LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TAGLI: cos che suicidano la cultura
Vittorio Emiliani
111/10/2005, L'Unit

I Soprintendenti e i direttori dei musei, delle aree archeologiche, degli archivi e delle biblioteche dello Stato non hanno pi i soldi per i francobolli, per il telefono, per la stessa tassa sui rifiuti (per cui rischiano una denuncia per evasione fiscale). Per il ministro Rocco Buttiglione il suo dicastero al limite estremo delle forze . Per chi ci lavora quel limite stato gi superato. Da tempo si usano i fondi straordinari del Lotto del mercoled, voluto dal ministro Veltroni per finanziare restauri, per far fronte alla spesa corrente. Con la prossima Finanziaria, che toglie al bilancio di previsione 200 milioni di euro e al Fui altri 125 milioni, il collasso assicurato. Nell'ultimo quinquennio, i fondi per il funzionamento, cio per la sopravvivenza degli Istituti, sono stati gi tagliati, con l'accetta, della met. Se il cinema, il teatro, la musica e la danza, giustamente, denunciano un salasso pari a 267,5 milioni di euro, fra Fus e altre leggi, il sistema della tutela statale, i musei, i siti archeologici, gli archivi, le biblioteche non stanno meglio.
Diluvia infatti sul bagnato di un Paese che destina alla cultura appena lo 0,16 per cento del suo Pil, contro lo 0,50 della media europea, contro lo 0,35 del Portogallo, lo 0,9 della Spagna, l'1 della Francia e addirittura l'1,35 della Germania. Un autentico suicidio, oltre tutto: nell'anno in corso, col turismo italiano in piena crisi, l'unico settore che tira quello culturale, quello delle citt d'arte, con un picco del 15 per cento a Pompei (ricordatevene, ne riparleremo presto), con punte pi che significative a Roma, a Firenze, a Venezia, a Palermo, ecc.
Il governo Berlusconi progetta dunque di sottrarre altro propellente al formidabile motore di un turismo che, per il resto, appare invece stanco, superato da altre concorrenze. Per disperazione, il ministro Buttiglione pensa di recuperare fondi aumentando tasse e biglietti che costano gi dai 7 ai 12 euro e che, per una famiglia di turisti di quattro persone, fanno una trentina o una cinquantina di euro per museo. Un genio. Maalla crisi strutturale dei musei e delle pinacoteche statali minaccia di aggiungersi quella dei musei e delle pinacoteche civiche se, come Tremonti prevede, la Finanziaria sottrarr al sistema delle autonomie l'11 per cento, come ha denunciato il presidente dell' Anci, Leonardo Domenici.
Le raccolte civiche sono ben 1.500 e si chiamano Musei Capitolini a Roma, Correr a Venezia, tutti i musei a Brescia, Castello Sforzesco a Milano, Palazzo Bianco e Palazzo Rosso a Genova, ecc. Dal gennaio scorso la Soprintendenza al Polo Museale di Napoli , denuncia il suo titolare, Nicola Spinosa, costretta ad operare senza sostanziali risorse finanziarie del Ministero.
Dovrebbe attingere "al mercato" in una citt che non ha imprenditoria, che non ha pi una sua grande banca, che citt di passo verso altre mete, che ha i maggiori musei in zone a rischio. Che possiamo fare? Chiudere i musei alle 14, ma perderemmo i visitatori del pomeriggio, mentre le spese per la sicurezza, per centrali termiche e altro correrebbero ugualmente. Senza dire che nel nostro organico non ci sono architetti o ingegneri, n informatici, che il personale amministrativo all'osso, quello dei custodi cronicamente inadeguato, chi va in pensione, qualunque sia la sua collocazione professionale, non viene sostituito, l'et media dei funzionari supera ormai i 50 anni. Anche in sede nazionale, i funzionari dei Beni culturali stanno ormai fra i 50-55 anni: senza concorsi, fra dieci anni, la specie sar estinta. Forse quello che si vuole a livello politico nazionale: dare un colpo decisivo al Ministero stesso, ai Musei che