LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I palazzoni Aler? Monumenti nazionali
GIOVANNI TERZI
Libero 14-OTT-2005

Forse pochi sanno che cosa è un bene culturale. Probabilmente ognuno di noi immagina che un bene culturale altro non è che qualche cosa di bello e che appartiene alla storia delle nostre città. Così non è.
Per individuare cosa è un bene culturale ci viene in aiuto il "codice dei beni culturali", il decreto legislativo 42/2004, che all'articolo 10 spiega: «Sono beni culturali le cose immobili e mobili appartenenti allo Stato, alle Regioni, agli altri enti pubblici territoriali, nonché ad ogni altro ente ed istituto pubblico e a persone giuridiche private senza fine di lucro, che presentano interesse artistico, storico, archeologico o etnoantropologico».
Questa affermazione appare del tutto condivisibile e di buon senso. Se però leggiamo anche il successivo articolo 12 «.. .le cose immobili indicate all'articolo 10 comma 1 la cui esecuzione risalga ad oltre cinquant'anni sono sottoposte a vincolo monumentale ...» iniziamo a comprendere come il termine perentorio di cinquant'anni di vita per apporre un vincolo monumentale sia forse, o meglio molto spesso, esageratamente esiguo.
Ci rendiamo quindi conto come non sia necessario essere "bello" e universalmente riconosciuto ad un bene per essere
"vincolato" alla soprintendenza ma sia invece determinante l'età. I cinquant'anni di anzianità comportano la qualifica automatica di monumento e, in quanto tale, di edificio degno di tutela. Così, nel 2005 ogni edificio di proprietà pubblica, purché datato 1955 e precedenti, risulta essere sotto la rigida tutela delle direzioni per i beni culturali.
Ecco che ospedali, stadi (San Siro a Milano inaugurato nel 1926 è già vincolato mentre il San Paolo a Napoli inaugurato nel 1955 lo sta diventando) saranno tutelati. Ma soprattutto ora si rischia che i contestati palazzi di edilizia popolare entrino automaticamente, e soprattutto indegnamente, nel "circolo del monumento".
Molto spesso la legge funziona perché collocando temporalmente il vincolo, si mette l'immobile al riparo da eventuali brutture e scempi postumi. Altrettanto spesso però essa pone seri problemi gestionali. Ed è proprio nella comune battaglia che ogni Sindaco o amministratore di un ente locale fa per migliorare la qualità della vita e diminuire il degrado nella propria città che ci si trova di fronte al problema.
Per rendere funzionali, a norma e accettabili dal punto di vista architettonico tanti stabili di edilizia economica popolare degradati viene richiesto lo stanziamento di finanziamenti. Finanziamenti che poi nei fatti possono trovare intoppi burocratici in quanto l'intervento sul palazzo residenziale pubblico, essendo monumento per legge (avendo quindi più di cinquant'anni), necessita di procedure amministrative che, di fatto, rendono più complicato portare a termine quelle opere di manutenzione straordinaria per far vivere più decorosamente innumerevoli persone.
A Milano quartieri come lo "Stadera" del 1927-1930 , il "Barona" del 1933-1937, il giovane Niguarda del 1946, sono già un monumento. Sempre a Milano il Grattacielo Pirelli (1959) al contrario non è un bene culturale.
Il nuovo codice dei beni culturali si è tradotto nei fatti in un appuntamento mancato in quanto non ha definitivamente risolto l'annosa questione del vincolo automatico sugli immobili
pubblici. Oggi, dunque, il bene subisce l'apposizione automatica del vincolo al suo cinquantesimo compleanno, salvo poi attendere che l'ente preposto alla tutela, in generale le direzioni regionali (che hanno sostituito, con la riorganizzazione del Ministero, le Soprintendenze), si pronunci sulla sussistenza dei requisiti.
È indubbio che sia stato compiuto, almeno per legge, un ampio passo in avanti verso un sistema vincolistico meno aprioristico.
Nulla toglie che sia però ancora legittimo affermare che i problemi non sono stati risolti per tanti immobili pubblici che occupano posizioni strategiche nelle città che con tanta fatica stiamo tentando di riqualificare e rendere vivibili.
La verifica successiva al vincolo automatico è infatti subordinata ad una procedura - che già oggi è in ritardo nell'attivazione - sugli immobili pubblici ultracinquantenni.
I nuovi cinquantenni, quindi, dovranno mettersi in fila per aspettare che l'ente preposto esamini il loro caso. Nel frattempo passerà altro tempo di inattività e non scelte, altro tempo in cui sarà complicato recuperare scempi architettonici che accolgono, malamente, molti cittadini. Intanto però potremo contare e ammirare queste nuove "bellezze" a norma di legge.

LA LEGGE SUI BENI CULTURALI
I L'AGGIORNAMENTO
Nel 2002 il ministro Giuliano Urbani decide di aggiornare le norme riguardanti la tutela del patrimonio culturale e paesaggistico nazionale, risalenti al 1939. Il decreto diventa legge nel 2004, col numero 42/2004

I IMMOBILI DI INTERESSE
Secondo il nuovo decreto sono beni culturali le cose immobili e mobili che presentano interesse artistico, storico, archeologico, etnoantropologico, archivistico e bibliografico e le altre cose individuate dalla legge o in base alla legge quali testimonianze aventi valore di civiltà. Sono sottoposte a verifica le cose immobili e mobili di autore non più vivente e la cui esecuzione risalga a oltre 50 anni



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news