LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Non si uccide così anche la Cultura?
Rita sala
Il Messaggero, 9 ottobre 2005

VALENCIA - “Un giorno per la storia”, ha titolato la televisione spagnola, celebrando l’inaugurazione, attesissima, del Palau de les Artes di Valencia. E davvero, di fronte a ciò che si è visto e vissuto ieri sera, prima durante e dopo il Gala musicale diretto da Lorin Maazel alla presenza della regina Sofia, risulta in tutto e per tutto motivata la frase roboante.
Duecentocinquanta milioni investiti dalla Comunità Valenciana in una impresa che completa stupendamente la Città della Scienza e delle Arti progettata e realizzata da Santiago Calatrava nell'arco di 14 anni. Un Colosseo della musica che, edificato in 6 anni, comincia a vivere oggi con i suoi 5 auditori, i suoi giardini pensili, i ristoranti, le terrazze e le piscine, potendo contare per il futuro sullo stesso appoggio finanziario che il Governo spagnolo assicura al Teatro Real di Madrid (18 milioni) e al Liceu di Barcellona (12 milioni). Il contributo non arriverà comunque in tempo a sostenere la prima stagione, ma anche questo era previsto: i programmi offerti dal Palau saranno ugualmente «ricchi, diversificati e di altissimo livello artistico e produttivo», assicura Elga Schmidt, intendente del Palau.
Tanto più festosa è apparsa Valencia, con i suoi fuochi di artificio famosi nel mondo, la gente entusiasta e l’intera città per la strada, attorno alla nuova casa della Cultura, quanto più triste e assurda figura, per contrasto, l’Italia di una Legge finanziaria che mette in ginocchio proprio i Beni Culturali e le Arti. Qui, da noi, si è deciso un taglio ulteriore ai finanziamenti della Cultura pari a circa il 40 per cento (da 464 a 300 milioni di euro). Un colpo basso e inutile contro il quale non solo la base, ma gli stessi vertici di settore si stanno ribellando con forza. Il ministro Rocco Buttiglione non usa mezzi termini: «Non basta ridurre il taglio, occorre proprio cancellarlo. Non sono i 250 milioni di euro complessivi, fra decurtazioni al Fus (Fondo unico dello Spettacolo) e riduzioni degli apporti derivanti dal Lotto, a poter sanare il bilancio dello Stato. L’unico effetto del provvedimento sarebbe la débacle della cultura e dello spettacolo nel nostro Paese».
«Chiuderebbe i battenti il centro sperimentale di Cinematografia - incalza Gaetano Blandini, direttore generale del Cinema -, non si potrebbe fare la Mostra di Venezia, cesserebbe l’attività della Cineteca nazionale..., l’intera attività produttiva risulterebbe inevitabilmente depressa...». E Salvatore Nastasi, suo corrispettivo per lo Spettacolo dal vivo e Sport: «Il taglio, che come dice il Ministro nulla risolve a livello generale, firmerebbe invece la condanna delle nostre Fondazioni liriche, degli Stabili, delle compagnie di prosa e di danza, delle già ossute rappresentanze della sperimentazione...».
Le associazioni di categoria e i lavoratori, naturalmenete, non accettano la fine e scendono in piazza compatti. Dopo aver assorbito con indubbio senso di responsabilità nel corso delle ultime stagioni, i progressivi ridimensionamenti dell’apporto pubblico al loro lavoro, adesso dicono basta. Non hanno nemmeno più la speranza di appellarsi agli enti locali, che, a loro volta, subiranno forti riduzioni degli stanziamenti fin qui loro demandati.
Le note del preludio della Carmen di Bizet, che ieri sera Maazel ha trionfalmente fatto risuonare a Valencia, se rapportate alla situazione italiana, hanno il passo di una beffa. E dire che possediamo gli edifici teatrali che hanno fatto la storia della lirica, le sale dalle quali sono partite le istanze europee degli Stabili di prosa (il Piccolo di Milano fondato da Strehler e Grassi), le nuove realtà aggregative (il Parco della Musica di Roma), che l’opinione internazionale annovera fra quelle esemplari per una metropoli contemporanea.
Dobbiamo rassegnarci, nonostante questo, alla decadenza culturale? Vorremmo proprio sperare di no. Siamo pur sempre la terra della musica, dei grandi attori, dei parchi archeologici, ma anche di magiche riprese di cui nessuno, alla fine, sa identificare i meccanismi. Eppure Valencia apre al mondo il nuovo Colosseo, fatto per le orchestre, non per i gladiatori, mentre noi annaspiamo per trasformare una già lunga agonia in semplice sopravvivenza. Un po’ poco, non credete?







news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news