LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Attori, sindacalisti e politici uniti: Chi taglia non conosce la cultura
http://www.repubblica.it/2005/j/sezioni/spettacoli_e_cultura/taglispet/arteribella/arteribella.html

ROMA - Lo spettacolo italiano si fermato, oggi, per protesta contro contro i tagli previsti dalla legge finanziaria. Attori, registi, musicisti, documentaristi, operatori, politici e sindacalisti si sono riuniti al Centro Congressi Capranica di Roma per la manifestazione nazionale organizzata dall'Agis (Associazione generale italiana dello spettacolo), alla quale hanno partecipato migliaia di persone. Per la ressa moltissime persone sono rimaste fuori, nella piazza, compreso Nanni Moretti. E, dopo lo 'spettacolare' intervento di Benigni, che ha concluso gli interventi, partito un lungo corteo che ha raggiunto Palazzo Chigi, guidato da Sabina Guzzanti.

La partecipazione all'iniziativa di protesta per il taglio del 40 per cento del Fondo Unico per lo spettacolo (Fus) previsto dalla Finanziaria (corrispondente a oltre 160 milioni di euro) stata veramente sentita tra gli artisti, "finalmente uniti", come ha notato nel suo intervento Massimo Ghini, e anche tra i sindacalisti e i politici (tra i tanti in sala Piero Fassino, Giovanna Melandri, Willer Bordon, Fabio Mussi e Beppe Giulietti) che hanno sottolineato con energia il valore della cultura, valore, certo, etico, ma anche economico.

"Non credo che il governo non fosse in grado di trovare i 150 milioni che sono stati tagliati", ha evidenziato il segretario generale della Cgil Guglielmo Epifani. "E' piuttosto questo governo ad introdurre un progetto di societ che sbagliato, in cui costruire con la fantasia e con il metodo del lavoro qualcosa che non va sostenuto perch pu dare fastidio".

"Il FUS - ha ricordato il segretario generale della Cisl Savino Pezzotta - istituito nel 1985, se rivalutato del solo indice Istat sarebbe dovuto ammontare a circa 800 milioni di euro. Questa Finanziaria ne prevede 300. L'effetto immediato sar una diffusa chiusura di attivit di spettacolo (circa 5.000 aziende) con la conseguente perdita di oltre 60.000 posti di lavoro in un settore privo di ammortizzatori sociali". Una scelta miope, ha sottolineato Pezzotta, se si pensa "che lo spettacolo italiano elemento incentivante del consumo del Made in Italy negli altri Paesi (come ad esempio il Giappone e negli Usa). Cos come si fa finta d'ignorare che lo spettacolo italiano incentiva e sostiene il turismo culturale che nel nostro Paese rappresenta una risorsa strategica".

Un'osservazione che stata ripresa successivamente dal regista Carlo Lizzani: "E' troppo incredibile che un governo che dichiara spirito imprenditoriale non abbia capito l'importanza del ritorno degli investimenti in cultura".

"Il giudizio su questa Finanziaria negativo - ha confermato, a margine della manifestazione - il segretario dei Ds Piero Fassino - non solo si taglia ma si mostra di non comprendere il valore della cultura e dello spettacolo, che sono sempre stati una risorsa strordinaria per il nostro paese. Avrebbero potuto evitare i tagli con una politica economica seria".

Ma moltissimi sono stati soprattutto gli interventi della gente di spettacolo, a cominciare da quello del presidente dell'Agis, Alberto Francesconi, che, rivolgendosi al ministro della Cultura Rocco Buttiglione che oggi in un'intervista a un quotidiano faceva appello alla coscienza del mondo dello spettacolo, ha replicato: "Noi l'esame di coscienza ce lo siamo fatti bene, signor ministro - anche perch qua dentro ci sono persone di spettacolo che hanno contribuito a creare la coscienza civile di questo Paese".

Il ministro Buttiglione a distanza ha a sua volta replicato ai manifestanti: i tagli, ha detto all'inaugurazione del museo 'Duilio Cambellotti' a Latina, "sono inaccettabili e saranno rivisti, c' l'impegno del ministro Tremonti e del presidente Berlusconi", ha assicurato, precisando che comunque "non saranno in quella misura, un Paese deve dimostrare di essere grande quando, anche in momenti difficili per l'economia, investe nella cultura".

Il produttore Aurelio De Laurentis ha lanciato un appello al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi: "Tu che con il cinema ti sei arricchito, tu che sei un uomo di spettacolo, intervieni!'".

Tra i cartelli di protesta pi significativi, quello che racchiude lo slogan della manifestazione, "Chiudere un giorno per non chiudere per sempre".

Oltre ai rappresentanti di Agis, Anica, Anac, Slc Cgil, Sindacato Attori Italiani, Fistel Cisl, Forum Attori Italiani, Uilcom Uil e Coordinamento Attori Uilcom, molti i volti noti in sala tra i quali attori e attrici e registi come Anna Galiena, Mariangela Melato, Gabriele Lavia, Giulio Bosetti, Massimo Ghini, Sabina e Corrado Guzzanti, Gigi Proietti, Fiorella Mannoia, Michele Placido, Carla Fracci, Christian De Sica, Paola Quattrini, Gigi Magni, Valerio Mastandrea, Enrico Brignano, Lucrezia Lante Della Rovere, Isabella Ferrari, Chiara Muti, Alessandro Haber, Ninetto Davoli, Mimmo Calopresti, Valeria Golino, Chiara Caselli, Citto Maselli e Cecilia Dazzi. Il pi applaudito, oltre a Benigni, stato Pietro Garinei.

Ma moltissimi non sono neanche riusciti ad entrare, sono rimasti in piazza e si sono uniti alla seconda parte della manifestazione, il corteo verso Palazzo Chigi. Tra loro i fratelli Taviani e Moni Ovadia, arrivato con la valigia: "Sono venuto apposta da Milano, e devo ritornarci subito", ha detto.

Nella piazza anche numerosi artisti di strada: un gruppo di giovani musicisti con gli organetti, e un cartello con su scritto "Che brutto spettacolo", e naturalmente Pulcinella.



news

16-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news