona, così come i massimi responsabili sindacali nazionali. Ma è una svista, o nessuno dei candidati alle primarie contempla nei propri orizzonti la parola cultura? Poi non ci si può lamentare che dilaghi solo quella «bulgara» del Cavaliere.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news