LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CARTOLARIZZAZIONI / IL PIANO IN QUATTRO ANNI-Privatizzazioni, obiettivo 45 miliardi
Isabella Buffacchi
Il Sole 24-Ore, 5/10/2005


Altro che "pillole avvelenate" in dotazione alle società privatizzabili.
II veleno è l'ultima cosa che il Tesoro intende vendere al mercato. L'introduzione in Finanziaria, «ai fini del completamento del processo di privatizzazione», di una norma mirata a proteggere le società di interesse nazionale da scalate ostili, con strumenti finanziari partecipativi, dovrà consentire al Tesoro di ridurre all'osso (prevedibilmente il 10%) la sua attuale partecipazione in Eni, Enel e Finmeccanica.

La dismissione delle quote di azioni ancora in mano allo Stato, anche in settori "strategici", è destinata infatti a divenire lo strumento principe per ridurre il debito pubblico nei prossimi anni e rispettare così gli obiettivi di discesa del debito/Pil nel Dpef 2006-2009, confermati nella Relazione previsionale e programmatica 2006 e basati su un intreccio di ipotesi di saldo primario, crescita Pil e dismissioni di asset per 45 miliardi: di cui la fetta più grossa in privatizzazioni di società.

L'ambizioso, per non dire irrealistico, Dpef 2005-2008 prevedeva di ridurre il debito a colpi di accetta, cedendo asset pubblici per 100 miliardi di euro al ritmo di 25 miliardi l'anno.
Questa ipotesi di lavoro, elaborata nello scenario più ottimistico contenuto nel Piano di privatizzazioni 2005-2008 a opera di Patrimonio dello Stato spa e Kpmg, puntava su massicce cartolarizzazioni di crediti finanziari (poco meno di 30 miliardi), su corpose dismissioni immobiliari (38 miliardi compresi quelli degli enti locali), su privatizzazioni di quote azionarie (fino a 30 miliardi) con protagonista la Cassa depositi e prestiti.
Il nuovo Dpef 2006-2009 ha ridimensionato questo programma. I 100 miliardi di euro del 2005-2008 sono divenuti 45 nel 2006-2009: o anche 60 miliardi nel periodo 2005-2009 se si tiene conto di 15 miliardi di quest'anno.
Stando a fonti bene informate, nella nuova impostazione 2006-2009 sono cambiate le dosi della miscela di securitization di crediti, cessioni di immobili e dismissioni azionarie. Il pool delle attività finanziarie cartolarizzabili — i crediti insoluti Inps sono arrivati quest'anno alla sesta edizione — non è un pozzo senza fine: e non è emersa finora la volontà del Tesoro di ampliare questo bacino attingendo ai crediti d'imposta vantati dallo Stato. Il timore di trovarsi a dover raschiare il fondo del barile ha ridotto le attese di incasso per gli anni futuri da questo tipo di strumento: ne è la prova il ritardo della securitization sui crediti per la ricerca e l'innovazione emerso nell'ultimo dato di fabbisogno.
In quanto alla vendita di immobili mirata alla riduzione del debito, il progetto è stato curato da vicino dall'ex-mini-stro dell'Economia Domenico Siniscalco. Questo piano, a tutt'oggi una bozza in un cassetto chiuso a chiave a doppia mandata, prevedeva una modifica della legge istitutiva del fondo di ammortamento per i titoli di Stato, al fine di allungare con la cessione di proprietà immobiliari pubbliche la lista degli incassi mirati esclusivamente a rimpinguare il fondo per ridurre il debito. Giulio Tremonti, rientrato alla guida del ministero di Via XX Settembre, intende innanzitutto usare le dismissioni immobiliari (vietate a partire dal 2006 su deficit/Pil) come entrata straordinaria per finanziare fino a 3 miliardi di investimenti previsti dall'agenda di Lisbona: non è ancora
chiaro se il neo-ministro porterà avanti in parallelo il programma di dismissioni indirizzate alla riduzione del debito (con l'immancabile disco verde di Eurostat).
Per abbattere lo stock del debito pubblico e raggiungere la soglia del 100,9% debito/Pil per il 2009, al Tesoro non resta altro che concentrarsi sul programma delle privatizzazioni. La lista delle quote azionarie
in società pubbliche o quasi-pubbliche ulteriormente vendibili è lunga. C'è un po' di tutto: dalla Zecca alla Cdp, dalle Poste alla Rai, da Fincantieri a Snam Rete Gas e Terna, per finire alle partecipazioni residue in Eni, Enel e Finmeccanica.
L'opzione di vendere le quote strategiche alla Cdp sarebbe tramontata perché la Cassa deve rispettare i paletti imposti dalle agenzie di rating e dalle Fondazioni.

Per consentire al Tesoro di vendere al mercato scendendo sotto la soglia del 30% nelle tre società più strategiche (soprattutto Eni per la quale la golden share è meno facilmente esercitabile), la Finanziaria prevede una sorta di "pillola avvelenata" per permettere allo Stato di rientrare in possesso delle società privatizzate nel caso di minaccia di scalate veramente ostili.

Restano però numerosi punti da chiarire al mercato. L'articolo 55 fa riferimento alle «società di interesse nazionale»: quali sono? Viene menzionata una «qualificata» partecipazione azionaria dello Stato: cosa significa qualificata? 5%, 10%, 15%? E ancora: questa partecipazione deve essere diretta o può essere indiretta?



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news