LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ciampi: "Teatri specchio di civilt " E ad Acqui abbattono il Politeama
SAVERIO VERTONE
09/10/2005 - La Repubblica, Torino



Poich un fatto compiuto pu essere il frutto di una giustizia incompiuta, utile richiamare in causa ci
che non doveva accadere ed accaduto.
Ad Acqui stato recentemente demolito un teatro molto importante per le sue doti architettoniche e storiche. Il Comune ha deciso di farne un silos per automobili. E la demolizione, sospesa per qualche tempo, avvenuta di colpo, quando stava formandosi un fronte che poteva ostacolarla.
Ora, fino a prova contraria Acqui in Piemonte, e il destino delle sue risorse dovrebbe interessare i piemontesi. Fino a prova contraria il Politeama Garibaldi, condannato alla demolizione dalla ottusit del Comune, avrebbe dovuto essere protetto dalle Sovrintendenze (provinciali e regionali) e dal Governo. Fino a prova contraria le Sovrintendenze e il Governo non lo hanno fatto. Sicch opportuno occuparsi delle "prove a carico". Non si pu dire che la citt abbia accettato passivamente la prospettiva di perdere un teatro in cambio di un silos. E neppure che non ci siano stati interventi preoccupati e ripetuti di intellettuali e di comuni cittadini.

IL SETTIMANALE "L'Ancora" ha pubblicato due importanti lettere del direttore del Festival teatrale europeo, il regista Beppe Navetta. Il quale ha cercato di scongiurare lo scambio tra un monumento irrecuperabile una volta distrutto e u n magazzino facilmente collocabile altrove. Qualche anno fa ad Acqui era stato indetto perfino un referendum, al quale purtroppo aveva partecipato solo il venti per cento della popolazione. Malgrado l'insuccesso, il referendum aveva diffuso l'allarme stimolando i cittadini a passare dall'indifferenza iniziale ad un appassionato interesse per la sorte del Politeama. Navetta ricorda infatti che proprio in quell'occasione molti cittadini avevano cominciato a fare sopralluoghi, constatando che era iniziata la demolizione e che al posto del palcoscenico si era aperto uno squarcio buio.
Fino a pochi giorni fa era per rimasta in piedi la "platea all'italiana", circondata dalla corona dei palchi. Osservandola, la gente aveva potuto capire, che il teatro "un luogo dove non si va soltanto a vedere uno spettacolo, ma anche a guardare se stessi, spiando gli altri spettatori che guardano a loro volta noi". Un luogo, cio, in cui si pu sviluppare, meglio che altrove, la consapevolezza sociale, estetica e linguistica di una popolazione.
Non si pu dire che in questa occasione il Parlamento sia rimasto insensibile. Al contrario, mentre i demolitori tornavano alla carica minacciando di estirpare il rosone centrale, l'on. Gabriella Pistone (seguita da Rava, Sgarbi, Biondi, Merlo e altri deputati di entrambi gli schieramenti) aveva presentato uninterrogazione al Ministero dei Beni Culturali, chiedendogli di non avvallare la passivit delle Sovrintendenze alla "delibera scellerata"del Comune.
L'iniziativa veniva ripetuta due volte: il 14 Luglio e il 21 settembre. Ma, dopo la seconda interrogazione, forse per creare il fatto compiuto prima che le proteste potessero fermargli la mano, il Comune ordinava la fulminea distruzione dell'edificio. In un baleno arrivavano le ruspe e la sala ellittica,dove una patina del razionalismo primo Novecento aveva rinfrescato l'impianto originario della belle poque, crollava in una nube di polvere. Per una singolare coincidenza, mentre il Comune di Acqui si accaniva contro il Politeama, Il Presidente Ciampi dichiarava pubblicamente che "il teatro lo specchio dell'identit di una nazione" e che il numero di edifici in cui il pubblico pu assistere a spettacoli di prosa" l'indice di civilt dell'intero Paese".
Con tanti complimenti, quindi, per il Comune e per le Sovrintendenze, che si sono fatti in quattro per interpretare a rovescio il monito della massima autorit dello Stato.
Adesso che la giustizia incompiuta ci ha messo di fronte al fatto compiuto, che cosa si pu fare? Accettare che tutto finisca qui senza un seguito, aspettando che si ricominci da un'altra parte? Subire la concatenazione interminabile dei fatti compiuti per la mancata comprensione o la incompiuta sorveglianza delle Sovraintendenze? E perch? O mettere una buona volta di fronte al fatto compiuto di una pubblica riprovazione Sovraintendenza e Governo?



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news