LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Danneggiata la lapide del Savonarola
il Tempo 14-OTT-2005

FIRENZE — Dal David di Michelangelo alla lapide del Savonarola: è tornato a colpire Piero (all'anagrafe Pietro) Cannata. È andato in Piazza della Signoria e, usando uno spray nero, ha disegnato una croce sulla targa, posta sul selciato, che ricorda il punto dove fra Girolamo Savonarola venne impiccato e arso il 23 maggio 1498.
È stato lo stesso autore del gesto a denunciare quanto aveva compiuto. «Ho colpito di nuovo - ha detto - ho fatto una X sulla lapide che ricorda il Savonarola in piazza Signoria perché c'è una frase senza senso».
Cannata, 58 anni, palermitano d'origine e pratese di adozione, divenne famoso il 14 settembre del 1991 quando prese a martellate il secondo dito del piede sinistro del David di Michelangelo esposto al museo dell'Accademia (per quel gesto è stato alcuni anni rinchiuso nell'ospedale psichiatrico giudiziario di Montelupo).
Nei giorni scorsi era tornato a far parlare di sé per essere stato denunciato a causa di molestie telefoniche nei confronti di una giornalista a Roma.
Uomo dal carattere mite, Cannata - ex studente di estetica al Dams - ha un rapporto di amore-odio per l'arte.
Per la cronaca è un «vandalo» perché dall'episodio del David non si è più fermato. Si è accanito sull'affresco di Filippino Lippi «Le esequie di Santo Stefano» custodito nel duomo di Prato (13 ottobre 1991); ha danneggiato irreparabilmente la tela di Michele di Raffaello delle Colombaie «L'adorazione dei pastori» nella basilica di Santa Maria delle Carceri, sempre a Prato (15 dicembre 1991); ha scarabocchiato con un pennarello il dipinto di Pollock «Sentieri ondulati» conservato alla Galleria nazionale di arte moderna a Roma (26 gennaio 1999); si è accanito, sempre con un pennarello, sulla statua «Gentiluomo a cavallo» di Marino Marini, conservata nell'omonimo museo fiorentino e ha invitato un visitatore a guardarlo mentre si «esibiva» (9 febbraio 2000).
È stata però ripulita la lapide che ricorda il martirio di Girolamo Savonarola. I tecnici della ditta con la quale il Comune ha un contratto per la manutenzione dei monumenti è intervenuta ieri mattina sotto la responsabilità del Servizio Belle Arti del Comune per rimettere completamente in sesto la lapide.
«Siamo intervenuti immediatamente - ha detto l'assessore alla cultura Simone Siliani - e ora la questione è stata risolta, ma rimane il fatto che a pochi metri dal luogo in cui Cannata ha compiuto il suo gesto, doveva essere attivo un servizio di guardia giurata istituita e pagata dal Comune dopo l'atto vandalico che ha coinvolto il Biancone.
Sarà quindi nostra cura - ha aggiunto Siliani - fare delle opportune verifiche in merito».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news