LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia, sotto l'intonaco la Fede del Tiepolo
Arturo Carlo Quintavalle
Corriere della sera, 10 ottobre 2005

Scoperto un affresco durante i restauri alla chiesa di Santa Maria Maddalena del Temanza

Il dipinto rivela la maestria del pittore anche nei temi religiosi

A Venezia, sotto l'intonaco di una chiesa ben nota del centro storico, affiora un nuovo dipinto di un pittore chiave del '700, Giandomenico Tiepolo (1727-1804) che, dopo la morte del padre nel 1770 a Madrid, se ne torna a Venezia dove inventa nuovi modi di racconto; La storia inizialo scorso aprile quando Ilarià Cavaggioni, architetto della Soprintendenza, inizia, nella chiesa di Santa Maria Maddalena, a togliere lo scialbo, l'imbiancatura che è stata data neH'800,per tirare fuori l'originario marmorino settecentesco, Un intonaco liscio, lucido, fatto con polvere di marmo, di particolare durezza. La chiesa è opera di Tommaso Temanza (1705-1789) che, dal 1763 ai primi anni '80, costruisce un edificio a pianta centrale che evoca il Pantheon o la tomba di Cecilia Metella sulla via Appia a Roma. Insom-ma, uno spazio rotondo all'esterno, all'interno esagonale con quattro cappelle scandite da grandi colonne con capitelli ionici; ora sull'altare, vediamo un organo. Sta qui, nella vicenda degli spostaménti dell'organo, la chiave per capire le origini del-. l'affresco del Tiepolo. Dunque vi è una lunetta perfettamente bianca proprio sopra l'organo e l'altare: si fanno dei saggi per vedére che cosa c'è sotto la imbiancatura ottocentesca e si scoprono tracce di rosso, colore a fresco dipinto a sua volta sopra l'intonaco a marmorino. Con prudenza si libera dal bianco la superficie dipinta e, entro una cornice circolare, emerge là figura della Fede con nella destra la croce e nella sinistra il calice; due altre figure, ancora da scoprire, stanno ai lati del cerchio. Monocromo rosso, rialzi di bianco, la attribuzione è immediata; dunque Roberta Battaglia, ispettrice e storica dell'arte, non solo individua i nessi con Giandomenico e le sue opere tarde, ma compie, con l'architetto Cavaggiori una ricerca di archivio che permette di ricostruire l'intera vicenda del dipinto.
Questo affresco- non è la sola opera di Giandomenico nella chiesa, un tempo infatti, subito sotto la lunetta, stava l'Ultima Cena.
II Temanza costruisce l'edificio concependolo come tempio neoclassico tutto bianco, intonacato a marmorino; nel 1793 l'organo viene spostato sull'ingresso e si libera un grande spazio sopra l'altare, per questo si chiede a Giandomenico Tiepolo di dipingere a fresco la grande lunetta con la Fede e, sotto, l’ Ultima Cena. Quando nel 1845 si sposta di nuovo l'organo ricollocandolo sopra l'altare si rimuove l'Ultima Cena e si imbianca la lunetta di Tiepolo; del resto oggi parzialmente coperta dall'organo. Infatti in un documento del 1845 leggiamo: «Nell'arcata superiore del cornicione mirasi effigiata ad affresco la Cattolica Apostolica Fede per mano del distinto Domenico Tiepoletto (così era chiamate Giandomenico figlio di Giambattista) da di cui mediocre studio del suo (valente pennello fu pure imprimila la tela sottopo sta significante l'Apostolica Cena di nostro Signore Gesù; collocata con buon giù dizio, in forma di palla (pala), nel vano della nicchia lasciata».
Dunque analisi delle strutture, scoperti L degli affreschi, ricerche di archivio: tutto per un dipinto di qualità di un protagonista della pintura del '700. Ma l'affresco appena ritrovato è importante anche per altre ragioni. Nella bibliografia consueta sul pittore si parla di due lingue di Giandomenico Tiepolo, quella derivata dal padre Giambattista, sostanzialmente tarocca, ; quella nuova, realistica, segnata da un dialogo di versò con gli spazi e le persone, da una parte dunque la scena sublime della divinità, dei principi, figure simboliche contro grandiosi cieli trapassati di luce, dall'altra il mondo del quotidiano, quello dei personaggi, dei protagonisti della Venezia reale. Lo schema, che viene dalla impostazione longhiana del rapporto fra padre e figlio e che è stato in parte ripreso dalla critica più avvertita, non sembra reggere e lo dimostrano le opere religiose di Giandomenico e dunque anche e proprio questa Fede.
La figura, che qui vediamo appena tratta da sotto l'intonaco, dunque senza restauri o ritocchi, mostra una vivacità di stesura e di racconto evidenti, scrittura pittorica vibrante, grande immediatezza. Il confronto è coi monocromi del Palazzo Contarmi Dal Zaffo: scene pagane, sacrifici, in quei dipinti; confronti anche, ed evidenti, con altre opere che si conservano a Ca' Rezzonico con storie di centauri, satiri, fauni, e sacrifici pagani: la stessa vivacità, la stessa tensione, la stessa rapidità eccezionale di esecuzione della pittura a fresco.
Senza voler scomodare le serie dipinte e disegnate coi Pulcinella dell'ultimo tempo di Giandomenico basterà vedere alcuni disegni, come Uomini che osservano un branco di leoni del Courtauld Institute di Londra, oppure II mercato di collezione privata a New York, firmato e datato 1800, per ritrovare gli stessi modi del panneggio, la stessa tensione plastica della Fede di Venezia appena scoperta. Credo che la storiografia artistica qualche volta tenda ad apprezzare soltanto i dipinti di soggetto profano di Giandomenico, mentre, quando l'artista dipinge temi religiosi, si ritiene che egli ritorni ai modelli paterni.
Questo affresco dimostra il contrario e permette forse di recuperare, non alla retorica ma al racconto più denso di accenti veritieri, anche le pitture di tematica religiosa di Giandomenico, innovatore, ancora alla fine della esistenza, della lingua pittorica veneziana.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news