LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ma al ministero boom di direzioni : Saliti da 4 a 31 gli uffici di comando - Rigida flessibilit: il caso dei 1.500 giubilari
09-OTT-2005 IL Sole 24 Ore



Per farsi un'idea dei cambiamenti che hanno investito di recente il ministero dei Beni culturali basterebbe dare un'occhiata ai pavimenti. Ad esempio a quelli del terzo piano che in meno di 10 anni sono passati dal linoleum al parquet fino al marmo. E non escluso che prima o poi si ritorni al cotto originario. Facendo un giro per le stanze del Collegio romano, i lavori sembrano tutt altro che finiti. Pi di un'ala dello storico palazzo capitolino ancora un cantiere aperto. Il fatto pi curioso tuttavia un altro: un "bradisismo" di portata simile sembra aver investito anche l'organigramma del dicastero. Alla quasi immutabilit che ha caratterizzato i suoi primi tre lustri di vita (dal 1975. quando i Beni culturali sono stati creati, al 1999), seguito un quinquennio di grandi riorganizzazioni. Anche perch, nel medesimo arco di tempo, si sono succeduti il decentramento amministrativo della riforma Bassanini, la riscrittura del Titolo V e il codice Urbani.

Organi e organici.

L'effetto collaterale della riorganizzazione stato un vero e proprio boom delle direzioni generali: dai quattro uffici centrali e una direzione generale delle origini si passati alle otto direzioni generali (pi un segretario generale), del '99 e infine ai quattro dipartimenti, dieci direzioni generali e 17 direzioni regionali del 2004. Posti di prestigio e anche ben remunerati, visto che ogni direttore generale si porta a casa 136mila lordi ogni anno, benefit a parte. La proliferazione delle strutture apicali stata compensata solo grazie a una progressiva e costante riduzione dei "sottoposti" a tempo indeterminato. Complice il blocco del turn over, dal 2000 al 2004 i nuovi assunti sono stati un migliaio, a fronte di quasi 2.500 cessazioni. Il personale in servizio presso i 41 uffici centrali e i 168 periferici del ministero oggi di circa 21 mila unit, contro i 25mila di qualche anno fa. Con una retribuzione annua che, al netto dei dirigenti, si aggira in media sui 23mila lordi.


La rigida flessibilit.

Contemporaneamente stato incentivato il ricorso alle forme contrattuali atipiche. Come ha sottolineato un recente studio della Funzione pubblica, il dicastero attualmente guidato da Rocco Buttiglione si segnala per l'adozione di un sistema di "rigida flessibilit". Il riferimento va a due fenomeni in particolare. Innanzitutto, all'assunzione avvenuta nel 2000 di circa 1.500 lavoratori a tempo determinato, i cosiddetti "giubilari". Gran parte di loro fa tuttora parte degli organici. In attesa di regolarizzarne la posizione, come chiedono a gran voce i sindacati, la soluzione "tampone" che s trovata stata quella di confermare di anno in anno la loro permanenza. Un caso analogo riguarda i circa 600 assistenti tecnico-museali che hanno iniziato lavorando solo nei weekend e, grazie ad accordi sindacali, sono progressivamente arrivati a coprire anche il 50% dell'orario di lavoro. Per alcuni si creato un problema di mansioni da svolgere. Pur essendo tutti dotati di una specifica preparazione da assistenti alla fruizione, capitato in pi di una circostanza che venissero utilizzati per coprire i posti (temporaneamente vacanti) di addetti alla vigilanza.
Mobilit inesistente. Quasi nullo il ricorso alla mobilit. Che si conferma il vero "tallone d'Achille" di tutte le pubbliche amministrazioni italiane. Le cifre ci dicono che appena 46 dipendenti (tra cui parecchi ex poliziotti) sono giunti ai Beni culturali dalle altre amministrazioni tra il "96 e il 2000. Ma di questi solo 40 sono tuttora in servizio.

Riqualificazioni di massa.

Non vanno meglio le cose quanto a formazione. Stando all'ultimo rapporto della Scuola superiore della pubblica amministrazione nel 2004 meno del 6% dei dipendenti dei Beni culturali ha svolto un'attivit formativa. Tanto pi che ancora non esiste uno specifico servizio dedicato alla formazione. In compenso, stato ampiamente sfruttato il meccanismo della riqualificazione. Dal 2002 questi avanzamenti di carriera hanno interessato pi di 14mila dipendenti. Non tutti per sono riusciti a ottenere l agognato passaggio di livello. Le progressioni verticali sono state meno di 7.500.


Informatizzazione al minimo.

Il panorama dell'informatizzazione si presenta estremamente frastagliato. In alcuni settori, come il sistema bibliotecario nazionale, la tecnologia all'avanguardia gi da anni. In altri l'adeguamento procede a rilento-e sulle scrivanie a farla da padrona ancora la carta. Valga l'esempio del protocollo informatico, la cui introduzione stata avviata nel'98 ma non ancora giunta a conclusione. Come spiega Elisa Bucci, dell'Ufficio studi: Nonostante ci siamo mossi in anticipo, ora ci troviamo in ritardo. Anche se vengono generati in formato elettronico e ottengono in automatico il numero d'ordine, tutti i documenti necessitano ancora di una segnatura manuale. La speranza aggiunge di arrivare entro la fine dell'anno alla gestione elettronica dell'intero procedimento. Pi diffusa infine l'e-mail. Anche se per ora pu essere utilizzata per meri fini informativi. I kit per la firma elettronica, necessari per conferire valore legale alla posta elettronica, sono stati appena ordinati.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news