LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Lisippo? Fin pure in Brasile
Massimo Foghetti
Corriere Adriatico, 8 ottobre 2005

Nuovi misteri

FANO - Lisippo, si aggiungono nuovi misteri. Sciolto quello sul ritrovamento, ecco che ne compaiono altri. E' il professor Alberto Berardi a rivelarli. Secondo lo studioso la statua in un primo momento fin in Brasile, insieme a un carico di medicinali spediti a un missionario. I piedi poi. Non vero che non sarebbero stati ritrovati. Anzi, furono venduti per la bellezza di 300 milioni di vecchie lire. E poi c' quel viaggio che Pirani comp in America, a Malib. Un biglietto gratis, pare. Volo transoceanico e un taxi pronto ad aspettarlo all'aeroporto.
Il Lisippo dei misteri, Alberto Berardi svelta nuovi retroscena e strane coincidenze
"Fin anche in Brasile dai missionari"
Non vero che la statua era rimasta monca. I piedi furono ritrovati messi sul mercato e venduti per 300 milioni di vecchie lire

FANO - Anche se ormai molto stato detto e scritto, come accade per tutti gli eventi di eccezionale portata, la vicenda del Lisippo continua a mantenere molti misteri. Per il professor Alberto Berardi, che ha compiuto ricerche, ha mantenuto continui contatti con le autorit preposte e ha ascoltato diversi testimoni, non tutto stato chiarito. I piedi per esempio, sarebbero stati trovati e venduti. Per quanto? Secondo Paolo Moreno, massimo studioso di scultura greca, sarebbero stati valutati 300 milioni di lire. E ancora. In un primo momento l'esperto d'arte Elie Borowsky consigli a Getty di non pagare il Lisippo pi di 2 milioni di dollari. La somma, ricordiamo, sal invece fino a 3 milioni e 900miladollari.
"Federico Zeri - racconta Berardi - mi parl del luogo in cui fu effettuato il ritrovamento chiamato "Fossa del diavolo", un luogo maledetto che i pescatori evitavano come la peste, come mai il motopesca "Ferri Ferruccio" si diresse proprio in quel luogo? E perch per quarant' anni i membri dell'equipaggio furono sempre evasivi sulla identit di questo luogo?".
"Oscuri rimangono anche -continua il professore - i nomi di tutte le persone a cui fu mostrata la statua, una volta che questa fu portata a terra e nascosta nella zona del porto. Tuttavia un giornalista americano del "Saturday Review of litterature", tale Bryan Rostron, riporta in un suo articolo del 1979 che il parroco del porto sapeva". E' singolare come in tutta la vicenda si incontrino spesso dei religiosi: a Berardi fu riferito che la statua fu offerta anche a un potente monsignore del Vaticano che la rifiut. Non si sottrasse invece al compito di celarla nella sua canonica don Giovanni Nagni di Gubbio che fu processato e alla fine assolto in Cassazione. In pi una versione alternativa alla vendita del Lisippo da parte dei Barbetti a certi compratori milanesi, di cui il nome sempre rimasto sconosciuto, parla di una spedizione della statua in Brasile, effettuata insieme a materiale medico indirizzato a un missionario. In seguito la statua sarebbe tornata in Europa per giungere infine nelle aste londinesi. E' proprio il caso di dire che il Lisippo ha galleggiato tra la fossa del diavolo e l'acquasanta.
Sempre secondo le ricerche di Berardi, la seconda tappa del bronzo, una volta trasportato a terra, non fu un luogo prossimo a Carignano, ma lorto della casa di Dario Felici a Carrara. "Fu Felici stesso che me ne parl - afferma Berardi - tanto vero che Pirani quando lo venne a sapere si lament con il Felici per le sue confidenze. Evidentemente c'era un patto omertoso tra i due".
La cosa pi interessante, rivelata da Berardi e confermata anche da Athos Rosato, uno dei
componenti dell'equipaggio del "Ferri Ferruccio" che probabilmente costituisce la fonte, riguarda un frammento di bronzo che Pietro Barbetti stacc dalla statua e ripose nel suo portafoglio, a ricordo della statua. "Se si potesse rintracciare questo frammento - afferma il professore - sarebbe la prova incontrovertibile che il Lisippo ci appartiene e il Getty Museum non potrebbe far altro che restituircelo".
Un altro punto oscuro riguarda il fatto che non sarebbe mai stato appurato il coinvolgimento della Soprintendenza umbra in merito al rilascio di un'autorizzazione all'espatrio del reperto. Allora pi che di una statua di grandi dimensioni, si parlava di un "bron-zetto", equivoco ammissibile, dato che nessuna delle autorit inquirenti aveva visto l'oggetto d'arte di cui si parlava. Anche il viaggio di Pirani a Los Angeles, per Berardi rappresenta un piccolo mistero: soprattutto per la differenza di trattamento che ricevette il pescatore fanese, cui fu consentito di vedere la statua, rispetto a quello ricevuto dal consigliere regionale Giancarlo D'Anna respinto brutalmente dal personale addetto alla sorveglianza. Non solo. Pirani, sembra, viaggi con un biglietto omaggio e in aeroporto trov un taxi ad attenderlo.
Infine, perch le ricerche in mare sono state sempre rinviate? Di fronte a un ritrovamento del genere che rappresenta una ricchezza culturale inimitabile e anche una risorsa particolarmente accattivante dal punto di vista turistico e quindi economico, si sarebbero dovute muovere intere flotte di navi. Invece niente. Nonostante le promesse e le assicurazioni, nessuna seria ricerca stata fatta. Perch?
Si tratta di una delle tante domande che rimangono senza risposta, a fronte anche del ritrovamento di un altro bronzo di un atleta che si deterge con lo strigile, ritrovato nel mare di Lussino, forse appartenente allo stesso gruppo. "Noi saremo anche un po' feticisti - conclude Berardi - ma se il Lisippo vanta un alto valore culturale, perch chi ha il potere di agire a vantaggio dell'Italia, non lo fa?".



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news