LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Leo Gullotta: «La cultura non è una spesa ma un investimento»
Roberta Ronconi
Liberazione, 11/10/2005

Spettacolo e cultura in sciopero il 14 ottobre contro i tagli della Finanziaria. Intervista all'attore che invita colleghi, lavoratori e cittadinanza ad aderire alla protesta.
«I motivi di questi tagli sono tutt'altro che oscuri. E' evidente che in questo modo si vuole tagliare non una spesa ma la possibilità, per gli abitanti di questo paese di sapere, capire, pensare»


«Imbarazzante, vergognosa, scelga lei le parole. Le peggiori vanno tutte bene». La decisione del governo di tagliare i fondi alle politiche culturali nella prossima manovra finanziaria scatena l'indignazione di Leo Gullotta. Non è certo il solo. In queste ore le voci di protesta ai tagli previsti dalla Finanziaria 2006 (circa il 40% degli stanziamenti del 2005) si stanno moltiplicando a grande velocità, lasciando intravedere una adesione massiccia allo sciopero indetto per il 14 ottobre. Ma Gullotta, attore, autore, mattatore televisivo e grande interprete teatrale, in queste ore ha una voce più decisa e stentorea del solito e le sue parole non si fermano alle condanne, cercano anche di capire il senso, di certe scelte. «La realtà è che viviamo in un paese in cui la cultura, negli ultimi cinque anni, non ha goduto di alcun appoggio, al contrario. E ora vengono a mangiare ulteriormente da un piatto già vuoto». I motivi, precisa Gullotta «sono tutt'altro che oscuri. E' evidente che in questo modo si vuole tagliare non una spesa ma la possibilità, per le persone di questo paese di sapere, capire, pensare. L'Italia di oggi è un paese governato da chi crede che il cittadino, più ottuso è meglio è, meno sa meglio lo si manovra». Gullotta è uno degli artisti italiani più impegnati nelle battaglie civili e politiche. Non bisogna certo pregarlo per vederlo impegnato in prima fila, quando è necessario. «In questi giorni farò tutto quanto è nelle mie possibilità per promuovere questo sciopero e per coinvolgere più persone possibili, tutti devono sapere che non è solo in gioco una serata in più o in meno a teatro ma il lavoro e la professionalità di 260mila persone che i tagli potrebbero far sparire dal mondo del lavoro». Il problema, sottolinea giustamente l'attore è di fondo, «ed è quello di un governo che vede la cultura come una spesa e non come un investimento. La differenza è sostanziale, anche perché ai tagli alla cultura e allo spettacolo corrispondono tagli alla scuola, all'università, alla ricerca. Il nostro è un governo che pensa che la cultura sia una cosa che riguarda i soliti quattro intellettualoidi di sinistra... Ma io mi domando, davvero non si poteva tagliare da qualche altra parte?». Gullotta ha la domanda e anche la risposta: «per esempio, era proprio necessario costringere i comuni a restituire l'Ici agli enti ecclesiastici? Così non solo gli si tagliano i fondi, ma li si costringe anche a sborsare soldi per pagare una improvvisa e inaspettata retroattività. Penso davvero tanto male se dico che sembra una manovra a fini elettorali?».
Non succede spesso che la cultura scioperi. «E' successo altre volte, per singole categorie - precisa il nostro interlocutore -. Ma ora la cosa è diversa, perché la situazione è nera come mai e credo che la percezione della gravità sia davvero diffusa. Non è questione di un gruppo di registi o di attori... Questa volta dobbiamo unirci in un solo abbraccio, lavoratori, popolazione, artisti e manifestare insieme. L'arte, la poesia, il teatro, il cinema, la musica... Tagliare la creatività vuoi dire tagliare il futuro».
Ricordiamo che, per protestare contro la manovra del governo, il mondo della cultura e dello spettacolo ha indetto un giorno di sciopero il 14 ottobre. Primo atto della protesta sarà la chiusura dei luoghi di spettacolo da parte delle imprese e lo sciopero dei lavoratori del settore. Nello stesso giorno alle 14.30 si terrà a Roma una grande manifestazione nazionale presso il Centro Congressi Capranica, a piazza Capranica.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news