LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo Grimani, il nuovo museo dove l'archeologia diventa hi-tech
Martina Zambon
Corriere del Veneto, 12-OTT-2005





E' l'unico edificio cinquecentesco rimasto intatto, perfino senza impianti interni. A fine 2006 il restauro sarà concluso: percorsi virtuali tra le antiche collezioni

VENEZIA — Palazzo Grimani, un intatto scrigno architettonico e artistico cinquecentesco, privo di impianti di qualsiasi tipo diventa un museo hi-tech. Senza una sola presa elettrica a muro. Riscaldamento, illuminazione e tubature, ogni tipo di intervento all'interno del Palazzo voluto dal doge Antonio Grimani in ruga Giuffa, nei pressi di Santa Maria Formosa, sarà semplicemente invisibile. Termosifoni, lampade, punti elettrici saranno celati dal design minimalista di sedute, teche espositive e indicazioni del percorso espositivo e gestite senza fili, tramite telecomandi. Per ammirare il palazzo (degno di una visita per stucchi, affreschi e pavimenti pastellati) si dovrà attendere ancora un anno. Il termine dei lavori che la Sovrintendenza veneziana sta portando avanti è fissato per dicembre 2006 con un costo totale di cinque milioni di euro finanziati dal Ministero per i Beni e le Attività culturali.
La tecnologia mette il suo zampino anche nell'allestimento. Si sta studiando la posizione di statue e manufatti attraverso simulazioni virtuali. Così come saranno virtuali tramite un terminale interattivo le ricostruzioni sia a Palazzo Grimani che nel Museo archeologico nazionale di Piazza San Marco, dove si trova gran parte della collezione Grimani. «I due musei - spiega Giovanna Nepi Scirè, sovrintendente del Polo museale veneziano, che oggi illustrerà l'intervento al convegno organizzato a palazzo Cavalli-Franchetti, dall'Istituto Veneto di Scienze, lettere e arti - saranno legati da un fil rouge e speriamo da un unico biglietto».
Si avvia così a una brillante conclusione una delle questioni più annose del centro storico. Il Palazzo, acquistato dallo Stato nel 1981 era stato oggetto dì parziali restauri a singhiozzo con finanziamenti altrettanto saltuari fino al 2002 quando il nuovo Polo museale veneziano l'ha «ereditato». In stretta collaborazione con la Sovrintendenza veneziana il progetto di realizzare un museo imperniato sulla favolosa collezione Grimani parte a ritmi sostenuti e sono già stati ultimati lavori corposi come il sistema di difesa dall'acqua alta con vasche e drenaggi personalizzati per ogni vano con acciaio inossidabile nei ferri delle armature. «Gli interni di Palazzo Grimani sono incredibili persino a Venezia - spiega Nepi Scirè - si potranno ammirare opere di Federico Zuccari. affreschi di Francesco Salviatì e Camillo Mantovano, stucchi di Giovanni da Udine. Sarà un museo di se stesso in un certo senso, poche opere selezionate, vogliamo portare molti calchi per ricostruire la tribuna a due altezze realizzata per le collezioni di statue greche e romane e riportare alcune delle opere legate alla Serenissima, ora all'Accademia o a Palazzo Ducale, nel palazzo. Le celebri collezioni Grimani includevano opere di Leonardo, Giorgione, Raffaello, Bosch e Dùrer fra gli altri. In città è rimasto lo stupendo Breviario Grimani ora alla Marciana. Nell'800 Michele Grimani ha venduto tutte le altre opere a un antiquario e in poco tempo si sono disperse. Cercheremo di ricreare il gusto collezionistico del Grimani».
Al lavoro, con gli esperti della Sovrintendenza Annalisa Bristot, Sandro Longega, Ferdinando Rizzardo e Claudio Menichelli, c'è anche l'architetto spagnolo Salvador Perez Arroyo. «Arroyo ci sta aiutando a studiare un piccolo robot dal design minimalista - spiega la sovrintendente Renata Codello - che regola temperatura, umidità e illuminazione ma anche un terminale informatico».



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news