LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE: Bargello, e se il restauro fosse sbagliato?
di Gianni Caverni / Firenze
13/10/2005, L'Unità, Firenze



AL LAVORO la commissione tecnica voluta dal sindaco Domenici per far luce su quanto è avvenuto nell’antico palazzo. A cedere è stato il “rimpello” che doveva essere rimosso.

I tecnici della Fabbrica di Palazzo Vecchio contestano la versione della soprintendenza: la caduta delle pietre non è stata causata dai passaggi dei bus ma da un restauro sbagliato


Emersi nelle ultime ore nuovi elementi rispetto al crollo di alcune pietre dal Bargello. Contratriamente a quanto affermato nei giorni scorsi dalla Soprintendenza, secondo i tecnici del comune di Firenze, quella caduta al suolo in via del Proconsolo due giorni fa, non sarebbe una parte strutturale del palazzo ma un pezzo di “rimpello”, un elemento di congiunzione fra la torre e la facciata. Non si tratterebbe quindi di un problema di carattere statico ma il fenomeno, data l’estensione e la fragilità del rimpello, potrebbe essere destinato a ripetersi. Diversa, sempre secondo i responsabili dell’ufficio fabbrica di Palazzo Vecchio, anche la causa accidentale del crollo: non le vibrazioni provocate dal passaggio degli autobus in via del Proconsolo, ma alcune “disattenzioni” nell’esecuzione del restauro della facciata (risalente al 1999), cioè la mancata la mancata rimozione del rimpello. Il Comune, nella persona dell’assessore Simone Siliani, si dichiara comunque disponibile alla più completa collaborazione con la Soprintendenza.

INSOMMA è stata colpa delle vibrazioni degli autobus che passano così frequentemente di lì o la questione è un'altra? Secondo i tecnici del Comune di Firenze la responsabilità sta tutta nel "rimpello", cioè in quel misto di pietra e malta che, nello specifico del Bargello, aveva la funzione di unire la torre alla facciata rivolta su via del Proconsolo. Si tratta di due opere murarie costruite in tempi diversi e sostanzialmente autonome. Chi dalle notizie dei giorni scorsi deducesse che il Palazzo del Bargello sta cadendo a pezzi sbaglierebbe di grosso, è caduto invece un conglomerato, "probabilmente messo prima dell'ultima guerra", dice Antonio Paolucci, soprintendente al Polo museale fiorentino, con l'unico scopo di dare continuità apparente e questi due elementi della costruzione. Il rimpello non ha alcuna funzionalità statica, "il materiale di chiusura del giunto non è fisicamente ancorato alla torre e neppure al palazzo quindi la perdita di proprietà della malta comporta l'improvvisa perdita dell'ancoraggio e quindi la caduta a terra del materiale" si legge nella dichiarazione che sull'accaduto ha rilasciato Simone Siliani, assessore alla cultura del Comune di Firenze; "quando ciò si verifica vuol dire che in tempi brevi il fenomeno è soggetto a ripetersi per tutto il tratto dove è stata utilizzata la stessa tecnica anche favorito dalla migliore penetrazione all'interno delle precipitazioni meteoriche". Insomma, secondo i responsabili dell'ufficio Fabbrica di Palazzo Vecchio che hanno eseguito un primo sopraluogo, non si è avuto un crollo perché in quel caso avrebbe dovuto trattarsi di un collassamento di una parte dei materiali di costruzione. Sia la torre sia la facciata su via del Proconsolo sono dunque integri e non corrono rischi. A cedere con tutta probabilità è stata la malta che teneva insieme le scaglie di pietra fra la torre e la facciata. D'altronde basta soffermarsi e guardare in alto per notare che il rimpello parte quasi da terra ed arriva fino in cima, ma anche per accorgersi che numerose sono le parti mancanti, a testimoniare che certamente la caduta di qualche giorno fa non è stata la sola anche se magari è stata la più eclatante e pericolosa, oltre che la più recente. "Su via Ghibellina, dice Siliani, "è ancora visibile la netta separazione fra il bozzato della torre e quello del Palazzo. Le due cortine murarie sono, per tutta l'altezza distanziate di 10 centimetri. Un'intuizione che anticipa i moderni giunti sismici che l'attuale normativa prescrive dopo 20 metri di fronte continuo o quando siano contigui due corpi di fabbrica con pesi propri molto diversi e quindi con diversi comportamenti sismici". Per il tratto di via del Proconsolo le scelte, precedenti, devono essere state diverse. Ma, come ci ha ricordato giorni fa Paolucci, nel 1999 la Soprintendenza spese 300 milioni per il restauro delle facciate del Bargello e forse sarebbe stato il caso di rimuovere allora il famigerato rimpello, espressione di un procedimento costruttivo ormai superato. "Proponiamo alla Soprintendenza", continua la dichiarazione di Siliani, "una collaborazione, ossia la possibilità di utilizzare sia le strumentazione tecnologiche utilizzate su Palazzo Vecchio che mettiamo a disposizione, sia le competenze e l'esperienza maturata dai tecnici dell'ufficio Fabbrica di Palazzo Vecchio nell'occasione del restauro della facciata del Palazzo della città ». «Su quali siano le cause della caduta di qualche giorno fa e sulle condizioni della facciata» dice ancora il soprintendente Paolucci «non posso commentare le conclusioni a cui è giunto il Comune senza prima aspettare gli esiti dell'indagine che i nostri tecnici inizieranno a breve, "ad horas". E' questione di giorni, sulla collaborazione poi siamo assolutamente d'accordo».

Da prigione a grande museo
Il Bargello, sede di un museo statale ricco di collezioni importanti, è il più antico palazzo civico di Firenze. Costruito in età medievale (1255), ben prima di Palazzo Vecchio, il Bargello nacque come Palazzo del Capitano del Popolo e poi divenne Palazzo del Podestà (1261). Bargello è il nome che assume da metà '500 perché così la gente chiamava il Capitano di giustizia ossia il capo della polizia che lì aveva i suoi uffici insieme al Consiglio di Giustizia. L' edificio ospitava le prigionie conteneva sale di tortura i cui strumenti vennero bruciati nel 1786 su ordine del granduca Pietro Leopoldo, che aveva abolito la pena di morte. Le prigioni vi rimasero fino al 1857,quando furono trasferite nell' ex convento delle Murate. Dopo una ristrutturazione il Bargello venne trasformato in museo(1859) e lì vi convergono raccolte di sculture e di oggetti d' arte.



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news