LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ecomostro a Pantelleria
Primo Di Nicola
L'Espresso 20-OTT-2005

Un'antica cantina su una baia incantevole. E un progetto per ristrutturarla e valorizzarla. Ma dai lavori spunta invece un colosso di cemento. Denunciato in Procura

Un autentico ecomostro. In uno dei punti più belli dell'isola. Venuto su, al posto di un prezioso cimelio architettonico, l'antica cantina Casano, nell'indifferenza delle autorità locali. Accade a Pantelleria, ma la vicenda ha già varcato la soglia della Procura della Repubblica di Marsala, alla quale si sono rivolti con un esposto oltre 200 turisti e residenti dell'isola. Cittadini che frequentano da una vita la zona di Cala Tramontana e che conoscono i luoghi devastati come le loro tasche. E che nell'esposto ricordano come Pantelleria si sia sinora mantenuta intatta grazie a un rigoroso vincolo paesistico che, tra i «beni emblematici di particolare pregio ambientale», indica proprio Cala Tramontana. Ai bordi di questa cala e a pochi metri dal mare, sorgevano «due cospicui caseggiati uno dei quali adibito a magazzino per lo stoccaggio dei mosti» che le navi venivano a caricare proprio nella cala: «Un vero e proprio manufatto di archeologia industriale», recita l'esposto, visto che «entrambi, costruiti in pietra nera, conferivano alla Cala una inconfondibile fisionomia». Cosa è successo negli ultimi mesi? Che entrambe le costruzioni sono state interessate da una intensa attività edilizia, «in particolare il magazzino di stoccaggio dei mosti è stato quasi completamente demolito nelle sue mura perimetrali e al suo posto è stato costruito un immenso edificio con numerose finestre e corpi tecnici su tetto piano, allo stato incompleto»: l'ecomostro, appunto. Che, fatto sconcertante, ha avuto tutti i suoi cantieri autorizzati, come si può leggere sui cartelli esposti e che riportano tutte le indicazioni di legge. La prima e più interessante è il nome della società proprietaria dell'immobile e titolare delle licenze edilizie. Si chiama Approdo Mediterraneo Seminario Veronelli, una srl il cui azionista di maggioranza è Giacomo De Laude, un imprenditore immobiliare varesino. E Veronelli, sì, proprio Luigi, il celebre enogastrono deceduto un anno fa, cosa c'entra in questa storia? A lui, amante e frequentatore dell'isola, una volta copro-prietario della storica cantina Casano, De Laude fa risalire la paternità dell'idea di ristrutturare l'immobile per crearvi una struttura ricettiva che accanto allo sfruttamento turistico si proponesse di creare un centro per la valorizzazione delle risorse naturali dell'isola, dall'uva ai capperi. Solo che Veronelli non se l'è sentita di portare avanti il progetto e ha ceduto per tempo la sua quota proprietaria proprio a De Laude. Che ha messo a punto il progetto di "ristrutturazione" facendoselo finanziare con i fondi pubblici del patto territoriale "Pantelleria e isole del Mediterraneo".
Cosa prevede il progetto?
La sua lettura è illuminante sia sull'importanza dell'immobile sia sulla portata della distruzione cui è stato sottoposto. Il fabbricato oggetto della ristrutturazione, costruito dai conti Casano ai primi del '900, aveva un configurazione geometrica e una superficie di circa 460 metri. Una parte era costituita «da alcuni locali abitativi che sicuramente erano la residenza degli addetti ai lavori», mentre l'altra parte si articolava in due grandi ambienti adibiti allo stoccaggio dell'uva, alla sua pigiatura e alla lavorazione dei mosti. La struttura era costituita da «un'imponente muratura perimetrale e da alcuni pilastri centrali realizzati in blocchi di pietra squadrati a mano e prelevati dalla roccia vulcanica caratteristica dell'isola». Beni preziosi che, almeno sulla carta, gli autori del progetto pareva volessero conservare. Mantenere in vita il prezioso manufatto «che rappresenta un monumento importante per lo sviluppo economico» dell'isola; destinarne una parte «al ricordo della cultura pantesca» con l'istituzione di un museo della cultura vinicola, accanto alla realizzazione di una sala conferenze e di una decina di alloggi «da destinare a residenti o amanti dell'isola»: questi i proponimenti sbandierati dai presentatori del progetto.
E le facciate esterne perimetrali in pietra lavica, l'elemento essenziale della bellezza della struttura?
«Saranno mantenute e ripristinate nella loro condizione originale», scrivevano i progettisti.
Che fine hanno fatto invece?
Risultano quasi completamente distrutte: al loro posto ci sono ora le pesanti pareti in cemento denunciate nell'esposto.
E come sono venute giù le vecchie mura perimetrali? Di chi la colpa?
«Del vento e di una violenta mareggiata », si giustifica De Laude. Che in attesa che la Procura accerti la responsabilità dello scempio, promette di «rimettere le cose a posto rivestendo le mura perimetrali in cemento con le antiche pietre laviche».



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news