LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Registi e attori, lo sciopero dei miliardari. Larte dei compagni
Alessandro Gnocchi
Libero, 12-OTT-2005


Le star dello spettacolo contro i tagli a un settore che non vuole accettare le leggi di mercato

Le associazioni e i sindacati dello spettacolo protestano contro il taglio dei fondi previsto dalla finanziaria. Lo slogan della giornata nazionale di sciopero (14 ottobre) apocalittico: Chiudere un giorno per non chiudere sempre.
Registi e attori scendono in campo per esprimere solidariet ai lavoratori. E che fanno? Rinunciano ai cachet non esattamente proletari che sono abituati a incassare? Giammai. Molto meglio indignarsi. Non costa nulla e si fa un figurone. Roberto Benigni indignato: La cultura, in Italia, conta sempre meno. Tutto lo spettacolo e il cinema in particolare non interessano pi, visto che non si da loro alcun valore. Mariangela Melato indignata: Lo spettacolo italiano stato condannato a morte. Dario Fo indignato e ne approfitta per manifestare il suo disgusto verso la plebe: di un popolo ottuso non ci si pu fidare e prima o poi la paghi. La cultura intelligenza e un popolo stupido distrugge la patria. Bernardo Bertolucci indignato e denuncia oscure trame: Temo che dietro ci sia un disegno preciso: impedire al cinema italiano di parlare del nostro Paese e soprattutto di parlarne fuori, al resto dell'Europa, al resto del mondo.
Foschi scenari occupano le pagine dei giornali di sinistra. La Mostra del cinema di Venezia 2006 non si far; i film in corso d'opera non saranno portati a termine; prosa e lirica spariranno; i musei non potranno pagare lo stipendio ai dipendenti. I sindacati rincarano la dose: migliaia di posti di lavoro sono a rischio.
Le cose in realt non stanno cos perch i giochi non sono ancora fatti. L'iter della Finanziaria deve ancora essere completato e i tagli saranno quasi certamente ridimensionati.
Il punto un altro. I finanziamenti allo spettacolo sono una anomalia da correggere. I film devono stare sul mercato, come ogni altro prodotto (artistico e non). Non ci riescono e quindi il cinema italiano rischia di scomparire? Amen, ce ne faremo una ragione. Vuoi dire che vale poco. Non grave: si producono film bellissimi in tutto il mondo; guarderemo quelli indiani, giapponesi e cinesi.
C' chi sostiene che il finanziamento statale sia necessario per competere ad armi pari con gli americani. Balle. Per competere ci vogliono soldi ma soprattutto idee. Cinquant'anni fa il divario tra le nostre case di produzione e quelle americane era superiore a quello attuale. Eppure Fellini e De Sica mietevano successi in patria e in America.
Come siano utilizzati i soldi dei contribuenti sotto gli occhi di tutti. Tra i film realizzati con la ricca elemosina di Stato, ricordiamo anche un numero consistente di boiate pazzesche, come "Cattive ragazze" (Marina Ripa di Meana) o "Mutande pazze" (Roberto d'Agostino).
Gli ex ministri Veltroni e Melandri, oggi scandalizzati dai tagli ordinati da Tremonti, hanno sulla coscienza capolavori come "Al ristorante della Sora Lella" (costato 2 miliardi di lire e mai uscito nelle sale) e "Zora la vampira" (obolo di 3 miliardi, incasso di 300 milioni). E potremmo andare avanti per una pagina o due, flop dopo flop. Bene. Quale produttore americano sarebbe cos fesso da investire 20 centesimi in roba simile? Lo Stato, purtroppo, non ragiona come un produttore americano e ogni anno butta via milioni di euro.
Stesso discorso vale per musei e teatri. Se un industriale lancia una linea di prodotti che non piace, ha due possibilit. La prima drastica: chiude. La seconda realistica: cambia il prodotto. Teatri e musei non accettano questa logica. Non funzionano, hanno costi eccessivi e un bacino di clienti limitato. Perch pretendono che lo Stato si faccia carico delle spese? Sarebbe forse pi utile cercare forme pi strette di collaborazione col privato e progettare eventi meno faraonici ma pi innovativi. Vi sembra normale che la Mostra del Cinema di Venezia riceva circa 5 milioni di euro dallo Stato? Vi pare possibile che tutte le fondazioni di lirica siano in passivo, nonostante un finanziamento complessivo di 250 milioni di euro?
In Italia diffusa l'opinione che denaro e arte siano incompatibili. Il mercato, infatti, cattivo e premia sempre i peggiori. (Traduzione: io sono un genio ma il popolo bue non mi capisce).
Al diavolo quindi le opere "commerciali" e i "venduti" che le realizzano. Chi sostiene che l'artista non si debba sporcare le mani coi soldi o vive in un altro mondo o un ipocrita. La questione non soltanto economica. L'indipendenza si conquista anche facendo quadrare i conti. Molti, invece, desiderano con ardore essere schiavi delle sovvenzioni statali.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news