LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Antiquariato, girandola d'affari - L’ "Alzaia" venduto a 5 milioni
MARA AMOREVOLI
08/10/2005, La Repubblica, Firenze

Il capolavoro di Telemaco Signorini è stato acquistato da un collezionista americano


IL BRONZO settecentesco di Piamontini, con il «Sacrificio di Isacco», proveniente dal ciclo voluto da Maria Luisa de' Medici per il suo appartamento a Palazzo Pitti ed esposto dal gallerista Carlo Orsi, è stato venduto ad un collezionista milanese per 1,5 milioni di euro. Due dipinti di Canaletto in mostra da Lampronti se ne sono andatiper5milionidieuro. L'«Alzaia», capolavoro di Telemaco Signorini, battuto da Sotheby's lo scorso anno per4,5 milioni di euro, lascerà il gallerista londinese Jean-Luc Baroni verso la dimora diun privato americano che lo ha acquistato per 5 milioni di euro. Cifre da capogiro per le prime vendite alla Biennale internazio
nale dell'Antiquariato, in corso a Palazzo Corsini fino a domenica prossima. E sono molte anche le trattative in corso, con cifre altrettanto strabilianti, come la «Veduta di piazza del Laterano» di Bernardo Bellotto, esposta dal fiorentino Moretti per 3 milioni e mezzo di euro.
Domanda d'obbligo magari scontata: chi compra a queste cifre? «I collezionisti italiani e stranieri, per il piacere dipossede-
re un'opera d'arte di valore, senza dimenticare che è una forma d'investimento mai mutata nel tempo» spiega l'antiquario milanese Francesco Piva, che ha appena venduto (prezzo top secret) ad un professionista un grande quadro orientalista del 1870, che raffigura un mercato di schiavi in
Marocco.
Insomma intorno alla Biennale fiorentina, quest'anno ancora più galleria-museo di autentici pezzi scelti e rari, si avvertono segni di ripresa del mercato antiquario. La clientela in parte è cambiata: «Meno gente e ma più qualificata- insiste Piva- per un mercato che assorbe soprattutto dipinti e sculture, mentre mobili e arredi si scontrano con la nuova moda minimalista, con un cambiamento di costume». «Siamo soddisfatti -commenta Giovanni Pratesi appena riconfermato per il sesto anno presidente dell'Associazione antiquari d'Italia- C'è molto interesse, soddisfazione per gli elogi dei visitatori che ci confermano la centralità internazionale di Firenze, dopo Maastricht e Parigi. I collezionisti più importanti ci stanno premiando, sono venuti tutti. Sono state presentate opere davvero importanti, la soprintendenza fiorentina su 3.000 pezzi in mostra, sta facendo le sue verifiche dinotificasu300 pezzi, ma ci sono solo una ventina di giudizi ancora sospesi». Promesse di vendite, trattative ancora in corso fino a domenica, ultimo giorno di apertura della rassegna a Palazzo Corsini. Con la possibilità ancora aperta che alcune opere possano essere acquistate da qualche museo fiorentino e nazionale. Intanto stasera per i fiorentini e turisti si terrà il consueto spettacolo sul lungarno Corsini, con fuochi di artificio musicali preparati dalla ditta Soldi di Figline Valdarno.



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news