LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gennargentu e polemiche. Dessì: Il decreto Matteoli ancora non vale
Nino Bandinu
La Nuova Sardegna 9/10/2005

NUORO. Gennargentu, ancora una domenica di caccia proibita. Il giorno dopo il decreto Matteoli sui vincoli sospesi, i vincoli restano tutti in piedi. E fino a quando il presidente Ciampi con darà il via libera, il parco resterà off limits anche per le attività non previste dal decreto Ronchi. Adesso quindi tutti guardano al Quirinale. Anche l'assessore Dessì che ha scritto ai 24 sindaci.
Ma Ciampi stavolta firmerà? Oppure tutto finirà nel nulla, come nel 2004 quando il ministro Matteoli presentò lo stesso decreto,uguale a questo, salvo che nella data corretta a penna, che sostituisce il 2004 con il 2006? L'attesa è cominciata. Però si polemizza anche sulla strumentalità «elettorale». Tra i 24 sindaci, i pro e i contro, si sprecano, ma ci sono pure gli "attendisti" che sperano in una schiarita. Per questa domenica di caccia, comunque, il divieto permane, e le doppiette dovranno tacere. Per oggi, insomma, il decreto Matteoli non vale. Lo spiega una lettera dell'assessore regionale all'Ambiente spedita ai 24 sindaci e a tutte le autorità, Procura della Repubblica compresa. «Questo assessorato è venuto a conoscenza, sia pure in forma non ufficiale — scrive Tonino Dessì—che il Consiglio dei Ministri ha deliberato di sottoporre alla firma del Presidente della Repubblica uno schema di Dpr contenente modifiche al Dpr 30 marzo 2005 sulla normativa vigente nelle aree delimitate dal Dpr 30 marzo 1998 istitutivo del Parco nazionale del Gennargentu. La comunicazione — precisa poi—è stata spedita dal ministro ai soli Comuni interessati». La Regione è stata tagliata fuori. Sgarbo istituzionale? Dessì dice questo, ma si preoccupa della confusione che il decreto Matteoli può ingenerare. «Poichè la lettura datane da diversi organi di stampa — sottolinea — potrebbe indurre a errate interpretazioni in ordine agli effetti della deliberazione adottata dal Consiglio dei ministri, ritengo opportuno richiamare l'attenzione sul fatto che, fino alla eventuale sottoscrizione del nuovo Dpr da parte del presidente della Repubblica, nessuna innovazione nè tantomeno alcuna sospensione potrà ritenersi intervenuta nella vigente disciplina di salvaguardia provvisoria contenuta nell'allegato del Dpr del 30 marzo 1998». Tutto allora rimane come prima. «Le strutture dipendenti dell'assessorato, pertanto — chiarisce Dessì — continueranno a operare in collaborazione con le forze dell'ordine dello Stato secondo gli accordi intercorsi nella riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica svoltasi nella prefettura di Nuoro il 14 settembre». Anzi, l'assessore sarà gratoalle autorità «se nelle forme loro consentite vorranno tampestivamente informare questo assessorato di eventuali nuove determinazioni da loro assunte di propria iniziativa ovvero su disposizioni delle autorità gerarchicamente superiori». Insomma, se le forze dell'ordine riceveranno nuove disposizioni dall'alto, sono chiamate a informare subito la Regione.«Sono certo che opereremo tutti —conclude Dessì — per una corretta informazione della cittadinanza al fine di continuare a garantire un clima di discussione serena e di comportamenti legali e pacifici». La lettera è stata spedita ieri ai 24 sindaci, ai presidenti delle due province di Nuoro e Ogliastra, al prefetto, questore, comandante dei carabinieri, guardia di Finanza, al presidente Soru e al Procuratore della repubblica. Significativo quest'ultimo indirizzo, perchè pone la questione dei vincoli e l'iniziativa Matteoli all'attenzione dell'autorità giudiziaria. In vista di eventuali omissioni? «Niente di tutto questo, non ci sono rigidità, si tratta solo di chiarire: la linea resta quella della prudenza» risponde Dessì. Tra i sindaci c'è aria di attesa. Angela Corrias sindaco di Baunei, il paese che ha dato di più al parco (8000 ettari e 40 chilometri di costa) vede nel decreto Matteoli uno spiraglio, da prendere con le pinze, ma interessante poichè interrompe lo «strappo istituzionale». Ma sarà un decreto efficace? «Speriamo — afferma Corrias — anche se il nostro obiettivo resta il superamento del decreto Ronchi». Meno ottimista invece, Giuseppe Mesina, sindaco di Urzulei che dà 5000 ettari al parco. «Questo decreto è nulla — afferma — noi chiediamo l'abolizione della legge». Per Francesca Barracciu, sindaco di Sorgono, un paese che ricade tutto dentro il parco, la fiducia nel governo è arrivata al «livello zero». Tuttavia il decreto Matteoli «riapre un percorso». Ma se Ciampi non firmerà: «la responsabilità sarà del governo».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news