LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MESAGNE: Proseguono i restauri a S. Maria degli Angeli
A. G.
10/10/2005 La gazzetta del Mezzogiorno

Ad Ostuni si sta intervenendo nella bella chiesa degli ex Cappuccini



San Lorenzo fuori le mura: nuove scoperte. L'iniziativa culturale, promossa dagli amici della biblioteca arcivescovile De Leo di Brindisi, dalla Societ di storia patria per la Puglia e con il patrocinio della citt di Mesagne, si svolger presso la biblioteca comunale mercoled 12 ottobre, con inizio alle 18.30. Dopo i saluti del sindaco Mario Sconosciuto, interverranno la dott.ssa Manuela Andreano, la prof. Maria Grazia Falla Castelfranchi, ordinaria di storia dell'arte medioevale e storia dell'arte bizantina presso l'universit degli studi di Lecce, e il prof. Giacomo Carito, direttore dell'ufficio beni culturali dell'archidiocesi di Brindisi-Ostuni. Coordiner i lavori il dott. Domenico Urgesi, direttore della civica biblioteca Ugo Granafei di Mesagne. Nell'occasione - spiega una nota - saranno offerte nuove proposte di lettura degli affreschi che sono in questa importante chiesa paleocristiana. La chiesa, come ebbe a scrivere Rosario Jurlaro, "nonostante le sue piccole dimensioni, ha un impianto basilicale a tre navate con abside triconca coperta a cupola nella parte centrale. La datazione di questo monumento va posta tra il VI e il VII sec. Questa chiesa pu essere rapportata, per l'impianto planimetrico, ad edifici di culto di epoca paleocristiana tra cui anche la cappella di San Felice a Cimitile.

10/10/2005
OSTUNI Sono iniziati i lavori di ripristino e di restauro della facciata esterna della Chiesa di Santa Maria degli Angeli, (ex chiesa dei frati Cappuccini), in via Rossetti e che si affaccia su piazza Italia e viale Pola. Un intervento improcrastinabile che interessa anche la parte adiacente e facente parte dell'ex convento che i frati occuparono sin dal 1585 (anno di edificazione del complesso architettonico) mentre tra gli anni ?60-90, quest'edificio fu trasformato per ospitare le carceri mandamentali. Per questa diversa destinazione, furono apportate delle modifiche strutturali che, nel tempo, hanno creato problemi di staticit. Per questi lavori, sia il parroco, don Domenico Melpignano, sia il Consiglio Pastorale, sin dall'anno scorso, hanno organizzato iniziative tese a far conoscere il restauro della facciata della Chiesa e la lunga storia del monumento. L'Amministrazione comunale ha destinato la somma di 5mila euro quale contributo per il restauro mentre il Consiglio pastorale e il parroco hanno lanciato un appello: Le somme raccolte sono insufficienti a condurre a termine i lavori, tra cui gli imprevisti. indispensabile che anche voi contribuiate, in base alle vostre possibilit, per la riuscita dell'impresa. Ci affidiamo al vostro buon cuore e all'amore che nutrite verso questa nostra e vostra Chiesa. stato attivato il conto corrente postale (n. 63816631, intestato alla parrocchia) per raccogliere fondi. L'Amministrazione ? ha sottolineato il sindaco, Domenico Tanzarella - ha sempre posto al centro della programmazione politico-amministrativa la decisa volont di contribuire a valorizzare il patrimonio storico, artistico e culturale della citt, nella convinzione che la cura dei monumenti e, pi in generale, delle varie testimonianze del passato, sia la via obbligatoria per accrescere il livello della coscienza storica che ci rende artefici di un ricco avvenire. In virt di tale scelta strategica, che assegna alla cultura un ruolo essenziale nella crescita civile della nostra Citt, si ritiene qualificante contribuire, con i mezzi a disposizione, alla realizzazione del restauro e del ripristino della facciata della chiesa di S. Maria degli Angeli. La storia ci narra che il complesso rimase danneggiato dal terremoto del 20 febbraio 1743 e fu in gran parte ricostruito. La stessa chiesa pur conservando un'impronta cinquecentesca rivela i segni dei lavori settecenteschi negli altari, nel coro e nella volta. La facciata della chiesa tripartita da lesene con al centro un portale con cornice lievemente aggettante. Sul muro laterale sono state collocate tre statue in pietra della fine del Cinquecento un tempo collocate in piazza San Domenico e formanti il Calvario unitamente ad una croce di ferro posta a ricordo di un celebre duello avvenuto nel Seicento tra il duca di Martina e quello di Noci, che vide soccombente quest'ultimo figlio di Giangirolamo Acquaviva noto come il Guercio di Puglia. L'interno della chiesa nel pi sobrio stile dei padri cappuccini e presenta diversi altari in pietra risalenti al 1750 e la grande macchina dell'altare maggiore in legno con tre dipinti di pregio opera di un ignoto pittore. Altri tre dipinti si trovano situati nella navetta laterale mentre diverse statue lignee adornano le nicchie dei vari altari tra cui spiccano quella di S. Rocco, l'Immacolata, il Cristo Risorto. E lo storico Luigi Greco ricorda: Tra la fine dell'800 e i primi del 900, il complesso stato interessato dai lavori in muratura che hanno compromesso in modo serio la monumentale bellezza della chiesa e la conservazione dell'intera struttura. L'attuale parroco, don Domenico Melpignano, negli anni '90 dopo aver restaurato il campanile su progetto dell'arch. Giuseppe Melpignano, ha deciso di intervenire per ripristinare integralmente anche la facciata liberandola da ogni segno di alterazione delle linee architettoniche originarie. opportuno che queste opeer si facciano.










news

16-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news