LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Toscana della cultura si mobilita contro i tagli al Fus
Valentina Grazzini
11/10/2005, L'Unità, Firenze

ERANO in molti ieri mattina al Teatro Verdi, istituzioni e operatori, per fare il punto su quel che accadrà alla cultura toscana colpita dai tagli al Fus operati dalla finanziaria di Tremonti. Dalla senatrice Vittoria Franco, responsabile nazionale Ds per la cultura, all’assessore alla cultura regionale Mariella Zoppi fino al suo omologo di Palazzo Vecchio Simone Siliani. E poi gli operatori, dal presidente dell’Orchestra della Toscana Rosa Maria Di Giorgi (che ha ospitato la riunione, indetta dall’Unione metropolitana Ds di Firenze) ai direttori dei maggiori teatri dell’area, esperti d’arte, timonieri di festival. «Sta accadendo ora quel che non è mai accaduto prima - esordisce Franco -: la cultura è sempre stata il fanalino di coda,ma ora non si tratta di metterla all’ultimo posto, bensì di farla chiudere». Di fronte ad un taglio complessivo di 164milioni di euro, pressoché dimezzato dal 2001 ad oggi, la cultura ed in particolare lo spettacolo dal vivo sono in Toscana come nel resto della penisola messi in ginocchio. Con teatri che produrranno meno, festival che dovranno chiudere, musei e cinema alle prese con la corsa all’ultimo biglietto. «Il bilancio regionale 2006 era inferiore a quello passato, ma in maniera accettabile - le parole sono di Mariella Zoppi -. Alla luce dei tagli non credo che potremo mantenerlo. Il ministro Buttiglione afferma che lo spirito si nutre di cultura: spero che riesca a fare qualcosa perché questo abbia un concreto riscontro». «Non dimentichiamo che oltre ai tagli operati direttamente dal Ministero ci saranno anche quelli indiretti, che noi istituzioni locali dovremmo necessariamente operare perché a nostra volta costretti dal minore sostegno proveniente da Roma», commenta Simone Siliani. Mentre Claudio Fantoni, responsabile cultura dell’Unione metropolitana Ds, annuncia la propria personale protesta: una settimana prima del maxiemendamento governativo (che potrebbe operare un colpo di spugna sugli emendamenti proposti dalla maggioranza) inizierà uno sciopero della fame. Scenderanno in piazza “mettendoci la faccia”, fuor di metafora. L’estemporanea decisione - presa ieri a margine della riunione - di organizzare un happening di protesta giovedì prossimo ha trovato d’accordo tutti gli operatori culturali. Detto fatto: alle 6 di pomeriggio del 13 ottobre, vigilia della serrata che vedrà la quasi totalità degli esercizi di spettacolo chiusi, in piazza della Repubblica a Firenze sarà trasportata Divisor, l’installazione dell’artista africano Lygia Pape, attualmente in mostra al centro d’arte contemporanea Quarter. L’opera consiste in un lenzuolo lunghissimo costellato da 100 fori, che per l’occasione saranno riempiti dai volti degli addetti ai lavori. «Lo spettacolo ci ha rimesso la faccia» è il probabile slogan che accompagnerà la protesta, che riecheggia quello usato da MaggioDanza alla prima dell’ultima creazione di GiorgioMancini, pochi giorni fa: «Ci stanno tagliando le gambe». I Ds dichiarano piena adesione all’iniziativa.

v.gr.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news