LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sciopero maestro. Corteo spettacolare
Silvana Silvestri
il manifesto 15/10/2005

L'Italia diventato il paese dai sogni dimezzati, come l'ha definita Roberto Benigni, balzando sul palco e prendendo la parola alla manifestazione dello spettacolo che si data appuntamento ieri a Roma al centro Congressi Capranica, Io faccio parte di chi a favore dei tagli, ha detto, e poich siamo rimasti in mutande, gli diamo anche queste. Ci hanno tagliato anche i sogni, ma almeno il mio sogno l'ho realizzato, la prima volta che faccio qualcosa da sindacalista. E come sindacalista non ha detto una cosa sbagliata: Che ci diano questi soldi e noi li restituiremo centuplicati.
Il grande sciopero unitario ha chiuso tutte le sale per un giorno, per protestare contro i tagli del Fondo unico dello spettacolo, calcolato in 40% di risorse in meno. Si trattato di una manifestazione di proporzioni inaudite come l'ha definita Massimo Ghini, entusiasmando la sala zeppa di maestranze, rappresentanti politici e sindacali, attori, danzatori, musicisti e circensi. La folla rimasta fuori, collegata in audio e video, ha annunciato Ghini, si stava organizzando spontaneamente in corteo e si muoveva verso Montecitorio. La regia dell'incontro affidata a un signorile Corrado Augias, cos poco in sintonia con lo stile governativo, ha fatto via via sfilare un altro tipo di spettacolo, l'avvicendarsi degli interventi, contenendoli nei tre minuti (tempo televisivo) alternato all'annuncio delle numerose adesioni e delle presenze in sala: Fassino, Bordon, Borgna, Vita, Scaparro, Melandri, Paolo Ferrari, Mariangela Melato, Silvio Orlando, Carla Fracci, Garinei.
Chi partecipa alle riunioni di settore, sa che si succederanno politici, sindacalisti e rappresentanti di categoria, come in un'inevitabile
scaletta, questa volta resa pi accettabile dal fatto che una platea tanto allargata non ha molto a che fare con proteste di categoria, ma si tratta di un duro attacco politico all'ispirazione di base stessa della politica economica del governo che si pu riassumere in una sola parola- ignoranza. Declinata in tutte le occasioni e con tutti i mezzi. A questo si pu aggiungere un'altra sua caratteristica: dire una cosa per un'altra. Cosi come il ministro Buttiglione si sempre detto contrario ai tagli (e questo il momento per dimostrarlo), anche l'ex ministro Urbani annunci che se un solo euro fosse stato tolto alla cultura si sarebbe dimesso subito (ed stato in carica quattro anni).
Un motivo elettorale dei tagli pu essere il fatto che notoriamente la gente di spettacolo ricca e quindi questa volta tocca a loro (ma il mondo dello spettacolo fette per lo pi di maestranze, elcttricisti, tecnici, parrucchieri, operatori, un settore in piena disoccupazione e senza ammortizzatoli sociali). Arrivano via via le adesioni: i produttori tv, i tre sindacati attori l'Opera, le sovrintendenze, il cda del Centro sperimentale, Verdi, Bertinotti, Di Pietro, i senatori Ds, il sindacato europeo dello spettacolo, la Siae, il San Carlo di Napoli. Intervengono i rappresentanti sindacali, la Cgil (da tempo non vedevo una manifestazione cos unitaria -ha detto Epifani -. I tagli non cominciano oggi, il cinema allo stremo, cos teatro, enti lirici e il teatro di strada), la Cisl (Pezzotta ricorda il prossimo sciopero generale), la Uil, Francesconi presidente dell'Agis annuncia i prossimi stati generali dello spettacolo, a Massaro presidente dell'Anica (l'associazione che raggnippa produttori, distributori e sale) viene in mente la manifestazione del '49 con Di Vittorio. Nel frattempo si viene a sapere che Nanni Moretti fuori, insieme alle centinaia di persone che nel frattempo sono arrivate davanti al Capranica e che continuano ad arrivare. Suscita entusiasmo l'adesione alla manifestazione da parte della Sapienza occupata, con l'invito a manifestare insieme.
Propongo che si allarghi la manifestazione non solo a Roma, interviene Lizzani, perch evidente che se ci facciamo schiacciare, se abbassiamo la guardia, subiremo altri colpi. Maselli a nome dell'Anac porta l'adesione di Liv Ullman a capo dell'associazione degli autori europei, Sandro Signetto presidente di Doc it ricorda il 10% dei fondi in pi appena stanziati dalla Francia e avverte che in un momento in cui il documentario protagonista pu improvvisamente bloccarsi. Nel frattempo in sala alcuni registi di Ring (Spadoni, Vicari, Gaudino, Puccioni) riprendono tutto. Raccolgono da tempo testimonianze, perch non sempre stato detto che presto sarebbe diventata incontrollabile una situazione che molti dei presenti in sala rifiutavano di accettare.



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news