LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CARTOLARIZZAZIOEN: II mistero delle nuove dismissioni - Ritornano le spiagge e l'Anas?
Il Riformista, 5 ottobre 2005


■ Una delle tante incognite della finanziaria si chiama «dismissioni straordinarie di immobili». Una partita enorme che sulla carta vale tre miliardi di euro ma potrebbe lievitare a sei e che è ancora sostanzialmente da definire. Servirà, come ha spiegato il vice ministro Vegas, a finanziare le misure pro-Lisbona, cioè gli interventi di rilancio dello sviluppo. Ma il vero interrogativo, naturalmente, è cosa conterrà questo pacchetto di nuove entrate. Al Tesoro scrollano le spalle: non si sa ancora nulla di preciso, anche se qualche idea inizia ad circolare. Si vocifera che Tremonti potrebbe tirare fuori dal cilindro la sua proposta dello scorso aprile della concessione delle spiagge che aveva provocato non solo la levata di scudi di molti governatori delle regioni meridionali, ma anche il sarcasmo di qualche collega di governo. Il misurato Pisanu aveva esclamato ad esempio che «finalmente la questione meridionale si risolve ai pubblici incanti!».
Allora Tremonti era vicepremier e al ministero dell'Economia comandava Domenico Siniscalco, indi la questione fu derubricata dopo pochi giorni. Ma l'ala tremontiana di Forza Italia ha continuato a considerarla un'ipotesi validissima di reperimento di nuove risorse, e anche di riqualificazione del settore turistico, tanto che il relatore al ddl competitività, Crosetto, l'ha inserita poco dopo nel provvedimento che si è poi arenato alla Camera.
Nel carnet delle ipotesi da inserire nel pacchetto dismissioni ci sono, dopo il successo dell'operazione Fip - la vendita ed il riaffitto di immobili pubblici che ha incassato 600 milioni in più del previsto - il Tesoro sta valutando nuovi immobili governativi da cedere con il meccanismo di lease back. Tuttavia, al di là dei nuovi eventuali appartamenti e simili rastrellati qua e là per garantire nuove entrate una tantum, l'interrogativo vero restano le operazioni di quest'anno rimaste in sospeso e che potrebbero essere rimbalzate, secondo alcune fonti del Tesoro, all'anno prossimo. Per il 2005 erano previste operazioni immobiliari per sette miliardi di euro, che allo stato dell'arte sono quasi tutte con esito incerto. Esempio: l'Anas, un'altra vecchia fissa di Tremonti, che ha cercato sin dal primo anno di governo a escluderla dalla P.A. per alleggerire il deficit di circa 2,5 miliardi di euro. Allora e nei successivi due anni glielo ha impedito una regola europea piuttosto elementare che dice: per non essere considerata non più statale, un'azienda deve garantirsi almeno il 50% di introiti pro-pri. Il suo erede, Siniscalco, ha continuato a coltivare quest'idea, tanto che ha tentato nuovamente di buttarla fuori dal perimetro della P.A nella scorsa finanziaria. Infine, è notizia delle scorse settimane che al Senato è stato accolto un emendamento al decreto infrastnitture del presidente della commissione Lavori pubblici, Grillo, che da l'avvio alla riforma dell'Anas attraverso la cessione di 4500 chilometri di strade e autostrade per l'equivalente di 3 miliardi di euro. Ora, se il decreto sarà approvato in tempo (sarà dura, con le esigue "finestre" parlamentari rimaste al di là della finanziaria), l'operazione va in porto da quest'anno la società di gestione delle strade non peserà più sul disavanzo. Ma altrimenti? La riforma potrebbe ipoteticamente essere trasferita in un emendamento alla finanziaria e garantire 3 miliardi di introiti per il 2006. In quel caso però ci sarebbe un buco nei conti pubblici 2005 di circa 0,3% di Pii. Lo stesso discorso vale per Scip3, l'operazione da circa un miliardo di euro di cartola-rizzazione degli immobili del ministero della Difesa e del Demanio sempre rimandata a causa delle resistenze dello stesso ministero . Se non andasse in porto entro la fine dell'anno sarebbe un altro buco nel deficit 2005. Un altro mezzo miliardo con un grande punto interrogativo restano alcune proprietà residue di Scip2, calcolate sempre sul 2005. Slitteranno al 2006, lasciando ancora una falla nei conti di quest'anno? In conclusione, se è vero che la partita dismissioni 2006 è ancora una casella vuota, è vero anche che non sono rimaste molte proprietà cartolarizzabili e che le vendite di quest'anno procedono molto a rilento. La tentazione di rimandarle all'anno prossimo deve essere insomma piuttosto forte, a via Venti Settembre. Ma una cosa del genere avrebbe effetti devastanti sul deficit 2005, e, dettaglio più grave, sul debito, il notorio vero tallone d'Achille dei nostri conti pubblici. ■



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news