LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NUOVI MUSEI: Che bella scoperta il Fuligno diventerà museo del Perugino
SABATO 8 OTTOBRE 2005, FIRENZE, LA REPUBBLICA



NUOVI cartelli segnaletici, la sala-refettorio allestita con 52 opere, al centro l'affresco del Cenacolo di Fuligno. E' come se aprisse al pubblico un nuovo museo. Perché fino ad oggi, vuoi per lunghi periodi di chiusura o perle aperture periodiche, era davvero difficile visitare il capolavoro dell'Ultima cena attribuito prima a Raffaello, poi a Perugino e alla sua cerchia di allievi. Da oggi fino all'8 gennaio 2006 ingresso libero in via Faenza 40 (ore 10-18, chiuso lunedì), al Cenacolo di Fuligno rinnovato e valorizzato come centro per ripercorrere l'attività, la presenza e la scuola di Pietro Vannucci, detto il Perugino, a Firenze.
Un nuovo museo dunque, che conserverà stabilmente molte delle opere esposte, dopo che la recente critica assegna definitivamente all'artista umbro la paternità dell'affresco dipinto intorno al 1497 e scoperto solo nel 1843, tanto che il granduca Leopoldo II si affrettò a riacquistare i locali ceduti anni prima a privati.
Con la mostra «Perugino a Firenze. Qualità e fortuna di uno stile» la città si riscopre quindi tappa fondamentale nella vita dell'artista che vi abitò circa 25 anni, dal 1472 quando entrò a far parte della bottega di Verrocchio, all'ingresso nella Compagnia di San Luca, fino alla frequentazione di artisti celebri come Leonardo, fino la 1511 data del suo rientro a Perugia. Ma è dopo aver affrescato la Cappella Sistina, con Botticelli, Ghirlandaio e Cosimo Rosselli, tra il 1481 e l'83, che Perugino acquistò la fama de«il meglio mastro d'Italia» nella tecnica «in muro», con ben due botteghe aperte a Firenze e Perugia e numerose committenze in città italiane. La mostra allestita al Cenacolo di Fuligno espone alcuni suoi capolavori provenienti da altre gallerie nazionali e private: Nozze di Cana, l'affresco staccato Cristo in pietà (proprietà dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze), Santa Caterina di Alessandria che con San Filippo componeva la pala dell'altare della Santissima Annunziata. A queste opere si aggiungono i disegni originali del Gabinetto degli Uffizi e una cornice di dipinti, altrettanto importanti, degli allievi di Perugino, che documentano la fortuna del suo stile fin troppo imitato negli schemi compositivi. Infine, dalla Galleria Palatina [Compianto di Cristo morto, Santa Maria Maddalena), alla Madonna e ai ritratti agli Uffizi, alla chiesa di Santa Maria Maddalena dei Pazzi, alle vetrate di Santo Spirito e San Salvato re a Monte, sono le opere dell'artista umbro che offrono un percorso in città. Iniziando appunto dalla mostra al Cenacolo curata da Rosanna Proto Pisani per il Polo museale fiorentino.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news