LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CARTOLARIZZAZIONI: Una difficile eredit di 7 miliardi
ISABELLA BUFACCHI
SOLE 24 ORE del 4/10/2005


Le una tantum immobiliari, le dismissioni di propriet dello Stato realizzate tramite vendite dirette, cartolarizzazioni, fondi immobiliari o cessioni con riaffitto, sono divenute un abito per tutte le stagioni sulla passerella della finanza pubblica.
Le "one off" immobiliari tra il 2001 e il 2005 per oltre 20 miliardi di euro (di cui 7 miliardi del 2005 a tutt'oggi irrealizzati) sono servite a ridurre il deficit dell'amministrazione centrale e, sia pur in dimensioni trascurabili, a finanziare gli investimenti delle amministrazioni locali come concesso dal Patto di Stabilit interno.
Dall'anno prossimo, stando alla Finanziaria 2006, le una tantum immobiliari saranno utilizzate per tutt'altro scopo, ovvero, il finanziamento di investimenti straordinari (dai 3 ai 6 miliardi di euro). Gli ultimi due Dpef, per, non hanno escluso la possibilit di far rientrare la vendita di immobili pubblici per svariati miliardi di euro l'anno nelle operazioni mirate all'abbattimento dello stock del debito.
Quale che sia la tecnica pi o meno sofisticata adottata per effettuare le vendite di immobili (securitization, fondi, sale&rent back, anticipazioni) e quale che sia la finalit delle cessioni deficit, debito o investimenti non vi dubbio che le dismissioni immobiliari sono entrate a pieno titolo nella gestione dei conti pubblici in un periodo di crescita economica scarsa o nulla.
Il Tesoro fino all'anno scorso ha potuto attingere al bacino degli immobili pi facili da dismettere: le unit residenziali vendibili agli inquilini degli enti previdenziali. Questa risorsa stata pressoch prosciugata dalle cartolarizzazioni Scipl e Scip2. La terza securitization in stallo.
L'operazione Scip3, per un valore attorno a 1 miliardo di euro concentrata su 4.500 propriet residenziali non strumentali "sine titulo" del ministero della Difesa, in cantiere da anni e ha stentato fino ad oggi a decollare a causa delle resistenze di alcuni settori della Difesa: il lancio dovrebbe concretizzarsi entro la fine di quest'anno, come annunciato - pi volte - da fonti autorevoli del ministero dell'Economia.
Non ancora chiaro fino a che punto il Tesoro intenda proseguire anche il prossimo anno su questa stessa strada: cartolarizzazione di propriet immobiliari facilmente cedibili ovvero alloggi residenziali venduti agli inquilini. Una quarta Scip potrebbe riguardare le ex-Iacp, le case popolari: un cavallo di battaglia del sottosegretario al Tesoro Maria Teresa Armosi-no. Secondo le stime degli addetti ai lavori, si possono vendere fino a un milione di questi alloggi. Il valore di mercato queste ex-case popolari orbita attorno ai 72 miliardi di euro, secondo le stime riviste da Federcasa. L'incasso delle dismissioni ex-Iacp, secondo l'Armosino (si veda Il Sole 24 Ore del 29 maggio), dovrebbe per essere utilizzato per la costruzione di nuove case popolari per chi ne ha pi bisogno come le giovani coppie.
Un'altra operazione realizzata dal Tesoro sul fronte immobiliare, e che ha ottenuto un gradimento elevatissimo tra gli investitori istituzionali italiani e internazionali, il decollo del ' primo Fondo immobiliare pubblico (Fip): una vendita di uffici a uso governativo con contemporaneo riaffitto che assicura alle quote del fondo un rendimento certo. Se il Tesoro dovesse replicare questa formula entro la fine di quest'anno oppure nel 2006, di sicuro le porte del mercato si spalancherebbero perch questo strumento d'investimento considerato a basso rischio ma con un rendimento appetibile. Corre voce che il sale-and-rent-back potrebbe riguardare un pacchetto di uffici dell'Agenzia delle Entrate messi in vendita entro la fine di quest'anno. E che questa volta anche l'investitore privato potrebbe acquistare le quote del fondo. Ma le operazioni immobiliari 2005, per un totale di 7 miliardi di euro, sono in fase embrionale.
Di certo, entro la fine dell'anno vedr la luce PatrimonioUno, il primo fondo immobiliare della societ Patrimonio dello Stato spa. Anche la gestazione di questo fondo stata lunga e sofferta: l'arrivo di Giulio Tremonti alla guida del dicastero di Via XX Settembre potrebbe velocizzare la nascita di questo primo fondo. Forse il primo di una serie.
Per completare l'opera delle dismissioni immobiliari 2005 attesa anche una schiarita sul fronte Anas: la cessione di 4.500 chilometri di reti stradali statali dovrebbe contribuire a ridurre il deficit 2005 fino a 3 miliardi di euro. Nonostante le difficolt incontrate finora dall'operazione-Anas, altre infrastrutture - le concessioni per le spiagge e i porti turistici - potrebbero contribuire l'anno prossimo a rastrellare i 3 o 6 miliardi di euro di "dismissioni immobiliari straordinarie" dedicate al finanziamento di investimenti altrettanto straordinari.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news