LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BOLOGNA: «Con questi numeri il Teatro Comunale chiude»
di Chiara Affronte / Bologna
13/10/2005, L'Unità, Bologna

L’allarme del sovrintendente Mazzonis: «Abbiamo successo, anche tra i giovani ma rischiamo un taglio di 10 milioni di euro»
Domani teatri e cinema si fermano per lo sciopero contro l’annunciata riduzione dei fondi per tutte le attività culturali




«DOVREMO CHIUDERE». Questo il destino del Teatro Comunale, così come di tutti gli enti lirici, se dovesse passare questa Finanziaria. E la beffa è ancora maggiore se si pensa che il teatro di piazza Verdi «sta significativamente incrementando pubblico e attività, in controtendenza con ciò che accade nel resto del mondo», spiega il sovrintendente Stefano Mazzonis. Un’eccezione, quindi la situazione del teatro bolognese, sempre più spesso invitato a partecipare ad importanti appuntamenti festivalieri internazionali, sempre più impegnato nella realizzazione di attività collaterali tese a portare «la città dentro il teatro e il teatro dentro la città», come recita lo slogan che Mazzonis non si stanca di ripetere. «Gli abbonamenti alla stagione d’opera sono aumentati nel 2005 rispetto al 2004 del 14,33 % nel 2005, di questi il 17% è relativo ad abbonamenti di giovani under 30. Pari al 13,8 % è l’incremento per la sinfonica nel 2005, anche qui con un 12% relativo ad abbonamenti effettuati da giovani: incrementi mai registrati da questo teatro», prosegue con orgoglio Mazzonis. «Non si può mai essere contenti », è la battuta del sindaco Sergio Cofferati: «Sono contento e allo stesso tempo molto contrariato. I numeri del Comunale sono quelli di un teatro vivo in grado di far crescere la qualità, di trovare riscontro e simpatia nella città, nei giovani e fuori da Bologna, in controtendenza: condizione molto positiva che dà valore alle persone che operano dentro al teatro stesso». Su tutto questo ottimismo, a cui né il sindaco né il sovrintendente intendono rinunciare, si abbatte la scure di una Finanziaria assurda. Che, se dovesse passare così com’è, decurterà le risorse del Fus (Fondo unitario per lo spettacolo) percepite dal comunale di circa il 40%. Ciò equivale a dire che, se il teatro poteva usufruire nel 2004 di 15 milioni di euro, cifra peraltro già notevolmente inferiore a quelle degli anni precedenti, oggi ne riceverebbe solo 5. «Così si chiude»: è la conclusione a cui arrivano sia Mazzonis che Cofferati, che della Fondazione del teatro è anche presidente. «Con 15 milioni di euro si pagano solo i costi fissi», dice il sovrintendente. «Abbiamo un governo che taglia senza misurare se, in queste condizioni, sia possibile per i teatri andare avanti», aggiunge il sindaco. Che, fa notare, come ai tagli derivanti dal Fus, si aggiungerà una decurtazione delle risorse erogate dagli enti locali, a loro volta fortemente penalizzati dalla Finanziaria. A questo proposito è immediato chiedersi cosa accadrà alla cultura in città, visto che i tagli che il Comune dovrà subire equivalgono, in totale, a 32, 3 milioni di euro. Il budget preventivo per il 2005 destinato alla cultura era di 13,3 milioni di euro: l’impegnato, da gennaio a maggio, ammonta a poco più di 9 milioni. Dove e come tagliare, quindi, è una «scelta che faremo solo alla fine, quando i numeri della Finanziaria saranno definitivi », è quanto comunica il sindaco. Grossi problemi, infatti, potrebbero ricadere anche sulle altre istituzioni comunali, la Gam, la Cineteca. Che tra l’altro nel 2007, quando il nuovo museo sarà aperto, saranno, insieme all’Università, le punte di diamante della cittadella della cultura. Domani si sciopera in tutta Italia per i tagli del Fus (a Bologna chiudono tutti i teatri, eccetto le Celebrazioni): tante le adesioni. Le sale Lumière saranno chiuse. Così come molte altri cinema. Anche l’Anci pensa ad iniziative sul Fus.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news