LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Villa Borghese oltre i restauri anche gli scempi. Spianare il terreno di una villa storica come scrivere con un pennarello su un quadro
di Mahvash Alemi
L'Unit, 09/10/2005, Roma


NEL 2003, in occasione dei festeggiamenti per il centenario dell'apertura di Villa Borghese al pubblico, ho visto una bella mostra di fotografie. In mezzo a tante mi ricordo di due foto, una ritraeva un gruppo familiare, padre, madre e tre bambini seduti su un muretto e l'altra gli stessi tornati nello stesso luogo dopo 22 anni. Era curioso vedere come erano cambiati. I genitori con i capelli bianchi e i ragazzi cresciuti. La ricerca di rivivere la loro memoria attraverso la stessa immagine mi colp piacevolmente. Oggi probabilmente i genitori saranno anziani e se volessero ritrarsi con i figli e magari con i loro i nipotini non potrebbero farlo.

Perch il muretto non c' pi! stato demolito per aprire una strada di passaggio per automobili. Comincio dal muretto, che pu sembrare insignificante, per entrare nel argomento pi vasto della salvaguarda di una villa storica.

Bisogna dire subito che in questi anni molte parti di Villa Borghese sono state oggetto di lavori di restauro, sia dei monumenti che del verde.
A cominciare dall'edificio principale il Museo Borghese riaperto dopo decenni, i Giardini Segreti, l'Uccelliera.
Si acquistata perfino una gru speciale per il reimpianto di alberi di grande taglio secondo il disegno seicentesco. Il Comune di Roma in questi anni ha affrontato la questione del degrado della Villa, che inizia dal 1938 con lo smantellamento delle cancellate artistiche che la cingevano, l'asfaltatura dei viali interni e la semidistruzione dei propilei Egizi per ampliare la strada e consentire il passaggio delle automobili.

Ma bisogna anche dire che altri atti della stessa amministrazione, in maniera contraddittoria, vanno contro i principi della salvaguardia.
E ci ancor pi grave oggi, che maturata una maggiore consapevolezza. La centralit di Villa Borghese nella storia dei giardini e nella storia urbana di Roma, stata ribadita nel Convegno Internazionale organizzato dai Beni culturali nel 2003.
Ma il muretto della famigliola nella foto emblematico.
L'apertura del varco stata decisa per permettere alle autovetture che vanno alla scuola Chateaubriand di trovare una via d'uscita riattraversando la Villa fino a Piazzale Firdawsi.

Qui, accanto alla statua del poeta Persiano, c' un cartello di divieto di transito ai non autorizzati! Si perch si vorrebbe che la Villa non fosse transitata dalle automobili. Infatti il Comitato per lo Studio e la Conservazione dei Giardini Storici dei Beni culturali prescrive di escludere il traffico di mezzi motorizzati.
La Giunta Comunale ha deliberato la disciplina di ZTL nel 2003 ed ha definito i veicoli ammessi nella categoria degli autorizzati. Oltre agli scolari sono inclusi i venditori che hanno le loro bancarelle davanti all'uscita della Metropolitana A in piazzale Ferrero-Flaminio.

Venditori che da anni dovrebbero essere spostati altrove perch l'uscita dalla Metro non sarebbe sicura in caso di incendio o, visti i tempi, di possibili attentati. Invece di recente stato creato anche un parcheggio per loro lungo via di Villa Ruffo.

Dove i pochi abitanti della strada, gli unici che dovrebbero essere autorizzati e lo richiedono da anni, non hanno diritto. La Villa un organismo vivente, sar mutilata, se si considera una sua parte come "marginale". Un giorno perde un muretto di cinta, come se gli si strappasse la pelle.
Un giorno gli si aggiunge un Globe Theatre, solo perch viene gentilmente regalato al Comune di Roma! E invece di sistemare il teatro in una delle periferie, non si trova altro luogo idoneo che la pancia della Villa, dove il Bubbone si installa cambiando la morfologia del terreno.

Evidentemente non si comprende che spianare il terreno di una Villa come tagliare il seno ad una donna. Se questa immagine vi sembra troppo cruenta, come disegnare su un quadro con un pennarello nero! Spero che sia vera la notizia che stato prescritto di abbassare il livello della nuova linea della Ferrovia Roma Nord che passer sempre in questo punto della Villa. Ci per evitare di cambiare la forma del terreno e per poter reimpiantare gli alberi. Sempre in questo punto, "marginale", sono aperti i cantieri per i saggi archeologici della linea ferroviaria, ed stata scoperta una strada Romana detta "dell'agnello" che portava verso Villa Giulia.

I ritrovamenti verranno spostati credibilmente in un museo. Sotto al Pincio il Comune sta facendo un parcheggio senza che il Municipio competente abbia espresso il suo parere! E incombe un altro progetto insensato, denominato "Nuova Porta per il Centro Storico" che prevede di rialzare il livello dell'attuale parcheggio sotterraneo per permettere all'interno lo scambio tra bus turistici e quelli elettrici. E visto che ci si mettono le mani si propone anche un centro commerciale!Ma i parcheggi di scambio devono nascere alle porte di Roma, fuori dal Gra. Non nella Villa storica.
Altrimenti mentre da una parte si impiegano ingenti finanziamenti per restaurare la Villa e i suoi manufatti, dall'altra si prendono decisioni che portano al suo snaturamento.





news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news