LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Jesi, la cultura prima vittima dei tagli
di MATTEO TARABELLI
Il Messaggero (Ancona) 13 ottobre 2005

Giovedì 13 Ottobre 2005 Chiudi

Finanziaria 2006. Scenari amari per i 200 collaboratori della Fondazione Pergolesi-Spontini. E domani non va in scena “Falstaff”


L’assessore Romagnoli: «In queste condizioni sono a rischio anche molti servizi»



JESI – Il Comune di Jesi fa i conti con i tagli della Finanziaria 2006. Se la discussa manovra governativa rimarrà tale e quale, l’amministrazione comunale dovrà fronteggiare una riduzione delle spese correnti di 2.607.000 euro, equivalente alla percentuale di restrizione dei trasferimenti agli enti locali (6.7%), indicata dal ministro dell’economia Giulio Tremonti e approvata a fine settembre dal consiglio dei ministri. Ma secondo l’Anci, associazione nazionale dei Comuni, la legge finanziaria peserà almeno quattro punti percentuali in più dei numeri dichiarati, nonostante il divieto governativo di ridurre le spese per il personale e per i servizi sociali. Questo significa che il Comune di Jesi, prendendo a riferimento il bilancio 2005, ha una spesa corrente di 40 milioni di euro. Pertanto, se si verificassero le ipotesi dell’Anci, il Comune sarebbe costretto a tagliare servizi fino a 4 milioni. Una vera e propria stangata sul bilancio locale dunque, da coprire mediante la riduzione di alcuni servizi di primaria importanza per la comunità. Cultura in primis. A seguire tutte quelle attività connesse ai servizi educativi, con pericolose ricadute sugli standard qualitativi e quantitativi delle prestazioni erogate. «Con questa Finanziaria – spiega il sindaco Belcecchi – il Governo farà ricadere sugli enti locali, governati in maggioranza dal centrosinistra, la propria incapacità di gestire le risorse pubbliche, e cercherà quindi di trasferire sotto forma di responsabilità politiche le proprie carenze amministrative». Incalza l’assessore alle finanze, Simona Romagnoli. «La Finanziaria 2006 penalizzerà fortemente i cittadini – sostiene – Colpire gli enti locali significa aggravare la situazione degli unici settori che hanno sempre garantito il patto di stabilità mediante la gestione corretta e oculata delle risorse disponibili. Se tutto resterà tale e quale quindi, così com’è stato ipotizzato dal ministro Tremonti, saremo costretti a mettere in discussione alcuni servizi». A rischiare maggiormente saranno gli eventi culturali. Per questo il Teatro Pergolesi domani sera accantonerà le musiche di Giuseppe Verdi, l’architrave melodica del secondo Falstaff , per scioperare. A dar man forte alla protesta interverrà anche l’assessore regionale alla cultura, Giampiero Solari. «La Finanziaria taglierà 164 milioni di euro al Fondo Unico dello Spettacolo – ricorda l’assessore alla cultura Leonardo Animali – Per la Fondazione Pergolesi-Spontini, l’ente che cura la stagione lirica cittadina e l’omonimo festival di settembre, questo significa una decurtazione di circa 286mila euro e difficoltà enormi nella gestione dei circa 200 collaboratori, che contribuiscono a elevare la qualità della nostra offerta culturale» . E’ a rischio dunque l’occupazione delle centinaia di figure professionali che ruotano attorno al mondo del teatro e dell’intrattenimento cittadino. «E’ difficile quantificare in termini di occupazione i tagli previsti dalla Finanziaria – ribadisce Animali – E’ chiaro che se la stagione lirica dovesse essere ridotta per mancanza di fondi, si ridurrebbero di conseguenza anche le ore lavorative dei 200 collaboratori della Fondazione Pergolesi Spontini. Per ora quindi possiamo parlare esclusivamente di limitazioni temporali più che di licenziamenti». E saranno proprio questi gli argomenti che domani sera, a partire dalle ore 21, saranno affrontati dalle autorità politiche e culturali della regione al Teatro Pergolesi di Jesi.







news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news