LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Musei ecclesiastici, larte di stupire
Domenico Montalto
Avvenire, 12-OTT-2005

Ammirare e comunicare il tema del quinto convegno nazionale dell'Amei, l'Associazione dei musei religiosi d'Italia, che si apre oggi a Susa. Studiosi e operatori a confronto per far uscire dall'ombra questa preziosa, peculiare offerta culturale

Che cos' un museo ecclesiastico? Il reliquiario di un passato ormai morto e sepolto oppure una realt viva, che comunica all'uomo d'oggi, attraverso la bellezza dell'arte sacra, la fede cristiana come qualcosa d'attuale e incontrabile? La domanda al centro del quinto convegno nazionale dell'Amei, l'Associazione musei ecclesiastici italiani, che si terr a Susa (Torino) da oggi a sabato. Ammirare e comunicare il titolo dell'assise che si apre sullo sfondo di uno scenario italiano caratterizzato dal protagonismo dei circa mille musei connessi a cattedrali, diocesi, famiglie religiose, enti caritativi, persino alle parrocchie. Un protagonismo riassunto dai numeri: dieci i musei ecclesiastici inaugurati nel corso del 2005 (costruiti exnovo o ristrutturati), ben venti nel 2004, un dato annuo ormai costante dal Giubileo del 2000. Riprova di un desiderio dei cattolici italiani di dar vita fattivamente a queste istituzioni, che sono anche il frutto del capillare lavoro di inventariazione intrapreso dalle diocesi in stretta collaborazione con la Cei. Insomma, in questi anni di consumo culturale di massa (segnatamente quello museale), i musei di enti religiosi rappresentano una nicchia contraddistinta da una propria specificit d'offerta legata al territorio, alla storia dell'ecclesia e della civilt locale; un'offerta culturale preziosa che per ancora sfugge alla percezione del turista ordinario ed solitamente ignorata da tour operator e agenzie di viaggi. Per questi musei, comunicare significa quindi abbassare, necessariamente, la soglia della visibilit, farsi scoprire e apprezzare, valorizzando i propri punti di forza. Si tratta di una strategia vitale.
Ma oggi, nella logica del mercato, i costi della mediazione culturale risultano elevatissimi: allestimento, restauri, visite guidate, laboratori didattici, conferenze, cataloghi, bookshop, prodotti multimediali, sito internet, pubblicit, comunicazione tutto ci impegna ingenti investimenti, generalmente insostenibili anche per le diocesi pi ricche.
Ma monsignor Giancarlo Santi, presidente dell'Amei (il convegno elegger il suo successore) si mostra ottimista, rimarcando i risultati concreti raggiunti in questi anni grazie all'impegno dell'associazione: La pubblicazione della mappatura completa dei musei religiosi italiani da parte del Touring Club, uno strumento editoriale autorevole per una conoscenza capillare, frutto del repertorio intrapreso anni fa proprio dall'Amei. C' poi la pubblicazione di importanti atti: quelli del corso accademico tenuto alla Cattolica di Milano sulla gestione dei beni culturali ecclesiastici e quello del precedente convegno Amei di Catania; da ultimo, imminente la stampa di un utile e atteso studio giuridico su questi musei. Il problema del reperimento delle risorse esiste e resta, ma la questione centrale la formazione di una cultura della gestione, altrimenti c' il rischio che queste istituzioni divengano fatalmente satelliti dei musei statali e civici per mancanza di futuro. Sulla qualit della gestione insiste anche Bernardo d'Onorio, abate e vescovo di Montecassino: Musealizzare le opere d'arte sacra un'operazione benemerita perch conserva i documenti visibili della fede, soprattutto dove le chiese non sono pi officiate vengono chiuse per mancanza di sacerdoti. Resta pero il problema gestionale, perch un piccolo museo - e di norma i musei ecclesiastici sono piccoli, anche se non "minori" - presenta necessariamente numeri piccoli, per pubblico e incassi, rischia di non sostenersi, di languire. A Montecassino abbiamo un milione di visitatori l'anno che ci consentono di mantenere un museo con sette impiegati; altrettanto per non avviene - per restare nel Lazio a Veroli o Anagni, che pur vantano musei bellissimi e importanti. Verso lo Stato, che pu aiutarci, non devono esserci diffidenza n troppa accondiscendenza.
Carlo Tatta, vicepresidente vicario Amei, insiste sulla questione del riconoscimento giuridico da parte dello Stato italiano: Dobbiamo operare perch i musei ecclesiastici abbiano il riconoscimento del Ministero dei beni culturali e, soprattutto, attenzione e interesse da parte delle Regioni, alle quali demandata potest normativa in materia. Siamo determinati a compiere atti ufficiali e ad instaurare un rapporto costruttivo con Roma e con le Regioni per ottenere l'effettivo riconoscimento di questa nostra realt peculiare nel quadro culturale del Paese. Riteniamo assurda la classificazione indotta dalla vigente normativa secondo cui i musei sono suddivisi in statali, di enti locali, di interesse locale e in questi ultimi si vorrebbero compresi i musei ecclesiastici; non possiamo condividerlo, n razionalmente sostenibile. Sussistono forti motivazioni giuridiche, storiche e di contenuto che prefigurano un riconoscimento del museo ecclesiastico come categoria distinta e autonoma per le medesime, precipue finalit che lo impongono all'attenzione oltre i limiti dell'angusto interesse locale.
Don Gianluca Popolla, direttore del Centro culturale diocesano di Susa organizzatore del convegno, responsabile di un insigne patrimonio d'arte e di una realt museale dinamica e fruita in quanto parte di una rete regionale di promozione turistica. Per Popolla il museo, tanto pi quello d'arte religiosa, pu essere un laboratorio di integrazione culturale, una "porta" che consente e agevola il dialogo - a partire dal sapere, dalla conoscenza e dall'esperienza estetica - con tutti, anche con i non credenti e con gli uomini d'altre Chiese o fedi come, nel nostro territorio, i valdesi e gli ebrei. Il museo come "grimaldello", come atto di comunicazione; questa la nostra scommessa. Ma bisogna scardinare la sufficienza, la pigrizia degli storici dellarte nel rilevare - in mostre e cataloghi - l'aspetto religioso delle opere d'arte. Un oggetto deve essere letto in tutto il suo vissuto.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news