pi fanno gola ai privati, trasformandoli in Fondazioni (ovviamente, con fini di lucro, all'opposto di quelle americane). Si spiega cos come, nello scorso anno, contro i 65,9 milioni di euro richiesti, dopo infinite limature, dai Soprintendenti, il governo ne abbia concessi soltanto 26,8, condannando strutturalmente all'inedia gli organismo portanti della tutela e della conservazione. Rispetto ai piani del Ministero stesso, risultano vacanti oltre cento posti statali di archeologo, quasi duecento di archivista, 63 di bibliotecario, 39 di architetto, 91 di funzionario amministrativo. Nell'area della vigilanza latitano oltre seimila custodi. Si possono sostituire con sistemi elettronici? Bisogna riqualificare gli altri rimasti, e poi, adesso, i sistemi di sicurezza contro il terrorismo esigono altre attrezzature, altre spese.
Che si fanno senza averne, per ora, i denari. Non ci sono euro neppure per le missioni, oltre che per le bollette della luce e degli altri servizi, fa notare Gianfranco Cerasoli segretario della Uil Beni Culturali. Questo vuol dire che lo Stato rinuncia a svolgere le proprie funzioni, le ispezioni sul posto e altro ancora, dando ragione a chi vuole smantellare questo Ministero. Nel settore-chiave dei Beni Architettonici e del Paesaggio, incalza LiberoRossi, segretario della Fp-Cgil Beni culturali, la riduzione degli stanziamenti ora sul 70 per cento. Le stesse Direzioni regionali, quelle che mettono i vincoli, sono state costituito con personale rastrellato alla meglio dalle Soprintendenze di settore, a loro volta gi carenti. Fra le Soprintendenze pi penalizzate dai vuoti di organico (mancano all'appello ben 486 addetti) c' proprio quella speciale di Pompei retta, fin dalla sua costituzione, da Pier Giovanni Guzzo, archeologo di prestigio e di vasta esperienza, ora sotto attacco, quasi sotto assedio, quotidianamente. Quali sono i veri fini della gogna mediatica alla quale viene sottoposto il soprintendente Guzzo, dirigente dello Stato attento, rigoroso e onesto?, si chiede sempre Cerasoli. E si d questa risposta: Di fronte al muro di legalit innalzato a Pompei dall'attuale gestione, si tenta di aggirare l'ostacolo proponendo l'accorpamento di quella Soprintendenza con Napoli. lo stesso gioco riuscito a Roma con la Soprintendenza dell'Etruria Meridionale, che tutelava un'area precisa e specifica, con quella del Lazio. lo stesso gioco che si tenta di proseguire cancellando con un tratto di penna la storica Soprintendenza archeologica di Ostia Antica, retta con bravura e rigore da Anna Gallina Zevi, per fonderla con quella di Roma. Ma per Pompei, unita ad Ercolano, il sottosegretario Antonio Martusciello pensa ad una Fondazione privata. Probabilmente sul modello del Museo Egizio di Torino, sottratto alla competenza tecnico- scientifica pubblica. Da ultimo, denunciato dai sindacati, l'attacco portato al capo dipartimento centrale Giuseppe Proietti che in passato ha gestito con rigore la Soprintendenza delle zone terremotate in Campania e costituito l'Ufficio centrale per i Beni paesaggistici e che di recente ha guidato le nostri missioni in Iraq per il salvataggio e il restauro di quei beni archeologici. Venti o trenta anni fa i Soprintendenti guadagnavano stipendi miserandi. Ma, almeno, rappresentavano davvero lo Stato avendo poteri monocratici che oggi si sognano, anche nei confronti dei politici. Le retribuzioni sono un po' cresciute - anche se i dipendenti dei Beni e delle Attivit culturali sono gli statali che costano meno di tutti (35.207 euro contro una media di 36.375 e i 45.181 dei colleghi dell'Ambiente) - per i loro dirigenti sembrano, con questo incredibile governo, davvero alla merc del primo politico che passa.


VITTORIO EMILIANI



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news