LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LA FINANZIARIA cancella l'arte: a rischio teatro, cinema e musei
LUCIO CILLIS
09-OTT-2005 La Repubblica



ROMAPochi, rispetto al pedigree dell'arte italiana, ma c'erano. I contributi dello Stato a sostegno dello spettacolo nel corso dei 20 anni di vita del Fus sono stati erosi dall'inflazione, dai costi crescenti per la realizzazione di film, la messa in scena di balletti, di opere teatrali, di lirica e di classica.

Quelle somme erano comunque l a dare il proprio contributo, prima dell'ulteriore taglio al Fondo unico dello spettacolo (meno 142,2 milioni di euro) previsto dalla Finanziaria del ministro Tremonti, che ha cancellato anche altre norme di sostegno al settore (125,3 milioni in meno), provocando la rivolta dell'intero mondo dell'arte e della cultura italiana.

Un vero e proprio crollo degli investimenti a sostegno di settori ancora vitali, dal cortometraggio alla banda musicale di paese ma anche, di musei, della prosa, di festival, di scuole di formazione, della promozione della cultura italiana all'estero.

Dal 1985 al 2003 i fondi disponibili (pari a 363,485 milioni di euro) erano gi precipitati del 30% in termini reali e oggi, con l'insostenibile sforbiciata della Finanziaria, ridotti a meno della met rispetto alle origini della legge che li aveva istituiti, firmata nel 1985 dal presidente della repubblica Sandro Pertini.

Tutti questi dati sono contenuti nella Relazione che ogni anno il ministero dei Beni culturali invia al Parlamento.

L'ultima disponibile del 2003 e descrive fin nel dettaglio i mille rivoli dove i fondi vengono indirizzati e, quindi, le anime culturali che dopolamanovra verranno maggiormente penalizzate. Nel 2003 le percentuali di riparto del Fus, in pratica le aliquote, vedevano la lirica al primo posto per fondi ricevuti con il 48% del totale. A seguire il cinema, con il 18%, la prosa con il 17,6%, la musica col 13,5%, la danza e il mondo del circo con 1' 1,5% ognuno. Soltanto il taglio del 33% al Fondo, presente nella manovra 2006, ridurr in media di 68 milioni di euro la "dote" della lirica, di 25,5 milioni quella del cinema, di 19 milioni le risorse disponibili per la musica, di 2 quelle riservate alla danza e di altri 2 milioni i soldi destinati al sostegno dei circhi.

Accanto ai 142 milioni spazzati via dal Fus(restano 300 milioni annui da qui al 2008) ci sono altri 125 milioni di euro che vengono azzerati in Finanziaria: 30,9 provenivano dal Lotto, 92,2 milioni erano destinati pi in generale agli investimenti relativi al patrimonio culturale. E spariscono anche altri 2 milioni di euro devoluti all'arte contemporanea. In tempi di vacche magre e di cecit culturale sono svaniti pure 200 mila euro utilizzati dal Cnr per diversi investimenti a difesa del patrimonio culturale.

Le Regioni interessate dai colpi inferti dalla manovra allo spettacolo sono soprattutto il Lazio (dove arriva il 20% delle risorse del Fondo unico), la Lombardia (quasi il 14%) e il Veneto (con il 9,4%). A questi tagli, potrebbero poi aggiungersi quelli relativi a risorse riservate agli Enti locali, i cui rubinetti sono stati chiusi a monte da altri articoli della Finanziaria. Secondo Vincenzo Vita, assessore provinciale alla Cultura di Roma ci si trover di fronte al dilemma se sovvenzionare questa o quella mostra. Perch mancheranno almeno altri 130 milioni di euro di fondi destinati alla cultura. Ovvero un totale di 400 milioni di euro in meno dal 2006.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news