LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Serrata del Carlo Felice La Finanziaria ci uccide
Renato Tortarolo
Il Secolo XIX, 11/10/2005

Il sovrintendente Di Benedetto: a rischio anche il cartellone di quest'anno e il Festival del balletto

Venerd chiuder il Carlo Felice. Sar la prima serrata della sua storia. All'ingresso, nel giorno di sciopero nazionale contro i tagli previsti dalla finanziaria 2006, metter un cartello: chiudiamo oggi per non chiudere per sempre. Gennaro Di Benedetto, 50 anni, genovese, sovrintendente del Carlo Felice dal febbraio 2003, lancia l'ultimo di una serie di allarmi: La riduzione del fondo unico per lo spettacolo, che in Italia sovvenziona lirica, prosa, musica cinema e circhi, sar del 40%. Quest'anno si era gi ridotto da 500 a 464 milioni di euro, quindi il Carlo Felice perder circa sei milioni di euro sui 13 milioni e 850 mila arrivati nel 2005.
Che effetti avr sulla vita del teatro?
Prevedendo tagli anche nelle sovvenzioni dagli enti locali, le entrate del Carlo Felice, che oggi si aggirano sui 30 milioni di euro, scenderanno di un terzo. Non potremo riproporre un cartellone con 12 produzioni come quest'anno e non so nemmeno se potr mantenere i sei spettacoli annunciati sino a giugno 2006, regolarmente venduti ai nostri 6.500 abbonati.
Vuol dire che rivedr il cartellone?
Peggio, rischiamo di cancellare alcuni spettacoli e proporre iniziative a basso costo che coinvolgano esclusivamente dipendenti del teatro, da mettere in scena in vari punti della regione.
E quindi chiuder il Carlo Felice?
In certi periodi s. Non ripeteremo i concerti di questa estate davanti a Palazzo Ducale e salterebbe anche il Festival internazionale del balletto, che intendevamo riaprire. Ovviamente, non posso prevedere la data di ripresa della stagione 2006-2007 che coincide con il 15 anniversario della ricostruzione del teatro.
A luglio il governo le ha tagliato sovvenzioni per un milione di euro: immaginava che con la Finanziaria sarebbe andata peggio?
No, quando un Paese fa fatica bisogna essere consapevoli dei sacrifici, ma noi li avevamo gi fatti. Abbiamo ridotto l'organico da 329 a 308 lavoratori, ridotto l'occupazione precaria e il costo del contratto integrativo aziendale, modificato la programmazione aumentando il numero degli spettacoli e delle recite. Ora bisogner ricominciare daccapo.
Come si ridurranno i conti del Carlo Felice?
Perderemo 10 milioni di euro dallo Stato. Non so come finir con i 2,5 milioni che prendiamo dal Comune, i 620 mila euro dalla Regione e i 60 mila dalla Provincia. Mentre, salvo ripensamenti, la Fondazione Carige ha gi decurtato il contributo per il 2006 di 600 mila euro: ci arriveranno solo 1,4 milioni.
Con gli sponsor va meglio?
L abbiamo ottenuto un buon risultato con 1 milione e 600 mila euro l'anno: spero che non vogliano abbandonarci proprio ora, ma mantengano il loro aiuto alla nostra attivit.
Cos' il Fondo unico per lo Spettacolo?
stato istituito nel 1985 e prevedeva finanziamenti per un miliardo di vecchie lire: col tasso d'inflazione di oggi sarebbero 750 milioni di euro, invece vogliono abbassarlo a trecento milioni, sotto la soglia di sopravvivenza indicata in 500 milioni di euro. Cifra che la Francia ha superato destinandone ben 537 al solo cinema.
In Europa rispettano di pi la cultura?
Sicuramente hanno capito meglio di noi che un motore di sviluppo: a Valencia, in Spagna, sabato scorso hanno inaugurato un nuovo meraviglioso spazio teatrale, il Palau de les Arts Reina Sofia disegnato da Santiago Calatrava, con quattro sale avveniristiche, 4.400 posti per opera, sinfonica, musica da camera e altri spettacoli. costato 400 milioni di euro ma Valencia pensa di farne un grande polo d'attrazione nei confronti di Madrid e Barcellona.
Come funzionano i teatri lirici europei?
A me piace la formula francese perch sovvenziona i progetti migliori, premia la qualit e non il numero di spettacoli prodotti in passato come succede in Italia. Ovviamente molti manager teatrali, me compreso, chiedono un passaggio ulteriore: quello adottato in Gran Bretagna e Stati Uniti che non prevede contributi ministeriali, ma la detrazione fiscale completa delle donazioni di societ e semplici cittadini. A quel punto, il vero appassionato di lirica ha tutta la convenienza a sostenere il suo teatro d'opera.
Chi perder da un Carlo Felice dimezzato?
Intanto il pubblico, che non vedr pi iniziative uniche in Italia come il trittico Mozart-Da Ponte che metteremo in scena a novembre. Poi, inevitabilmente, ci perderanno gli artisti perch saremmo costretti a ridurre i cachet. Infine quelle persone dall'occupazione saltuaria al Carlo Felice, perch non ci sar pi lavoro per loro.
Come si allestisce una stagione lirica?
Il nostro modello prevede di produrre un solo allestimento all'anno per mantenere i costi. Poi noleggiamo l'allestimento scenico e ingaggiamo il regista di spettacoli realizzati da altri teatri. A quel punto formiamo un cast con direttore d'orchestra e cantanti. Con questi tagli rischiamo di perdere opere prestigiose e abbassare la qualit dei protagonisti. Ma l'unico modo per partecipare alla vita culturale fare bene il nostro mestiere. Non ci rimane altro.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news