LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

No ai tagli: sciopera la cultura
s.s.
il Manifesto 14-OTT-2005

Il teatro Argentina a Roma ha accolto ieri lo schieramento delle adesioni alla manifestazione indetta dagli enti locali della città e del Lazio, un'assemblea che ha preceduto la grande manifestazione nazionale che si tiene oggi al Capranica («chiudere un giorno per non chiudere sempre») contro i tagli alla cultura della Finanziaria (in sintesi: meno della metà della media europea). Poiché non è certo stato il primo segnale politico a colpire i diversi settori con una tecnica in genere applicata scientificamente nelle aziende, il taglio è vissuto da tutti come una serrata a cui bisogna rispondere con la più ampia mobilitazione. La risposta oggi è la chiusura pressoché totale delle sale, dei teatri e sale di concerto (la Biennale di Venezia offre un biglietto unico di 5 euro invece di 15 per le mostre).
«Esprimo solidarietà agli enti locali a nome di tutta l'Unione di fronte a una ennesima prova di insensibilità e miopia con cui si affrontano i problemi del nostro paese» ha detto Piero Fassino «bisogna avere un approccio diverso di fronte a questi temi, non si deve considerare la cultura come se fosse una spesa superflua che si può tagliare tranquillamente». In mattinata alla commissione cultura del Senato si era votato sulla necessità di aumentare i fondi del ministero dei beni culturali e incrementare il Fus almeno secondo i livelli del 2005. Mentre l'augurio di tutti era che il governo mantenesse l'impegno, il ministro della cultura Buttiglione così dichiarava: «il paese attraversa una fase difficile e tutti devono fare sacrifici, si impone perciò comunque un doloroso riassetto» Cioè: «riassorbire le sacche di improduttività, riformare dove necessario, ma per poter fare questo è necessario disporre di strumenti adeguati».
Al teatro Argentina erano presenti i sindacati di categoria, l'Agis, l'associazione degli Autori, il Sindacato critici cinematografici, la consulta universitaria del cinema, i produttori televisivi, Bruno Cagli presidente dell'Accademia di Santa Cecilia, il sovraintendente Emani per il Teatro dell'opera (un taglio di oltre 8 milioni di euro). Hanno inviato la loro adesione Roberto Benigni, Gaudio Abbado, Uto Ughi, Maurizio Pollini, Sabrina Ferili, Sabina Guzzanti, Simona Marchiili e Philippe Daverio, mentre erano in sala Carla Fracci, Liliana Cavani, Catherine Spaak, Paola Pitagora, Sorda Bergamasco, Gabriele Lavia, Daniela Poggi, Fabrizio Gifuni, Adalberto Maria Merli, Roberto Gatto e Nicky Nicolai e storici esponenti della vita culturale romana come Americo Sbardella del Filrn studio e Cristina Torelli dell'Officina. Tra i parlamentari Giovanna Melandri e Giuseppe Giulietti. «Un intervento che potremmo definire brutale», ha detto l'assessore alla cultura della regione Lazio Giulia Rodano, secondo la quale i tagli rappresentano «un cappio al collo della cultura e dello spettacolo». Per Vincenzo Vita assessore alla cultura della provincia di Roma: «Il governo televisivo decreta la morte in diretta della cultura». Per Borgna, assessore alla cultura del comune di Roma, c'è una grande ipocrisia nella vicenda dei tagli, perché «mentre i grandi eventi si potranno fare ugualmente grazie agli sponsor, verrà colpita la vita di strutture come musei, biblioteche, teatri».
«Sto pensando a Cerignola, il mio paese, ha concluso Michele Placido, dove ogni anno porto gli studenti dell'Accademia a fare spettacoli senza chiedere niente a nessuno e che probabilmente non verranno più perché magari andranno a fare i benzinai. Sono indignato perché la colpa ce l'abbiamo noi, abbiamo dato spazio a certe persone. Quando c'è stato da salvare il calcio, le tv, tutti si sono mossi. Qui dobbiamo fare noi la lotta, noi di questo mestiere, prendere i cartelli e fare qualcosa, come ai tempi di Gian Maria». Oggi tutti al Capranica, alle 14.30.



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news