LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Piano salvacinema in salsa francese. Buttiglione: pi fondi con la tassa di scopo, ma serve un ddl
Lucia Coluccelu
ItaliaOggi, 12-OTT-2005





La ricetta del ministro dei beni culturali. L'Agis: la nostra proposta dopo lo sciopero di venerd

Prima lo sciopero, poi le proposte. Dopo la serrata e la manifestazione che aspettano il mondo dello spettacolo venerd prossimo, Alberto Francesconi, presidente dell'Agis, annuncia che la prossima settimana l'Associazione generale dello spettacolo presenter al ministro per i beni culturali, Rocco Buttiglione, una sorta di norma quadro, chiamata Lo spettacolo e la competitivit, per regolare lo spettacolo italiano e una proposta per riformare il Fus (Fondo unico spettacolo).
Intanto il ministro, dopo che il governo ha deciso di far decadere il decreto legge che conteneva provvidenze e contributi per il cinema italiano, ha lanciato un appello per un disegno di legge in grado di fermare la catastrofe verso cui si avvia l'industria del grande schermo e torna a ribadire l'efficacia della tassa di scopo. Porta a esempio ancora i cugini d'Oltralpe, ricordando alcune cifre da poco diffuse dal suo omologo francese Renaud Donnedieu de Vabres. Il budget 2006 del Centre national de la cinematographie (Cnc) sar pari a 537,4 milioni di euro, 5,4 milioni in pi rispetto al 2005, ricorda Buttiglione, di cui 495,5 milioni di euro (+0,9%) vanno a sostegno delle industrie cinematografica e audiovisiva, che sono coperte da 113 milioni di euro raccolti con la tassa sul prezzo del biglietto (l'll% del costo di un ingresso, ndr), mentre circa 338 milioni provengono dalla tassa sui diffusori audiovisivi e 44 milioni dalla tassa sugli editori audiovisivi (2% del prezzo pubblico di vendite di video e video on demand, ndr).
Al cinema vanno 264 milioni di euro, di cui 153 milioni al sostegno automatico (70 milioni ai produttori, 19 ai distributori, 56,5 agli esercenti e 7,5 agli editori video). Buttiglione racconta come Renaud Donnedieu de Vabres abbia sottolineato l'efficacia delle due nuove misure adottate nel 2004 e 2005: il credito d'imposta per la produzione cinematografica, che da quest'anno stato esteso al settore audiovisivo, e lo sviluppo dei fondi regionali. Elisabetta Brunella, segretario generale di MediaSalles, l'iniziativa che opera con il supporto del governo italiano nell'ambito del
Programma Media plus dell'Unione europea, sottolinea che il modello francese stato preso a esempio anche dalla Polonia che, da inizio 2006, introdurr una tassa di scopo. un progetto di legge, spiega Brunella, che mira a imporre una tassa sugli incassi delle sale, sul noleggio e sulla vendita di videocassette e dvd, sulla pubblicit nella televisione privata, sulla pubblicit e sui canoni della televisione pubblica, sui proventi della televisione via cavo. Lo scopo istituire un fondo che vada a beneficio della cinematografia polacca.
In Polonia, come in Italia, non tutti gli operatori del settore vedono questo provvedimento di buon occhio. Ho parlato con il ministro e mi ha convinto sulla tassa di scopo ma restano ancora molti dubbi se si potr riuscire a introdurre in Italia tutto il sistema francese, non solo una parte, rischiando di far cadere unicamente sulle spalle dell'esercizio il prelievo del 3%, risponde Francesconi. Non si possono enunciare i provvedimenti a slogare Bisogna sedersi intorno a un tavolo e discuterne, come ha affermato anche Paolo Protti, presidente dell'Anec (Associazione degli esercenti). Comunque, nella nostra proposta Lo spettacolo e la competitivit illustreremo la possibilit di introdurre forme di defiscalizzazione e tax shelter. Ora, per, assolutamente necessario che vengano reintegrati completamente i 164 milioni di euro tagliati al Fus. Lo sciopero di venerd che vede tutti uniti, lavoratori e imprenditori, graver non poco sulle tasche degli operatori. Ma il nostro slogan : Meglio perdere 100 mila euro oggi che 2 milioni di finanziamenti domani e quindi chiudere.
A dimostrare contro questa finanziaria ci sar anche Roberto Benigni, tra i colpiti dalla serrata dei cinema. Infatti, il suo La tigre e la neve doveva uscire in sala proprio venerd 14, distribuito da 01 Distribution in circa 800 copie, anticipato da una campagna marketing di 2 milioni e mezzo di euro. Il comico toscano ha cos commentato la necessit dello sciopero con una battuta al Giornale dello Spettacolo: Per il prossimo film, oltre a prendere tutti i cinema d'Italia, voglio ricordarmi di fare costruire delle sale in pi.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news