LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Patrimonio mondiale: l'Italia candida Strada Nuova e i Rolli
Corriere mercantile 13-OTT-2005

ROMA - Saranno la Strada Nuova e i Rolli di Genova, ovvero gli antichi palazzi nobiliari del centro storico del capoluogo ligure, i prossimi candidati italiani per l'iscrizione nella lista Unesco del Patrimonio Mondiale dell'Umanità.
L'annuncio ufficiale è arrivato dal sottosegretario ai Beni Culturali Nicola Bono, che ieri a Roma ha presenziato alla cerimonia della firma, con i rappresentanti della soprintendenza e delle autorità locali, del protocollo d'intesa per la candidatura.
La candidatura di Genova, che si avvia quindi a diventare il 41 esimo sito italiano iscritto nella prestigiosa lista dell'Unesco, sarà presentata, ha ricordato Bono, nella sessione 2006 del comitato mondiale insieme a quella delle Dolomiti, presentate nella categoria dei siti naturali. «Due candidature di assoluta autorevolezza - ha commentato Bono - con le quali puntiamo non solo a conservare, ma a rafforzare la leadership mondiale in seno alla World Heritage List, che dal prossimo anno potrebbe dunque cedere i siti italiani riconosciuti passare da 40 a 12».
Esteso per buona parte lei centro storico di Genova, il sito dei Rolli, o «alloggiamentì pubblici» comprende circa 80 palazzi nobiliari appartenuti a banchieri, armatori e mercanti delle famiglie più ricche e potenti. A partire dalla fine del '500, anche in seguito alla realizzazione del progetto urbanistico della Strada Nuova, quest'insieme di dimore nobiliari venne trasformato in un sistema pubblico di dimore private obbligate ad ospitare le visite di Stato. Proprio nel 1576, infatti, un decreto del Senato promulga un elenco ufficiale (rollo degli alloggiamenti pubblici) dei palazzi obbligati a svolgere funzioni di ospitalità per conto della Repubblica oligarchica, sostituendo i provvedimenti casuali con i quali si era fino ad allora rimediato agli arrivi di sovrani e principi. Il sorteggio fra più liste (Rolli) dove le residenze erano imbussolate per grandezza e bellezza era decretato assieme al protocollo cerimoniale richiesto dalla dignità dell'ospite che comprendeva l'accompagnamento, dopo lo sbarco, alla casa designata dal Senato. L'origine di questa nuova e singolare civiltà, hanno spiegato a Roma i responsabili di ministero e so printendenza locale, si deve proprio all'invenzione urbanistica di "Strada nuova" (1855-83), oggi via Garibaldi, quartiere elitario costruito dalle maggiori casate sul pomerio più panoramico, con una moderna lottizzazione pubblica di otto aree iniziali, allineate su un rettifilo di 250 metri. Come provvedimento di governo, il Rollo degli alloggiamenti pubblici è quindi la solenne ufficializzazione di una città dei palazzi, come quella celebrata dal Pe-trarca alla metà del XIV secolo, cui si accompagna un cerimoniale di ospitalità nel quale emerge il ruolo sociale della ricchezza privata, che si esprime nella qualità e nella dovizia degli arredi, argenti, affreschi murari, ritratti, arazzi. Il sistema residenziale dei rolli rimane così un fenomeno di autopromozione urbana, eccezionale per i tempi, con cui rispettando la propria origine repubblicana, Genova assecondava da un lato il gradimento della cultura cerimoniale di Spagna, mentre dall'altro teneva saldamente le chiavi deglii erari di Carlo V e Filippo II, oltre a quello della Curia romana.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news